Papa Francesco al clero venezuelano: servire con ‘gioia e determinazione’ in mezzo alla pandemia

Papa Francesco ha inviato martedì un videomessaggio incoraggiando sacerdoti e vescovi nel loro ministero durante la pandemia di coronavirus e ricordando loro due principi che, secondo lui, avrebbero “garantito la crescita della Chiesa “.

“Vorrei indicarvi due principi che non dovrebbero mai essere persi di vista e che garantiscono la crescita della Chiesa, se siamo fedeli: amore del prossimo e servizio gli uni per gli altri”, ha detto Papa Francesco in un videomessaggio a un incontro di sacerdoti e vescovi in ​​Venezuela il 19 gennaio.

“Questi due principi sono ancorati in due sacramenti che Gesù istituisce nell’Ultima Cena, e che sono il fondamento, per così dire, del suo messaggio: l’Eucaristia, per insegnare l’amore, e la lavanda dei piedi, per insegnare il servizio. Amore e servizio insieme, altrimenti non funzionerà “.

Nel video, inviato all’incontro virtuale di due giorni incentrato sul ministero sacerdotale durante la crisi del coronavirus, il papa ha incoraggiato sacerdoti e vescovi a ministrare per “rinnovare il dono di voi stessi al Signore e al suo popolo santo” durante la pandemia.

L’incontro, organizzato dalla Conferenza episcopale venezuelana, si svolge una settimana e mezzo dopo la morte del Vescovo venezuelano Cástor Oswaldo Azuaje di Trujillo a causa di COVID-19 all’età di 69 anni.

Papa Francesco ha detto che l’incontro virtuale è stato un’opportunità per sacerdoti e vescovi “per condividere, in uno spirito di ministero fraterno, le vostre esperienze sacerdotali, le vostre fatiche, le vostre incertezze, nonché i vostri desideri e la vostra convinzione di portare avanti il ​​lavoro del Chiesa, che è l’opera del Signore “.

“In questi momenti difficili, mi viene in mente il brano del Vangelo di Marco (Marco 6,30-31), che racconta come gli Apostoli, di ritorno dalla missione alla quale Gesù li aveva inviati, si radunassero attorno a lui. Gli dissero tutto quello che avevano fatto, tutto quello che avevano insegnato e poi Gesù li invitò ad andare, da solo con Lui, in un luogo deserto per riposare per un po ‘. “

Ha commentato: “È essenziale che torniamo sempre a Gesù, con il quale ci riuniamo in fraternità sacramentale per dirgli e dirci ‘tutto quello che abbiamo fatto e insegnato’ con la convinzione che non è opera nostra, ma che di Dio. È lui che ci salva; siamo solo strumenti nelle sue mani “.

Il papa ha invitato i sacerdoti a continuare il loro ministero durante la pandemia con “gioia e determinazione”.

“Questo è ciò che vuole il Signore: esperti nel compito di amare gli altri e capaci di mostrare loro, nella semplicità dei piccoli gesti quotidiani di affetto e di attenzione, la carezza della tenerezza divina”, ha detto.

“Non siate divisi, fratelli”, ha esortato sacerdoti e vescovi, mettendoli in guardia dalla tentazione di avere “un atteggiamento di cuore settario, fuori dall’unità della Chiesa” nell’isolamento causato dalla pandemia.

Papa Francesco ha chiesto al clero venezuelano di ravvivare il loro “desiderio di imitare il Buon Pastore, e di imparare ad essere servi di tutti, in particolare dei fratelli e delle sorelle meno fortunati e spesso scartati, e di fare in modo che, in questo tempo di crisi, tutti si sentono accompagnati, supportati, amati “.

Il cardinale Jorge Urosa Savino, arcivescovo emerito di Caracas, ha detto all’inizio di questo mese che la pandemia aveva esacerbato i già gravi problemi economici, sociali e politici del Venezuela.

L’inflazione in Venezuela ha superato il 10 milioni per cento nel 2020 e gli stipendi mensili di molti venezuelani non possono coprire il costo di un gallone di latte. Più di tre milioni di venezuelani hanno lasciato il Paese negli ultimi tre anni, molti dei quali a piedi.

“La situazione politica, economica e sociale continua ad essere pessima, con un’inflazione travolgente e una svalutazione estremamente elevata, che ci rendono tutti sempre più poveri”, ha scritto Urosa il 4 gennaio.

“Le prospettive sono fosche perché questo governo non è stato in grado di risolvere i problemi dell’ordinaria amministrazione, né di garantire i diritti fondamentali delle persone, in particolare alla vita, al cibo, alla salute e ai trasporti”.

Ma il cardinale venezuelano ha anche sottolineato che “anche in mezzo alla pandemia, di problemi economici, sociali e politici, in mezzo a circostanze personali negative che alcuni di noi possono soffrire, Dio è con noi”.

Papa Francesco ha ringraziato i sacerdoti ei vescovi venezuelani per il loro servizio durante la pandemia.

“Con gratitudine, assicuro la mia vicinanza e la mia preghiera a tutti voi che svolgete la missione della Chiesa in Venezuela, nell’annuncio del Vangelo e nelle numerose iniziative di carità verso i fratelli sfiniti dalla povertà e dalla crisi sanitaria. Vi affido tutti all’intercessione della Madonna di Coromoto e di San Giuseppe ”, ha detto il Papa

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Amazon cancella il libro evangelico

Amazon cancella il libro evangelico

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"