Papa Francesco approva la revisione del watchdog finanziario del Vaticano

Papa Francesco ha approvato sabato le modifiche radicali all’autorità di controllo finanziario del Vaticano.

La sala stampa della Santa Sede ha annunciato il 5 dicembre che il papa ha ratificato i nuovi statuti dell’Autorità di informazione finanziaria, ribattezzando l’agenzia creata da Benedetto XVI nel 2010 per sovrintendere alle transazioni finanziarie del Vaticano.

L’organismo, che garantisce la conformità del Vaticano agli standard finanziari internazionali, non sarà più noto come Autorità di Informazione Finanziaria, o AIF.

Ora si chiamerà Autorità di Vigilanza e Informazione Finanziaria (Autorità di Supervisione e Informazione Finanziaria, o ASIF).

Il nuovo statuto ridefinisce anche i ruoli del presidente e della direzione dell’agenzia, oltre a istituire una nuova unità di regolamentazione e affari legali all’interno dell’organizzazione.

Carmelo Barbagallo, presidente dell’autorità, ha dichiarato a Vatican News che l’aggiunta della parola “Supervisione” ha consentito al nome dell’agenzia di “essere allineato con i compiti effettivamente assegnati”.

Ha osservato che, oltre a svolgere le sue funzioni originali di raccolta di informazioni finanziarie e di lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo, dal 2013 l’agenzia ha anche supervisionato l’Istituto per le opere di religione, o “banca vaticana”.

Ha detto che la nuova unità si occuperà di tutte le questioni legali, inclusa la regolamentazione.

“I compiti di definizione delle regole sono stati separati da quelli di esercizio dei controlli”, ha affermato.

Ha spiegato che l’agenzia avrebbe ora tre unità: un’unità di supervisione, un’unità di regolamentazione e affari legali e un’unità di informazione finanziaria.

Barbagallo, il cui ruolo di presidente è notevolmente rafforzato dai cambiamenti, ha affermato che una delle novità più importanti è che in futuro l’agenzia sarà tenuta a seguire regole più severe sulla nomina di nuovo personale laico.

Il watchdog dovrà consultare un organismo noto come Commissione Indipendente di Valutazione per il Reclutamento del Personale Laico presso la Sede Apostolica, noto con l’acronimo italiano CIVA .

Barbagallo ha affermato che ciò garantirebbe “una selezione più ampia di candidati e un maggiore controllo nelle decisioni di assunzione, evitando il rischio di arbitrarietà”.

L’approvazione del nuovo statuto segna la fine di un anno di sconvolgimenti per l’agenzia. All’inizio del 2020 l’autorità era ancora sospesa dal Gruppo Egmont, attraverso il quale 164 autorità di intelligence finanziaria nel mondo condividono le informazioni.

L’agenzia è stata sospesa dal gruppo il 13 novembre 2019, dopo che i gendarmi vaticani hanno fatto irruzione negli uffici della Segreteria di Stato e dell’AIF. Seguirono le brusche dimissioni di René Brülhart, presidente di alto profilo dell’autorità, e la nomina di Barbagallo come suo sostituto.

Due figure di spicco, Marc Odendall e Juan Zarate, si sono poi dimesse dal consiglio di amministrazione dell’AIF. All’epoca Odendall disse che l’AIF era stato effettivamente reso “un guscio vuoto” e che non aveva “senso” rimanere coinvolto nel suo lavoro.

Il Gruppo Egmont ha ripristinato l’AIF il 22 gennaio di quest’anno. Ad aprile Giuseppe Schlitzer è stato nominato direttore dell’agenzia, succedendo a Tommaso Di Ruzza, che era uno dei cinque dipendenti vaticani sospesi dopo il raid.

Durante una conferenza stampa in volo nel novembre 2019, Papa Francesco ha criticato l’AIF di Di Ruzza, dicendo che “era l’AIF che non controllava, a quanto pare, i crimini degli altri. E quindi [fallì] nel suo dovere di controllo. Spero che dimostrino che non è così. Perché c’è, ancora, la presunzione di innocenza. “

L’autorità di controllo ha pubblicato la sua relazione annuale a luglio. Ha rivelato di aver ricevuto 64 segnalazioni di attività sospette nel 2019, 15 delle quali inoltrate al Promotore di giustizia per un’eventuale azione penale.

Nella sua relazione annuale, ha salutato “la tendenza all’aumento del rapporto tra segnalazioni al Promotore di giustizia” e casi di attività finanziaria sospetta.

Il rapporto ha preceduto un’ispezione programmata da Moneyval, l’organismo di vigilanza antiriciclaggio del Consiglio d’Europa, che ha esercitato pressioni sul Vaticano per perseguire le violazioni delle normative finanziarie.

Parlando dopo il rilascio del rapporto annuale dell’AIF, Barbagallo ha dichiarato: “Sono passati diversi anni dalla prima ispezione di Moneyval della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano, avvenuta nel 2012. Durante questo lasso di tempo, Moneyval ha monitorato a distanza i numerosi progressi realizzato dalla giurisdizione nella lotta per prevenire il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo “.

“In quanto tale, l’imminente ispezione è particolarmente importante. Il suo risultato può determinare come la giurisdizione viene percepita dalla comunità finanziaria “.

Un rapporto basato sull’ispezione è previsto per la discussione e l’adozione in una riunione plenaria di Moneyval a Strasburgo, in Francia, il 26-30 aprile 2021

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo