“Non ci imbarazza”: l’insegnante d’arte difende il tanto diffamato presepe vaticano

Da quando è stato inaugurato venerdì scorso, il presepe vaticano in Piazza San Pietro ha suscitato diverse reazioni sui social media, molte delle quali fortemente negative.

“Quindi il presepe vaticano è stato svelato … si scopre che il 2020 potrebbe peggiorare …” ha scritto la storica dell’arte Elizabeth Lev in un post diventato virale su Twitter. “Presepe” è la parola per presepe in italiano.

Ma Marcello Mancini, docente presso l’istituto d’arte dove è stato realizzato il presepe in ceramica, lo ha difeso, raccontando a CNA che “molti critici [d’arte] hanno apprezzato quest’opera” negli anni.

“Mi dispiace per le reazioni, che alla gente non piaccia”, ha detto, sottolineando che “è un presepe che va inquadrato nel periodo storico in cui è stato prodotto”.

Dagli anni ’80, il Vaticano ha esposto un presepe davanti alla Basilica di San Pietro per il periodo natalizio. Circa un decennio fa, divenne consuetudine che la scena venisse donata per l’esposizione da diverse regioni italiane.

Il presepe di quest’anno proviene dalla regione Abruzzo. Le 19 figure in ceramica, che includono la Vergine Maria, San Giuseppe, il Cristo Bambino, un angelo, i tre Magi e molti animali, provengono da un set composto da 54 pezzi realizzati nel corso di un decennio negli anni ’60 e ’70 .

La mostra in Piazza San Pietro è stata inaugurata insieme a un abete di Natale alto quasi 30 piedi l’11 dicembre e immediatamente due figure insolite nella scena hanno catturato l’attenzione degli spettatori.

Riferendosi a una figura con elmo con lancia e scudo, la guida turistica cattolica di Roma Mountain Butorac ha detto “in nessun modo questa creatura cornuta mi porta gioia di Natale”.

In un altro tweet , Butorac ha descritto l’intero presepe come “alcune parti di automobili, giocattoli per bambini e un astronauta”.

La statua dall’aspetto di soldato è un centurione e significa un “grande peccatore”, ha spiegato Mancini, un insegnante della scuola in cui è stato realizzato il presepe. È anche vicepresidente del FA Grue Institute of Art, che si trova nel comune di Castelli, nel centro Italia, e funge anche da liceo.

Ha notato che l’astronauta è stato creato e aggiunto alla collezione dopo lo sbarco sulla luna del 1969, ed è stato incluso nei pezzi inviati in Vaticano per volere del vescovo locale, Lorenzo Leuzzi.

Castelli è famosa per le sue ceramiche, e l’idea per il presepe venne dall’allora direttore dell’istituto d’arte, Stefano Mattucci, nel 1965. Ai pezzi lavorarono diversi insegnanti e studenti dell’istituto.

Il set di 54 pezzi attualmente esistente fu completato nel 1975. Ma già nel dicembre 1965 il “Presepe monumentale dei Castelli” era esposto nella piazza del paese di Castelli. Cinque anni dopo, è stato mostrato ai Mercati di Traiano a Roma. Successivamente si è recato anche a Gerusalemme, Betlemme e Tel Aviv per mostre.

Mancini ha ricordato che l’opera aveva ricevuto critiche contrastanti anche a Castelli, con la gente che diceva “è brutto, è bello, mi sembra… non mi sembra…” commenta: “Non ci imbarazza. “

Riguardo alle reazioni alla scena in Vaticano, ha detto: “Non so a quale critica rispondere, la scuola ha permesso l’esposizione di uno dei suoi manufatti storici”. Ha anche sottolineato che non è stato fatto da artigiani ma da una scuola.

“È ricco di simboli e significanti che offrono una lettura non tradizionale del presepe”, ha spiegato.

Ma la gente guarda al Vaticano “per la tradizione della bellezza”, ha detto Lev, che vive a Roma e insegna alla Duquesne University. “Manteniamo cose belle lì dentro in modo che non importa quanto sia orribile la tua vita, puoi entrare in San Pietro e questo è tuo, fa parte di chi sei, e riflette chi sei e la gloria di chi sei”, ha detto al National Catholic Register.

“Non capisco perché voltiamo le spalle”, ha aggiunto. “Sembra essere parte di questo strano, moderno odio e rifiuto delle nostre tradizioni”.

Il dipartimento del Vaticano responsabile dell’organizzazione della Natività ogni anno è il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano. In un comunicato stampa si afferma che l’opera d’arte è stata influenzata dall’antica scultura greca, egiziana e sumera.

Martedì il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano non ha risposto a una richiesta di commento.

Nel suo discorso all’inaugurazione di venerdì, il presidente del dipartimento, il cardinale Giuseppe Bertello, ha detto che la scena ci aiuta a “capire che il Vangelo può animare tutte le culture e tutti i mestieri”.

Un articolo di Vatican News del 14 dicembre ha definito la scena “leggermente diversa” e ha detto che coloro che hanno reazioni negative al “presepe contemporaneo” potrebbero non aver compreso la sua “storia nascosta”.

L’articolo citava la lettera di Papa Francesco del 2019 ” Admirabile signum “, in cui diceva che è consuetudine “aggiungere molte figure simboliche ai nostri presepi”, anche figure “che non hanno alcun legame apparente con i racconti del Vangelo”.

Nella lettera, che significa “segno notevole”, Francesco prosegue citando figure come un mendicante, un fabbro, musicisti, donne che trasportano brocche d’acqua e bambini che giocano. Questi parlano “della santità quotidiana, della gioia di fare cose ordinarie in modo straordinario, che nasce ogni volta che Gesù condivide con noi la sua vita divina”, ha detto.

“Allestire il presepe di Natale nelle nostre case ci aiuta a rivivere la storia di quanto accaduto a Betlemme”, ha scritto il papa. “Non importa come è organizzato il presepe: può essere sempre lo stesso o può cambiare di anno in anno. Ciò che conta è che parli delle nostre vite “.

“Ovunque sia, e qualunque forma assuma, il presepe di Natale ci parla dell’amore di Dio, il Dio che si è fatto bambino per farci sapere quanto è vicino ad ogni uomo, donna e bambino, indipendentemente dalla loro condizione “, ha detto.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID