Papa Francesco al settore agricolo: cerca solidarietà, non solo profitto

Coloro che lavorano in agricoltura dovrebbero considerare il rapporto tra Creatore, uomo e natura, sforzandosi di operare su un paradigma di solidarietà, non solo profitto, Papa Francesco ha detto martedì.

Papa Francesco ha fatto il commento in un messaggio alla Coldiretti, una confederazione nazionale italiana di coltivatori, il 15 dicembre, durante la sua assemblea di fine anno.

Coldiretti è la più grande associazione che rappresenta e assiste l’agricoltura italiana. La sua riunione annuale si è tenuta online quest’anno a causa dell’emergenza sanitaria in corso.

L’incontro è un evento che “sfida ogni persona di buona volontà a ripensare, ancor più oggi, il rapporto tra uomo, natura e Creatore come fattore di profondo equilibrio e di comunione”, ha detto il papa, “nella ricerca non del logica del profitto, ma del servizio, non dello sfruttamento delle risorse, ma della cura e dell’attenzione per la natura come casa accogliente per tutti ”.

Nel messaggio , firmato dal segretario di Stato cardinale Pietro Parolin, Francesco ha sottolineato il tema dell’incontro dell’associazione: “L’Italia riparte con gli eroi del cibo”.

Il tema si riferisce all’appello a “riavviare” l’economia dopo il blocco nazionale per il coronavirus di questa primavera. L’agricoltura è stato uno dei tanti settori colpiti dalle restrizioni della pandemia, in parte perché molti dei lavoratori migranti stagionali che assistono alla raccolta dei raccolti non sono stati in grado di entrare nel paese.

Anche la domanda ne ha risentito e nella prima metà del 2020 i prezzi di vendita sono diminuiti di oltre il 63%, interessando il 70% delle aziende agricole del nord Italia.

Non è la prima volta quest’anno che il papa fa commenti diretti all’industria. In un’udienza generale a maggio, ha sottolineato la difficile situazione dei lavoratori agricoli.

“Il primo maggio ho ricevuto diversi messaggi sul mondo del lavoro e sui suoi problemi. Mi ha particolarmente colpito quello dei braccianti agricoli, tra cui molti migranti, che lavorano nelle campagne italiane. Sfortunatamente, molti sono sfruttati molto duramente “, ha detto il 6 maggio.

“È vero che la crisi attuale colpisce tutti, ma la dignità delle persone va sempre rispettata. Ecco perché aggiungo la mia voce all’appello di questi lavoratori e di tutti i lavoratori sfruttati. Che la crisi ci dia l’opportunità di porre la dignità della persona e del lavoro al centro delle nostre preoccupazioni “.

Nel suo messaggio alla Coldiretti, Papa Francesco ha incoraggiato chi opera nel settore a cercare nuove strade “sulla via della carità e della solidarietà per una risposta globale e più reale al fenomeno della povertà e della disuguaglianza tra i popoli, soprattutto in questa fase cruciale di storia del mondo.”

Ha inoltre impartito ai membri dell’associazione e alle loro famiglie la sua benedizione apostolica e ha augurato loro, per intercessione della Vergine Maria, “abbondanti doni celesti” e un sereno e buono Natale.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo