Papa Francesco chiede ‘cultura della cura’ nel messaggio della Giornata mondiale della pace 2021

Papa Francesco ha fatto appello a una “cultura della cura” nel suo messaggio per la Giornata mondiale della pace 2021, pubblicato giovedì.

“La cultura della cura… richiede un impegno comune, solidale e inclusivo per proteggere e promuovere la dignità e il bene di tutti, la volontà di mostrare cura e compassione, lavorare per la riconciliazione e la guarigione e per promuovere il rispetto e l’accettazione reciproci. In quanto tale, rappresenta un percorso privilegiato verso la pace ”, ha scritto Papa Francesco nel messaggio di pace pubblicato il 17 dicembre.

“Non cedere mai alla tentazione di ignorare gli altri, specialmente quelli che ne hanno più bisogno, e di guardare dall’altra parte; possiamo invece sforzarci quotidianamente, in modi concreti e pratici, di formare una comunità composta da fratelli e sorelle che si accettano e si prendono cura l’uno dell’altro ”.

Papa Francesco ha scritto di aver immaginato questa cultura della cura come un modo per combattere la “cultura dell’indifferenza, dello spreco e del confronto così prevalente nel nostro tempo”.

Ha indicato come esempio le opere di misericordia e carità spirituali e corporali praticate dalla Chiesa primitiva.

“La prima generazione di cristiani condivideva ciò che aveva, in modo che nessuno di loro avesse bisogno. Si sono sforzati di rendere la loro comunità una casa accogliente, preoccupata per ogni esigenza umana e pronta a prendersi cura dei più bisognosi. È diventata consuetudine fare offerte volontarie per nutrire i poveri, seppellire i morti e prendersi cura degli orfani, degli anziani e delle vittime di disastri come i naufragi ”, ha detto.

Il papa ha anche affermato che i principi della dottrina sociale della Chiesa sono serviti come base per una cultura della cura. Ha incoraggiato i leader mondiali a utilizzare questi principi come una “bussola” per aprire la strada a “un futuro più umano nel processo di globalizzazione”.

Ha sottolineato i principi di cura della dignità e dei diritti di ogni persona, cura del bene comune, cura attraverso la solidarietà e cura e protezione del creato.

“Questo ci consentirà di stimare il valore e la dignità di ogni persona, di agire insieme in solidarietà per il bene comune e di portare soccorso a chi soffre di povertà, malattie, schiavitù, conflitti armati e discriminazione. Chiedo a tutti di prendere in mano questa bussola e di diventare un testimone profetico della cultura della cura, lavorando per superare le molte disuguaglianze sociali esistenti ”, ha detto.

La Giornata Mondiale della Pace – istituita da San Paolo VI nel 1968 – si celebra ogni anno il 1 gennaio. Per l’occasione il papa fornisce un messaggio, che viene inviato ai ministri degli esteri di tutto il mondo.

Il messaggio del papa per la Giornata mondiale della pace 2021 si intitola “Una cultura della cura come via per la pace”. Il papa ha pubblicato il messaggio nel giorno del suo 84 ° compleanno.

Nel suo messaggio, Papa Francesco ha citato un discorso di Papa Paolo VI tenuto nel 1969 al Parlamento dell’Uganda: “Non abbiate paura della Chiesa; ti onora, educa cittadini onesti e leali per te, non fomenta rivalità e divisioni, cerca di promuovere una sana libertà, giustizia sociale e pace. Se ha una preferenza, è per i poveri, per l’educazione dei piccoli e della gente, per la cura dei sofferenti e degli abbandonati “.

Papa Francesco ha anche sottolineato che “l’educazione delle persone alla cura inizia nella famiglia, nucleo naturale e fondamentale della società, in cui si impara a vivere e relazionarsi con gli altri in uno spirito di rispetto reciproco”.

“Eppure le famiglie devono essere autorizzate a svolgere questo compito vitale e indispensabile”, ha detto.

In una conferenza stampa di presentazione del messaggio di pace, il cardinale Peter Turkson, prefetto del Dicastero per la promozione dello sviluppo umano integrale, ha sottolineato che Papa Francesco ha deciso di concentrarsi su una “cultura della cura” nel messaggio di pace di quest’anno a causa della pandemia di coronavirus, che ha aggravato crisi profondamente interrelate che coinvolgono cibo, clima, economia e migrazione.

Papa Francesco ha iniziato il suo messaggio per la Giornata mondiale della pace dicendo che aveva pensato in particolare a tutti coloro che hanno perso familiari o persone care e tutti coloro che hanno perso il lavoro nel 2020.

Ha inoltre reso omaggio a tutti i medici, infermieri, farmacisti, ricercatori, volontari, cappellani e personale ospedaliero che “hanno fatto e continuano a fare grandi sacrifici per essere presenti ai malati, per alleviare le loro sofferenze e per salvare le loro vite . “

“In effetti, molti di loro sono morti nel processo. Nel rendere loro omaggio, rinnovo il mio appello ai leader politici e al settore privato a non lesinare sforzi per garantire l’accesso ai vaccini COVID-19 e alle tecnologie essenziali necessarie per prendersi cura dei malati, dei poveri e dei più vulnerabili, ” Egli ha detto.

Papa Francesco ha anche espresso delusione per il fatto che “accanto a tutte queste testimonianze di amore e solidarietà, abbiamo anche assistito a un’ondata di varie forme di nazionalismo, razzismo e xenofobia, e guerre e conflitti che portano solo morte e distruzione”.

Il messaggio della Giornata mondiale della pace 2021 includeva più citazioni dalla sua ultima enciclica, “ Fratelli tutti. “

Il papa ha sottolineato la necessità che i rapporti tra le nazioni siano ispirati alla fraternità, al rispetto reciproco, alla solidarietà e all’osservanza del diritto internazionale. Ha inoltre sollecitato il rispetto del diritto umanitario.

“Tragicamente, molte regioni e comunità non riescono più a ricordare un tempo in cui dimoravano nella sicurezza e nella pace. Numerose città sono diventate epicentri di insicurezza: i cittadini lottano per mantenere la loro normale routine di fronte agli attacchi indiscriminati di esplosivi, artiglieria e armi leggere. I bambini non sono in grado di studiare “, ha detto.

“Uomini e donne non possono lavorare per sostenere le loro famiglie. La carestia si sta diffondendo in luoghi dove prima era sconosciuta. Le persone sono costrette a spiccare il volo, lasciando dietro di sé non solo le proprie case, ma anche la propria storia familiare e le proprie radici culturali “.

“Sebbene tali conflitti abbiano molte cause, il risultato è sempre lo stesso: distruzione e crisi umanitarie. Dobbiamo fermarci e chiederci cosa ha portato il nostro mondo a vedere il conflitto come qualcosa di normale, e come i nostri cuori possono essere convertiti e il nostro modo di pensare è cambiato, al fine di lavorare per la vera pace in solidarietà e fraternità “

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo