Otto bambini uccisi nell’esplosione della miniera afgana

Quindici civili, tra cui otto bambini, sono stati uccisi mercoledì quando il loro veicolo ha colpito una mina terrestre nella provincia di Kunduz, nel nord dell’Afghanistan, ha detto un funzionario del governo.

“Verso le 17:00 di questa sera una miniera piantata dai terroristi talebani ha colpito un’auto civile … uccidendo 15 civili e ferendone altri due”, ha detto Nasrat Rahimi, portavoce del ministero degli interni.

Sei donne e un uomo erano anche tra quelli uccisi nell’esplosione a Kunduz, al confine settentrionale del Paese con il Tagikistan, ha detto Rahimi. Nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità dell’esplosione. Non era anche chiaro se si trattasse di un attacco mirato.

Tuttavia ci sono scontri regolari nella regione tra ribelli talebani e forze afghane appoggiate dagli USA.

Gli insorti hanno attaccato la capitale provinciale, chiamata anche Kunduz, all’inizio di settembre, ma non sono riusciti a catturarla. I talebani hanno rapidamente conquistato la città nel 2015.

L’esplosione arriva durante quello che è stato un periodo di relativa e inquieta calma, dove il tasso di attacchi su larga scala è diminuito nelle ultime settimane. La pausa comparativa ha seguito una stagione di campagna presidenziale macchiata di sangue che si è conclusa con un’elezione generale il 28 settembre.

Ma l’esplosione di mercoledì arriva meno di una settimana dopo che un cittadino straniero è stato ucciso e almeno altre cinque persone ferite in un attacco di granata contro un veicolo delle Nazioni Unite a Kabul il 24 novembre.

L’attacco è avvenuto su una strada frequentemente utilizzata dai lavoratori delle Nazioni Unite che spostano i lavoratori tra il centro di Kabul e un grande complesso delle Nazioni Unite nella periferia della capitale.

Le Nazioni Unite hanno affermato che altri due membri del personale – uno afgano e uno internazionale – sono rimasti feriti.

Le agenzie di aiuto e i gruppi non governativi sono talvolta presi di mira nella guerra in Afghanistan.

Nel 2011, sette lavoratori stranieri delle Nazioni Unite – tra cui quattro nepalesi, uno svedese, un norvegese e un rumeno – sono stati uccisi in un attacco contro un complesso delle Nazioni Unite nella città settentrionale di Mazar-i-Sharif.

Gli afghani stanno ancora aspettando i risultati di quelle elezioni presidenziali del 28 settembre, con un nuovo conto impantanato da difficoltà tecniche e litigi tra l’incumbent, il presidente Ashraf Ghani, e il suo principale rivale, Abdullah Abdullah.

Gli afgani stanno anche aspettando di vedere cosa potrebbe accadere nei negoziati tra Washington e i talebani.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a settembre ha chiuso quei colloqui durante l’anno in cui sono continuate le violenze dei talebani, ma il 22 novembre ha suggerito all’emittente statunitense Fox News che i negoziati potrebbero riprendere.

Articoli correlati