Mondo Religione: Le 4 fasi della vita nell’induismo

Nell’induismo, si ritiene che la vita umana comprenda quattro fasi. Questi sono chiamati “ashrama” e ogni persona dovrebbe idealmente passare attraverso ciascuna di queste fasi:

Il primo ashrama: “Brahmacharya” o Stage studentesco
Il secondo ashrama: “Grihastha” o Stage della famiglia
Il terzo ashrama: “Vanaprastha” o lo stadio eremita
Il quarto ashrama: “Sannyasa” o lo stadio ascetico errante

Un pezzo cruciale del ciclo di vita dell’ashram è la sua attenzione al dharma , il concetto indù di correttezza morale. Il Dharma è alla base di molti temi della vita indù e, nei quattro ashrama, il dharma viene appreso, praticato, insegnato e realizzato.

Storia degli ashrama
Si ritiene che questo sistema di ashrama fosse prevalente dal V secolo a.C. nella società indù, e descritto nei classici testi sanscriti chiamati Asrama Upanishad, Vaikhanasa Dharmasutra e Dharmashastra in seguito.

Gli storici riportano che queste fasi della vita erano sempre considerate più come “ideali” che come una pratica comune. Secondo uno studioso, anche ai suoi esordi, dopo il primo ashrama, un giovane adulto poteva scegliere quale degli altri ashrama desiderasse perseguire per il resto della sua vita. Oggi non ci si aspetta che un indù passi attraverso le quattro fasi, ma il concetto si pone ancora come un importante “pilastro” della tradizione socio-religiosa indù.

Brahmacharya: The Celibate Student
Brahmacharya è un periodo di educazione formale che dura fino all’età di circa 25 anni, durante il quale lo studente lascia casa per stare con un guru e conseguire conoscenze sia spirituali che pratiche. Lo studente ha due doveri: apprendere le abilità della sua vita e praticare una devozione costante nei confronti dei suoi insegnanti. Durante questo periodo, viene chiamato Brahmachari mentre si prepara per la sua futura professione, nonché per la sua famiglia e la vita sociale e religiosa che ci attende.

Grihastha: il capofamiglia
Questo secondo ashrama inizia al matrimonio quando si deve assumersi la responsabilità di guadagnarsi da vivere e sostenere una famiglia. In questa fase, indù prima dharma pratica, ma anche perseguire ricchezza o materiale gratificazione ( artha ) come una necessità, e concedersi piacere sessuale (kama), sotto certe norme sociali e cosmici definiti.

Questo ashrama dura fino all’età di circa 50 anni. Secondo le Leggi di Manu , quando la pelle di una persona si increspa e i suoi capelli diventano grigi, dovrebbe lasciare la sua casa ed uscire nella foresta. Tuttavia, molti indù sono così innamorati di questo secondo ashrama che il palcoscenico Grihastha dura una vita!

Vanaprastha: The Hermit in Retreat
Lo stadio Vanaprastha è uno di ritiro graduale. Il dovere della persona come capofamiglia termina: è diventato nonno, i suoi figli sono cresciuti e hanno creato una vita propria. A questa età, dovrebbe rinunciare a tutti i piaceri fisici, materiali e sessuali, ritirarsi dalla sua vita sociale e professionale e lasciare la sua casa per una capanna nella foresta dove può trascorrere il tempo in preghiera.

L’eremita è autorizzato a portare con sé il coniuge, ma mantiene pochi contatti con il resto della famiglia. Il ruolo del terzo ashrama è di essere consultato come anziani dalla comunità in generale, insegnando il dharma a coloro che visitano. Questo tipo di vita è davvero molto duro e crudele per una persona anziana. Nessuna meraviglia, questo terzo ashrama è ormai quasi obsoleto.

Sannyasa: The Wandering Recluse
Ashrama 4 è uno di rinuncia e la realizzazione del dharma. In questa fase, una persona dovrebbe essere totalmente devota a Dio. È un sannyasi, non ha casa, nessun altro attaccamento; ha rinunciato a tutti i desideri, paure, speranze, doveri e responsabilità. È praticamente unito a Dio, tutti i suoi legami mondani sono spezzati e la sua unica preoccupazione diventa il raggiungimento di moksha o il rilascio dal circolo della nascita e della morte. (Basti dire che pochissimi indù possono salire a questo stadio per diventare un asceta completo.) Quando muore, le cerimonie funebri (Pretakarma) vengono eseguite dal suo erede.

Articoli correlati