I Musulmani ci stanno dando dei gran punti! Ancora per quanto? di Viviana Rispoli (eremita)

musulmano_prega_milano_perterra_lp

I musulmani sono molto più impegnati di noi cristiani nella fede,e infatti loro aprono moschee e noi chiudiamo chiese. Loro pregano cinque volte al giorno, dovunque siano stendono una stuoia e prostrandosi in ginocchio pregano Dio con una devozione che lascia ammirati, prima di concludere la preghiera proni sul terreno, con un inchino del volto porgono un saluto all’angelo del Signore alla loro destra e alla loro sinistra. Giorno e notte hanno muezzin che cantano a Dio e richiamano tutto il popolo alla preghiera. Per il ramadan digiunano un mese di seguito non toccando ne cibo ne acqua per tutto il giorno e ho visto fare questo in pieno agosto e mentre lavoravano nei campi senza addurre nessuna scusa.Per loro l’elemosina ai poveri non è volontaria come per noi, per loro è un dovere e infatti è la popolazione più generosa di tutte le altre fedi. E hanno un gran senso di Dio che permea tutta la loro giornata, tutta la loro vita. la loro invocazione preferita è Allahu Akbar e qui non sto parlando di chi in nome di Dio uccide qualcuno, in nome di Dio si puo solo morire per qualcuno come ci ha insegnato Gesù Cristo.. Acclamazione che significa Dio è il più grande. Si, hanno ragione quei musulmani di buona volontà , Dio è veramente il più grande e userà questi nostri fratelli per spronarci e pungolarci a riscoprire la bellezza di una fede vissuta con intensità da tutti i fedeli e non delegata solo a preti e a suore. la chiesa non è fatta solo dai preti o dalle suore la chiesa è fatta da tutti noi. Quello che è la Chiesa oggi è quello che siamo noi. Inutile dare la colpa a questo o a quello. Ognuno si prenda la responsabilità della propria fede, è questa infatti che ha portato la nostra Chiesa a essere quello che è. Per questo ritorniamo al nostro Dio,conosciamolo personalmente nella sua Sacra e Viva Parola, prostriamoci a Lui come bene sanno fare loro in segno della loro sottomissione a Dio. Infatti essere sottomessi a Dio davvero vuole dire non esserlo a nessun altro e a nessuna altra cosa. La fede è bella e attirante solo se è fervorosa, sofferta e combattuta nelle nostre miserie ancora prima che in quelle degli altri. Grazie nostro Dio per averci dato dei fratelli che nella nostra fede ci stanno umiliando, ma ci riprenderemo, si, per amor tuo, di GesùTuo Figlio e della nostra Chiesa, ci riprenderemo!.

download

Articoli correlati