Papa Francesco chiede “vaccini per tutti” mentre impartisce la benedizione di Natale Urbi et Orbi

Con la sua tradizionale benedizione natalizia “Urbi et Orbi” venerdì, Papa Francesco ha chiesto che i vaccini contro il coronavirus siano resi disponibili alle persone più bisognose del mondo.

Il papa ha rivolto un appello speciale ai leader affinché garantiscano ai poveri l’accesso ai vaccini contro il virus che ha causato più di 1,7 milioni di vittime nel mondo al 25 dicembre.

Ha detto: “Oggi, in questo periodo di oscurità e incertezza riguardo alla pandemia, compaiono varie luci di speranza, come la scoperta dei vaccini. Ma affinché queste luci illuminino e portino speranza a tutti, devono essere disponibili per tutti. Non possiamo permettere che le varie forme di nazionalismo si chiudano su se stesse per impedirci di vivere come la famiglia veramente umana che siamo “.

“Né possiamo permettere che il virus dell’individualismo radicale abbia la meglio su di noi e ci renda indifferenti alle sofferenze di altri fratelli e sorelle. Non posso mettermi davanti agli altri, lasciando che la legge del mercato e i brevetti abbiano la precedenza sulla legge dell’amore e sulla salute dell’umanità “.

“Chiedo a tutti – capi di governo, imprese, organizzazioni internazionali – di favorire la cooperazione e non la concorrenza, e di cercare una soluzione per tutti: vaccini per tutti, soprattutto per i più vulnerabili e bisognosi di tutte le regioni del pianeta. Prima di tutti gli altri: i più vulnerabili e bisognosi! “

La pandemia ha costretto il papa a rompere con l’usanza di apparire sul balcone centrale che si affaccia su Piazza San Pietro per consegnare la sua benedizione “Alla città e al mondo”. Per evitare un grande raduno di persone, ha parlato invece nella Sala delle Benedizione del Palazzo Apostolico. Erano presenti circa 50 persone, che indossavano maschere e sedevano su sedie rosse che correvano lungo i lati della sala.

Nel suo messaggio , consegnato a mezzogiorno ora locale e trasmesso in diretta su Internet, il papa ha invocato la sua ultima enciclica , “ Fratelli tutti ”, che invocava una maggiore fraternità tra le persone di tutto il mondo.

Ha detto che la nascita di Gesù ci ha permesso di “chiamarci a vicenda fratelli e sorelle” e ha pregato che il Cristo Bambino ispirasse atti di generosità durante la pandemia di coronavirus.

“Il Bambino di Betlemme ci aiuti, quindi, ad essere generosi, solidali e disponibili, soprattutto nei confronti di coloro che sono vulnerabili, i malati, i disoccupati o in difficoltà per gli effetti economici della pandemia e le donne che hanno subito violenze domestiche durante questi mesi di blocco “, ha detto.

In piedi davanti a un leggio trasparente sotto un arazzo della natività, ha continuato: “Di fronte a una sfida che non conosce confini, non possiamo erigere muri. Siamo tutti sulla stessa barca. Ogni altra persona è mio fratello o mia sorella. In tutti vedo riflesso il volto di Dio e in coloro che soffrono vedo il Signore che implora il mio aiuto. Lo vedo negli ammalati, nei poveri, nei disoccupati, negli emarginati, nei migranti e nei rifugiati: fratelli e sorelle tutti! “

Il papa si è poi concentrato sui paesi colpiti dalla guerra come Siria, Iraq e Yemen, nonché su altri punti caldi in tutto il mondo.

Ha pregato per la fine dei conflitti in Medio Oriente, inclusa la guerra civile siriana, iniziata nel 2011, e la guerra civile yemenita, scoppiata nel 2014 e che ha causato circa 233.000 vittime, comprese quelle di oltre 3.000 bambini.

“In questo giorno, in cui la parola di Dio è diventata un bambino, volgiamo lo sguardo ai tanti, troppi, bambini in tutto il mondo, specialmente in Siria, Iraq e Yemen, che ancora pagano l’alto prezzo della guerra”, ha detto. nella sala echeggiante.

“Possano i loro volti toccare le coscienze di tutti gli uomini e le donne di buona volontà, in modo che le cause dei conflitti possano essere affrontate e si possano compiere sforzi coraggiosi per costruire un futuro di pace”.

Il papa, che prevede di visitare l’Iraq a marzo, ha pregato per una riduzione delle tensioni in tutto il Medio Oriente e nel Mediterraneo orientale.

“Possa il Bambino Gesù guarire le ferite dell’amato popolo siriano, che per un decennio è stato devastato dalla guerra e dalle sue conseguenze, ora aggravate dalla pandemia”, ha detto.

“Possa portare conforto al popolo iracheno ea tutti coloro che sono coinvolti nell’opera di riconciliazione, e in particolare agli yazidi, duramente provati da questi ultimi anni di guerra”.

“Possa portare la pace in Libia e consentire alla nuova fase dei negoziati in corso di porre fine a tutte le forme di ostilità nel Paese”.

Il papa ha anche lanciato un appello al “dialogo diretto” tra israeliani e palestinesi.

Si è quindi rivolto al popolo libanese, al quale ha scritto una lettera di incoraggiamento la vigilia di Natale.

“Possa la stella che ha brillato intensamente la notte di Natale offrire guida e incoraggiamento al popolo libanese, in modo che, con il sostegno della comunità internazionale, non possa perdere la speranza tra le difficoltà che attualmente deve affrontare”, ha detto.

“Possa il Principe della pace aiutare i leader del Paese a mettere da parte interessi parziali e impegnarsi con serietà, onestà e trasparenza per consentire al Libano di intraprendere un processo di riforma e perseverare nella sua vocazione di libertà e di pacifica convivenza”.

Papa Francesco ha anche pregato che il cessate il fuoco si terrà nel Nagorno-Karabakh e nell’Ucraina orientale .

Si è poi rivolto all’Africa, pregando per i popoli del Burkina Faso, del Mali e del Niger, che secondo lui soffrivano di “una grave crisi umanitaria causata dall’estremismo e dai conflitti armati, ma anche dalla pandemia e da altri disastri naturali”.

Ha chiesto la fine delle violenze in Etiopia, dove a novembre è scoppiato il conflitto nella regione settentrionale del Tigray.

Ha chiesto a Dio di confortare gli abitanti della regione di Cabo Delgado, nel Mozambico settentrionale, che hanno subito un assalto di attacchi terroristici .

Ha pregato che i leader del Sud Sudan, della Nigeria e del Camerun “seguissero la strada della fraternità e del dialogo che hanno intrapreso”.

Papa Francesco, che ha festeggiato il suo 84 ° compleanno la scorsa settimana, è stato obbligato ad adattare il suo programma natalizio quest’anno a causa dell’aumento dei casi di coronavirus in Italia.

Meno di 100 persone erano presenti nella Basilica di San Pietro giovedì sera quando ha celebrato la messa di mezzanotte. La liturgia è iniziata alle 19:30 ora locale a causa del coprifuoco delle 22 in tutta Italia per frenare la diffusione del virus.

Nel suo discorso “Urbi et Orbi” il papa ha evidenziato le sofferenze provocate dal virus nelle Americhe.

“Che il Verbo eterno del Padre sia fonte di speranza per il continente americano, particolarmente colpito dal coronavirus, che ha intensificato le sue tante sofferenze, spesso aggravate dagli effetti della corruzione e del traffico di droga”, ha affermato.

“Possa aiutare ad alleviare le recenti tensioni sociali in Cile e porre fine alle sofferenze del popolo del Venezuela”.

Il papa ha riconosciuto le vittime dei disastri naturali nelle Filippine e in Vietnam.

Ha quindi individuato il gruppo etnico Rohingya, centinaia di migliaia dei quali sono stati costretti a fuggire dallo Stato di Rakhine del Myanmar nel 2017.

“Quando penso all’Asia, non posso dimenticare il popolo Rohingya: possa Gesù, che è nato povero tra i poveri, portare loro speranza tra le loro sofferenze”, ha detto.

Il Papa ha concluso: “In questo giorno di festa, penso in modo speciale a tutti coloro che rifiutano di lasciarsi vincere dalle avversità, ma invece lavorano per portare speranza, conforto e aiuto a chi soffre e a chi è solo”.

“Gesù è nato in una stalla, ma è stato abbracciato dall’amore della Vergine Maria e di San Giuseppe. Con la sua nascita nella carne, il Figlio di Dio ha consacrato l’amore familiare. Il mio pensiero in questo momento va alle famiglie: a chi oggi non può riunirsi ea chi è costretto a restare a casa ”.

“Che il Natale sia un’opportunità per tutti noi di riscoprire la famiglia come culla di vita e di fede, luogo di accoglienza e amore, dialogo, perdono, solidarietà fraterna e gioia condivisa, fonte di pace per tutta l’umanità”.

Dopo aver consegnato il suo messaggio, il papa ha recitato l’Angelus. Indossando una stola rossa, ha poi dato la sua benedizione, che ha portato con sé la possibilità di un’indulgenza plenaria.

Le indulgenze plenarie rimettono tutte le pene temporali dovute al peccato. Devono essere accompagnati dal pieno distacco dal peccato, così come dalla confessione sacramentale, dalla ricezione della Santa Comunione e dalla preghiera per le intenzioni del Papa, una volta che sia possibile farlo.

Infine, Papa Francesco ha offerto gli auguri di Natale ai presenti in sala e ai guardiani in tutto il mondo tramite Internet, televisione e radio.

“Cari fratelli e sorelle”, ha detto. “Rinnovo l’augurio di un felice Natale a tutti voi che siete collegati da ogni parte del mondo attraverso la radio, la televisione e altri mezzi di comunicazione. Vi ringrazio per la vostra presenza spirituale in questo giorno segnato dalla gioia “.

“In questi giorni, in cui il clima del Natale invita le persone a diventare migliori e più fraterne, non dimentichiamo di pregare per le famiglie e le comunità che vivono in mezzo a tanta sofferenza. Per favore, continuate anche a pregare per me “

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo