Papa Francesco: Abbiamo bisogno di unità nella Chiesa cattolica, nella società e nelle nazioni

Di fronte alla discordia politica e all’interesse personale, abbiamo l’obbligo di promuovere l’unità, la pace e il bene comune nella società e nella Chiesa cattolica , Ha detto domenica papa Francesco.

“In questo momento, un politico, anche un manager, un vescovo, un prete, che non ha la capacità di dire ‘noi’ non è all’altezza. “Noi”, bene comune di tutti, dobbiamo prevalere. L’unità è superiore al conflitto ”, ha detto il papa in un’intervista andata in onda al Tg5 del 10 gennaio.

“I conflitti sono necessari, ma in questo momento devono andare in vacanza”, ha continuato, sottolineando che le persone hanno diritto a diversi punti di vista e “la lotta politica è una cosa nobile”, ma “ciò che conta è l’intenzione di aiutare il paese cresce. “

“Se i politici enfatizzano più l’interesse personale che l’interesse comune, rovinano le cose”, ha affermato Francis. “Occorre sottolineare l’unità del Paese, della Chiesa e della società”.

L’intervista papale è avvenuta dopo l’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio da parte di manifestanti pro-Donald Trump, mentre il Congresso stava certificando i risultati delle elezioni presidenziali.

Francis ha detto in un video clip dall’intervista, rilasciato il 9 gennaio, di essere “stupito” dalla notizia, perché gli Stati Uniti sono “un popolo così disciplinato nella democrazia, giusto?”

“Qualcosa non funziona”, ha continuato Francis. Con “persone che prendono una strada contro la comunità, contro la democrazia, contro il bene comune. Grazie a Dio che questo è scoppiato e che c’era la possibilità di vederlo bene in modo che ora tu possa provare a guarirlo. “

Nell’intervista, Papa Francesco ha anche commentato la tendenza della società a scartare chiunque non sia “produttivo” per la società, in particolare i malati, gli anziani ei non nati.

L’aborto, ha detto, non è principalmente una questione religiosa, ma scientifica e umana. “Il problema della morte non è un problema religioso, attenzione: è un problema umano, pre-religioso, è un problema di etica umana”, ha detto. “Poi le religioni lo seguono, ma è un problema che anche un ateo deve risolvere nella sua coscienza”.

Il papa ha detto di chiedere due cose alla persona che lo interroga sull’aborto: “ho il diritto di farlo?” e “è giusto cancellare una vita umana per risolvere un problema, qualche problema?”

Alla prima domanda si può rispondere scientificamente, ha detto, sottolineando che entro la terza o quarta settimana di gestazione, “ci sono tutti gli organi del nuovo essere umano nel grembo della madre, è una vita umana”.

Prendere una vita umana non va bene, ha detto. “Va bene assumere un sicario per risolvere un problema? Uno che uccide la vita umana? “

Francesco ha condannato l’atteggiamento della “cultura dello scarto”: “I bambini non producono e vengono scartati. Scartare gli anziani: gli anziani non producono e vengono scartati. Scartare il malato o affrettare la morte quando è terminale. Scarta in modo che sia più comodo per noi e non ci porti così tanti problemi. “

Ha parlato anche del rigetto dei migranti: “le persone che sono annegate nel Mediterraneo perché non sono state autorizzate a venire, [questo] pesa molto sulla nostra coscienza … Come affrontare [l’immigrazione] dopo, questo è un altro problema che gli stati devono approccio con cautela e saggezza, ma lasciare annegare [i migranti] per risolvere un problema in seguito è sbagliato. Nessuno lo fa con intenzione, è vero, ma se non metti i mezzi di soccorso è un problema. Non c’è intenzione ma c’è intenzione ”, ha detto.

Incoraggiando le persone a evitare l’egoismo in generale, Papa Francesco ha ricordato diverse gravi questioni che colpiscono il mondo di oggi, in particolare la guerra e la mancanza di istruzione e cibo per i bambini, che sono continuate durante tutta la pandemia COVID-19.

“Sono problemi seri e questi sono solo due dei problemi: bambini e guerre”, ha detto. “Dobbiamo prendere coscienza di questa tragedia del mondo, non è tutta una festa. Per uscire da questa crisi a testa alta e in modo migliore, dobbiamo essere realistici “.

Alla domanda su come è cambiata la sua vita durante la pandemia di coronavirus, Papa Francesco ha ammesso che all’inizio si sentiva come se fosse “in gabbia”.

“Ma poi mi sono calmato, ho preso la vita come viene. Pregare di più, parlare di più, usare di più il telefono, prendere alcune riunioni per risolvere i problemi “, ha spiegato.

I viaggi papali in Papua Nuova Guinea e Indonesia sono stati cancellati nel 2020. Nel marzo di quest’anno, Papa Francesco è programmato per recarsi in Iraq. Ha detto: “ora non so se il prossimo viaggio in Iraq avrà luogo, ma la vita è cambiata. Sì, la vita è cambiata. Chiuso. Ma il Signore ci aiuta sempre tutti “.

Il Vaticano inizierà a somministrare il vaccino COVID-19 ai suoi residenti e dipendenti la prossima settimana, e Papa Francesco ha detto di aver “prenotato” il suo appuntamento per riceverlo.

“Credo che, eticamente, tutti debbano ottenere il vaccino. È un’opzione etica perché riguarda la tua vita ma anche quella degli altri ”, ha affermato.

Ricordando l’introduzione del vaccino antipolio e altre comuni vaccinazioni infantili, ha detto: “Non capisco perché alcuni dicono che questo potrebbe essere un vaccino pericoloso. Se i medici te lo presentano come qualcosa che può andare bene e non ha particolari pericoli, perché non prenderlo? “

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo