Niente santi in gesso: Dio dà la grazia di vivere una vita santa, dice il papa

I santi erano persone in carne e ossa le cui vite includevano vere lotte e gioie, e la cui santità ricorda a tutti i battezzati che anche loro sono chiamati ad essere santi, ha detto Papa Francesco.

Migliaia di persone si sono unite al papa il 1 ° novembre per la recita di mezzogiorno della preghiera dell’Angelus nella festa di Ognissanti. Molte persone in Piazza San Pietro avevano appena organizzato la “Saints ‘Race” 10K, sponsorizzata da un’organizzazione cattolica.

Le feste di Tutti i Santi e di tutte le anime del 1 ° e 2 novembre, ha detto il papa, “ricordano il legame che esiste tra la chiesa sulla Terra e quella in cielo, tra noi e i nostri cari che sono passati all’altra vita. “

I santi che la chiesa ricorda – ufficialmente o meno per nome – “non sono semplicemente simboli o esseri umani lontani da noi e irraggiungibili”, ha detto. “Al contrario, erano persone che vivevano con i piedi per terra; hanno vissuto la lotta quotidiana dell’esistenza con i suoi successi e fallimenti.”

La chiave, però, disse, era che “trovavano sempre in Dio la forza di rialzarsi e continuare il viaggio”.

La santità è sia “un dono che una chiamata”, ha detto il papa alla folla. Dio garantisce alle persone la grazia necessaria per essere santi, ma si deve rispondere liberamente a quella grazia.

I semi della santità e la grazia di viverla si trovano nel battesimo, ha detto il papa. Quindi, ogni persona deve impegnarsi per la santità “nelle condizioni, negli obblighi e nelle circostanze della propria vita, cercando di vivere tutto con amore e carità”.

“Camminiamo verso quella” città santa “dove ci aspettano i nostri fratelli e sorelle”, ha detto. “È vero, possiamo stancarci a causa della sconnessa strada, ma la speranza ci dà la forza di andare avanti.”

Ricordando i santi, disse Francesco, “ci porta ad alzare gli occhi al cielo per non dimenticare le realtà della terra, ma per affrontarle con più coraggio e più speranza”.

Il papa ha anche affermato che la cultura moderna dà molti “messaggi negativi” sulla morte e la morte, quindi ha incoraggiato le persone a visitare e pregare in un cimitero all’inizio di novembre. “Sarebbe un atto di fede”, ha detto.

Articoli correlati