Papa Francesco alla vigilia di Natale: La povera mangiatoia era ricca d’amore

Alla vigilia di Natale, Papa Francesco ha affermato che la povertà della nascita di Cristo in una stalla contiene una lezione importante per oggi.

“Quella mangiatoia, povera di tutto ma ricca di amore, insegna che il vero nutrimento nella vita viene dal lasciarsi amare da Dio e amare gli altri a nostra volta”, ha detto Papa Francesco il 24 dicembre.

“Dio ci ama sempre con un amore più grande di quello che abbiamo per noi stessi. … Solo l’amore di Gesù può trasformare le nostre vite, sanare le nostre ferite più profonde e liberarci dai circoli viziosi della delusione, della rabbia e delle continue lamentele ”, ha detto il Papa nella Basilica di San Pietro.

Papa Francesco ha offerto la “Messa di mezzanotte” all’inizio di quest’anno a causa del coprifuoco nazionale italiano alle 22:00. Il Paese è entrato in un blocco per il periodo natalizio nel tentativo di combattere la diffusione del coronavirus.

Nella sua omelia di Natale, il papa ha posto una domanda: perché il Figlio di Dio è nato nella povertà di una stalla?

“Nell’umile mangiatoia di una stalla buia, il Figlio di Dio era veramente presente”, ha detto. “Perché è nato di notte senza un alloggio decente, in povertà e rifiuto, quando meritava di nascere come il più grande dei re in il più bello dei palazzi? “

“Perché? Per farci comprendere l’immensità del suo amore per la nostra condizione umana: toccando anche le profondità della nostra povertà con il suo amore concreto. Il Figlio di Dio è nato emarginato, per dirci che ogni emarginato è un figlio di Dio ”, ha detto Papa Francesco.

“È venuto al mondo come ogni bambino viene al mondo, debole e vulnerabile, in modo che possiamo imparare ad accettare le nostre debolezze con tenero amore”.

Il papa ha detto che Dio “ha posto la nostra salvezza in una mangiatoia” e quindi non ha paura della povertà, aggiungendo: “Dio ama fare miracoli attraverso la nostra povertà”.

“Cara sorella, caro fratello, non scoraggiarti mai. Sei tentato di sentire di essere stato un errore? Dio ti dice: “No, sei mio figlio”. Hai una sensazione di fallimento o inadeguatezza, la paura di non uscire mai dall’oscuro tunnel della prova? Dio ti dice: ‘Abbi coraggio, io sono con te’ ”, ha detto.

“L’angelo proclama ai pastori: ‘Questo sarà per voi un segno: un bambino che giace in una mangiatoia’. Quel segno, il Bambino nella mangiatoia, è anche un segno per noi, per guidarci nella vita ”, ha detto il papa.

Circa 100 persone erano presenti all’interno della Basilica per la Messa. Dopo la proclamazione della nascita di Cristo in latino, Papa Francesco ha trascorso alcuni momenti venerando il Cristo bambino all’inizio della Messa.

“Dio è venuto in mezzo a noi nella povertà e nel bisogno, per dirci che servendo i poveri, gli mostreremo il nostro amore”, ha detto.

Papa Francesco ha poi citato la poetessa Emily Dickinson, che ha scritto: “La residenza di Dio è accanto alla mia, i suoi mobili sono amore”.

Al termine dell’omelia, il Papa ha pregato: “Gesù, tu sei il Bambino che mi fa bambino. Mi ami come sono, lo so, non come immagino di essere. Abbracciando te, Figlio della mangiatoia, abbraccio ancora una volta la mia vita. Accogliendo Te, Pane della vita, anch’io desidero dare la mia vita “.

“Tu, mio ​​Salvatore, insegnami a servire. Tu che non mi hai lasciato solo, aiutami a confortare i tuoi fratelli e sorelle, perché, sai, da questa notte in poi, tutti sono miei fratelli e sorelle”.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID