Papa Francesco: chiedi a Dio il dono della conversione in Avvento

Dovremmo chiedere a Dio il dono della conversione in questo Avvento, ha detto Papa Francesco nel suo discorso all’Angelus domenica.

Parlando da una finestra che si affaccia su una piazza San Pietro battuta dalla pioggia il 6 dicembre, il papa ha descritto l’ Avvento come un “itinerario di conversione”.

Ma ha riconosciuto che la vera conversione è difficile e siamo tentati di credere che sia impossibile lasciare i nostri peccati alle spalle.

Ha detto: “Cosa possiamo fare in questi casi, quando uno vorrebbe andare ma sente di non poterlo fare? Ricordiamoci innanzitutto che la conversione è una grazia: nessuno può convertirsi con le proprie forze “.

“È una grazia che il Signore ti dà, e quindi dobbiamo chiederla con forza a Dio. Chiedere a Dio di convertirci nella misura in cui ci apriamo alla bellezza, alla bontà, alla tenerezza di Dio “.

Nel suo discorso , il papa ha meditato sulla lettura del Vangelo di domenica, Marco 1: 1-8, che descrive la missione di Giovanni Battista nel deserto.

“Rivela ai contemporanei un itinerario di fede simile a quello che l’Avvento ci propone: che ci prepariamo a ricevere il Signore a Natale. Questo itinerario di fede è un itinerario di conversione ”, ha detto.

Ha spiegato che in termini biblici la conversione significa un cambio di direzione.

“Nella vita morale e spirituale convertirsi significa volgere se stessi dal male al bene, dal peccato all’amore di Dio. È ciò che insegnava il Battista, che nel deserto della Giudea ‘predicava un battesimo di pentimento per il perdono dei peccati’ ”disse.

“Ricevere il battesimo era un segno esteriore e visibile della conversione di coloro che ascoltarono la sua predicazione e decisero di fare penitenza. Quel battesimo avvenne con l’immersione nel Giordano, in acqua, ma si dimostrò inutile; era solo un segno ed era inutile se non ci fosse la volontà di pentirsi e cambiare la propria vita “.

Il papa ha spiegato che la vera conversione è segnata, prima di tutto, dal distacco dal peccato e dalla mondanità. Disse che Giovanni Battista incarnava tutto questo attraverso la sua vita “austera” nel deserto.

“La conversione implica la sofferenza per i peccati commessi, il desiderio di liberarsene, l’intenzione di escluderli dalla tua vita per sempre. Per escludere il peccato è anche necessario rifiutare tutto ciò che è legato ad esso, le cose che sono legate al peccato, cioè bisogna rifiutare la mentalità mondana, l’eccessiva stima delle comodità, l’eccessiva stima del piacere, del benessere, della ricchezza, ” Egli ha detto.

Il secondo segno distintivo della conversione, ha detto il papa, è la ricerca di Dio e del suo Regno. Il distacco dagli agi e dalla mondanità non è fine a se stesso, ha spiegato, “ma è finalizzato a ottenere qualcosa di più grande, cioè il Regno di Dio, la comunione con Dio, l’amicizia con Dio”.

Ha osservato che è difficile rompere i legami del peccato. Ha citato “incostanza, scoraggiamento, malizia, ambienti malsani” e “cattivi esempi” come ostacoli alla nostra libertà.

“A volte il desiderio che proviamo verso il Signore è troppo debole e sembra quasi che Dio tace; le sue promesse di consolazione ci sembrano lontane e irreali “, ha osservato.

Ha continuato: “E così si è tentati di dire che è impossibile convertirsi veramente. Quante volte abbiamo sentito questo scoraggiamento! ‘No, non posso farlo. Inizio a malapena e poi torno indietro. E questo è un male. Ma è possibile. È possibile.”

Ha concluso: “Maria Santissima, che dopodomani celebreremo come Immacolata, ci aiuti a separarci sempre di più dal peccato e dalla mondanità, per aprirci a Dio, alla sua Parola, al suo amore che ripristina e salva “.

Dopo aver recitato l’Angelus, il papa ha lodato i pellegrini per essersi uniti a lui in piazza San Pietro nonostante la pioggia battente.

“Come potete vedere, l’albero di Natale è stato eretto nella piazza e si sta allestendo il presepe”, ha detto, riferendosi a un albero donato al Vaticano dalla città di Kočevje, nel sud-est della Slovenia. L’albero, un abete rosso alto quasi 92 piedi, verrà illuminato l’11 dicembre.

Il Papa ha detto: “In questi giorni anche in molte case si preparano questi due segni natalizi, per la gioia dei bambini… e anche degli adulti! Sono segni di speranza, soprattutto in questo momento difficile “.

Ha aggiunto: “Non fermiamoci al segno, ma andiamo al senso, cioè a Gesù, all’amore di Dio che ci ha rivelato, per andare alla bontà infinita che ha fatto risplendere nel mondo . “

“Non c’è pandemia, non c’è crisi, che può spegnere questa luce. Lasciamolo entrare nel nostro cuore e diamo una mano a coloro che ne hanno più bisogno. In questo modo Dio rinascerà in noi e in mezzo a noi “.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo