Papa Francesco ai catechisti “conducete gli altri a un rapporto personale con Gesù”

Papa Francesco ha detto sabato che i catechisti hanno la responsabilità vitale di condurre gli altri a un incontro personale con Gesù attraverso la preghiera, i sacramenti e la Scrittura.

“Il kerygma è una persona: Gesù Cristo. La catechesi è uno spazio speciale per favorire un incontro personale con Lui ”, ha detto Papa Francesco nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico il 30 gennaio.

“Non c’è vera catechesi senza la testimonianza di uomini e donne in carne e ossa. Chi di noi non ricorda almeno uno dei suoi catechisti? Lo voglio. Ricordo la suora che mi ha preparato per la prima comunione ed è stata così buona con me ”, ha aggiunto il papa.

Papa Francesco ha ricevuto in udienza alcuni membri dell’Ufficio Catechistico Nazionale della Conferenza episcopale italiana in Vaticano.

Ha detto ai responsabili della catechesi che un catechista è un cristiano che ricorda che l’importante è “non parlare di se stesso, ma parlare di Dio, del suo amore e della sua fedeltà”.

“La catechesi è l’eco della Parola di Dio … per trasmettere la gioia del Vangelo nella vita”, ha detto il papa.

“La Sacra Scrittura diventa“ l’ambiente ”in cui ci sentiamo parte della stessa storia della salvezza, incontrando i primi testimoni della fede. La catechesi è prendere per mano gli altri e accompagnarli in questa storia. Ispira un viaggio, in cui ogni persona trova il proprio ritmo, perché la vita cristiana non si uniforma né uniforma, ma piuttosto esalta l’unicità di ogni figlio di Dio “.

Papa Francesco ha ricordato che san Papa Paolo VI aveva detto che il Concilio Vaticano II sarebbe stato “il grande catechismo dei tempi nuovi”.

Il papa ha proseguito dicendo che oggi c’è un problema di “selettività rispetto al Concilio”.

“Il Concilio è il magistero della Chiesa. O sei con la Chiesa e quindi segui il Concilio, e se non segui il Concilio o lo interpreti a modo tuo, come desideri, non sei con la Chiesa. Dobbiamo essere esigenti e severi su questo punto ”, ha detto Papa Francesco.

“Per favore, niente concessioni a chi cerca di presentare una catechesi che non sia d’accordo con il Magistero della Chiesa”.

Il papa ha definito la catechesi “un’avventura straordinaria” con il compito di “leggere i segni dei tempi e accettare le sfide presenti e future”.

“Come nel periodo postconciliare la Chiesa italiana era pronta e capace di accogliere i segni e la sensibilità dei tempi, così anche oggi è chiamata a offrire una rinnovata catechesi che ispiri ogni ambito della pastorale: carità, liturgia, famiglia , cultura, vita sociale, economia “, ha detto.

“Non dobbiamo aver paura di parlare la lingua delle donne e degli uomini di oggi. Per parlare una lingua che è al di fuori della Chiesa, sì, dobbiamo averne paura. Ma non dobbiamo aver paura di parlare la lingua della gente ”, ha detto Papa Francesco.

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera