Muore a 77 anni l’ex presidente del tribunale vaticano Giuseppe Dalla Torre

Giuseppe Dalla Torre, giurista ritiratosi lo scorso anno dopo più di 20 anni da presidente del tribunale della Città del Vaticano, è morto giovedì all’età di 77 anni.

Dalla Torre è stato anche Rettore di lunga data dell’Università Libera Maria Santissima Assunta (LUMSA) di Roma. Era sposato e aveva due figlie, una delle quali è deceduta.

I suoi funerali si terranno il 5 dicembre presso l’Altare della Cattedra nella Basilica di San Pietro.

Dalla Torre era il fratello di Fra Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, che è stato il Sovrano Gran Maestro dell’Ordine di Malta dal 2018 fino alla sua morte il 29 aprile 2020.

I due fratelli discendevano da una nobile famiglia con lunghi legami con la Santa Sede. Il loro nonno è stato per 40 anni direttore del quotidiano vaticano L’Osservatore Romano, viveva a Città del Vaticano e aveva la cittadinanza vaticana.

Quest’estate Giuseppe Dalla Torre ha pubblicato “Papi di Famiglia”, un libro su tre generazioni della sua famiglia e il loro servizio alla Santa Sede, che abbraccia più di 100 anni e otto papi.

Nato nel 1943, Dalla Torre ha studiato giurisprudenza e diritto canonico prima di prestare servizio come professore di diritto ecclesiastico e diritto costituzionale dal 1980 al 1990.

È stato rettore dell’università cattolica LUMSA dal 1991 al 2014, e dal 1997 al 2019 è stato presidente del Tribunale dello Stato della Città del Vaticano, dove ha guidato i due processi cosiddetti “Vatileaks” e ha curato la riforma del diritto penale della città stato .

Dalla Torre è stato anche consultore di vari dicasteri vaticani e professore in visita presso diverse università pontificie di Roma.

La sua carriera comprendeva essere editorialista per L’Avvenire, il quotidiano della Conferenza episcopale italiana, membro del Comitato Nazionale di Bioetica e presidente dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani.

Dalla Torre è stato luogotenente generale d’onore dei Cavalieri del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Il rettore della LUMSA Francesco Bonini ha dichiarato in un comunicato sulla morte di Dalla Torre che “è stato un insegnante per tutti noi e un padre per molti. Lo ricordiamo con gratitudine e ci impegniamo a sviluppare la sua testimonianza di verità e di bontà, una testimonianza di servizio “.

“Condividiamo il dolore della Sig.ra Nicoletta e Paola, e insieme preghiamo il Signore, all’inizio di questo tempo di Avvento, che ci prepara, nella speranza cristiana, alla certezza di una vita che non ha fine, nella Sua amore infinito ”, ha concluso Bonini.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID