Papa Francesco afferma che la pandemia ha fatto emergere “il meglio e il peggio” nelle persone

Papa Francesco ritiene che la pandemia COVID-19 abbia rivelato “il meglio e il peggio” di ogni persona, e che ora più che mai è importante riconoscere che la crisi può essere superata solo cercando il bene comune.

“Il virus ci ricorda che il modo migliore per prenderci cura di noi stessi è imparare a prenderci cura e proteggere coloro che ci sono vicini”, ha detto Francesco in un video messaggio a un seminario virtuale organizzato dalla Pontificia Commissione per l’America Latina e dalla Accademia vaticana per le scienze sociali.

Il papa ha detto che i leader non dovrebbero “incoraggiare, avallare o utilizzare meccanismi” che trasformano la “grave crisi” in uno “strumento di natura elettorale o sociale”.

“Screditare l’altro riesce solo a distruggere la possibilità di trovare accordi che aiutino ad alleviare gli effetti della pandemia nelle nostre comunità, soprattutto sui più esclusi”, ha detto il papa.

Gli eletti dal popolo per essere dipendenti pubblici, ha aggiunto Francesco, sono chiamati a “essere al servizio del bene comune e non porre il bene comune al servizio dei propri interessi”.

“Conosciamo tutti la dinamica della corruzione” che si trova in politica, ha detto, aggiungendo che è la stessa anche per “gli uomini e le donne di Chiesa. Le lotte interne ecclesiastiche sono una vera lebbra che ammala e uccide il Vangelo “.

Il seminario dal 19 al 20 novembre intitolato “America Latina: Chiesa, Papa Francesco e gli scenari della pandemia”, si è tenuto tramite Zoom e ha coinvolto il cardinale Marc Ouellet, capo della commissione America Latina; e le osservazioni dell’arcivescovo Miguel Cabrejos, presidente del CELAM, la conferenza episcopale latinoamericana; e Alicia Barcena, Segretario esecutivo della Commissione economica delle Nazioni Unite per l’America Latina e i Caraibi.

Sebbene abbia devastato le economie di tutto il mondo, il nuovo coronavirus è stato finora particolarmente pervasivo in America Latina, dove i sistemi sanitari erano molto meno preparati di quelli nella maggior parte dell’Europa per affrontare il virus, portando diversi governi a imporre quarantene estese L’Argentina ha il più lungo del mondo, oltre 240 giorni, portando a una massiccia perdita di PIL.

Papa Francesco ha detto all’incontro che ora più che mai è necessario “riprendere coscienza della nostra comune appartenenza”.

“Sappiamo che insieme alla pandemia COVID-19, ci sono altri mali sociali – la mancanza di un tetto, la mancanza di terra e la mancanza di lavoro – che segnano il livello e questi richiedono una risposta generosa e attenzione immediata”, ha disse.

Francesco ha anche osservato che molte famiglie nella regione stanno attraversando periodi di incertezza e soffrono situazioni di ingiustizia sociale.

“Lo si evidenzia verificando che non tutti hanno le risorse necessarie per attuare le misure minime di protezione contro COVID-19: un tetto sicuro dove poter rispettare le distanze sociali, risorse idriche, sanitarie per sanificare e disinfettare gli ambienti, lavoro stabile che garantisce l’accesso ai vantaggi, per citare i più essenziali ”, ha aggiunto.

In particolare, il presidente del CELAM ha fatto riferimento a diverse realtà che sfidano il continente e che hanno evidenziato “le conseguenze di una struttura storica e disomogenea che mostra innumerevoli vulnerabilità in tutta la regione”.

Cabrejos ha affermato che è necessario “garantire cibo e medicine di qualità per la popolazione, soprattutto per le popolazioni più vulnerabili che corrono il rischio di morire di fame e non hanno il necessario apporto di ossigeno medicinale”.

“La pandemia sta colpendo e colpirà più gravemente i disoccupati, i piccoli imprenditori e coloro che lavorano nell’economia popolare e solidale, nonché la popolazione anziana, le persone con disabilità, i privati ​​della libertà, a ragazzi e ragazze e casalinghe, studenti e migranti ”, ha detto il prelato messicano.

Ha preso parte anche lo scienziato climatico brasiliano Carlos Afonso Nobre, che ha messo in guardia dai pericoli di raggiungere un punto critico nella foresta pluviale amazzonica: se la deforestazione non finisse ora, l’intera regione diventerebbe una savana nei prossimi 30 anni. Ha esortato per un modello di sviluppo sostenibile con un “accordo verde”, prodotto di una “nuova economia verde circolare” nel mondo post-pandemico.

Barcena ha elogiato la leadership di Papa Francesco nella regione e ha sottolineato la sua definizione di populismo sviluppata nella sua recente lettera enciclica Fratelli Tutti , in cui il pontefice argentino distingue tra i leader che lavorano effettivamente a favore del popolo e quelli che affermano di promuovere ciò che il le persone vogliono, ma invece si concentrano sulla promozione dei propri interessi.

“Dobbiamo fare il più possibile con le leadership che abbiamo oggi in America Latina, non c’è alternativa a questo”, ha detto Barcena, riferendosi alla necessità di superare le disuguaglianze nella regione più disuguale del mondo, nonostante ciò che uno dei partecipanti descritto come discutibile leadership in alcuni di questi paesi. “I governi non possono farlo da soli, la società non può farlo da sola e tanto meno i mercati possono farlo da soli”.

Nel suo videomessaggio, Francesco ha riconosciuto che il mondo continuerà a “sperimentare gli effetti devastanti della pandemia per molto tempo”, sottolineando che il “percorso della solidarietà come giustizia è la migliore espressione di amore e vicinanza”.

Francesco ha anche affermato di augurarsi che l’iniziativa online “ispiri percorsi, risvegli processi, crei alleanze e promuova tutti i meccanismi necessari per garantire una vita dignitosa ai nostri popoli, soprattutto ai più esclusi, attraverso l’esperienza della fraternità e la costruzione dell’amicizia sociale. “

Quando parla di concentrarsi particolarmente sugli esclusi, ha detto il papa, non intende “fare l’elemosina ai più esclusi, né come gesto di beneficenza, no: come chiave ermeneutica. Dobbiamo partire da lì, da ogni periferia umana, se non partiamo da lì sbaglieremo “.

Il primo papa della storia dal sud del mondo ha sottolineato il fatto che, nonostante il “panorama cupo” che la regione deve affrontare, i latinoamericani “ci insegnano che sono persone con un’anima che sanno affrontare le crisi con coraggio e sanno generare voci. che grida nel deserto per aprire la strada al Signore “.

“Per favore, non permettiamo a noi stessi di essere derubati della speranza!” ha esclamato. “La via della solidarietà oltre che della giustizia è la migliore espressione di amore e vicinanza. Da questa crisi possiamo uscire meglio, ed è quello che hanno testimoniato tante nostre sorelle e fratelli nella donazione quotidiana della loro vita e nelle iniziative che il popolo di Dio ha generato “.

L'elemosiniere del papa mons.  Krajewski invita a ricordarsi dei poveri durante le vaccinazioni covid

L'elemosiniere del papa mons. Krajewski invita a ricordarsi dei poveri durante le vaccinazioni covid

Due italiani del XX secolo avanzano sulla via della santità

Due italiani del XX secolo avanzano sulla via della santità

Papa Francesco si congratula con la squadra di calcio La Spezia per la vittoria contro la Roma

Papa Francesco si congratula con la squadra di calcio La Spezia per la vittoria contro la Roma

Papa Francesco al clero venezuelano: servire con 'gioia e determinazione' in mezzo alla pandemia

Papa Francesco al clero venezuelano: servire con 'gioia e determinazione' in mezzo alla pandemia

43 sacerdoti cattolici sono morti nella seconda ondata di coronavirus in Italia

43 sacerdoti cattolici sono morti nella seconda ondata di coronavirus in Italia

Sacerdote cattolico in Nigeria trovato morto dopo il rapimento

Sacerdote cattolico in Nigeria trovato morto dopo il rapimento

"Le parole possono essere baci", ma anche "spade", scrive papa in un nuovo libro

"Le parole possono essere baci", ma anche "spade", scrive papa in un nuovo libro