papa francesco

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo: Papa Francesco ha inviato un messaggio al presidente italiano. Esprime il suo dolore per la morte dell’ambasciatore del Paese nella Repubblica Democratica del Congo, morto lunedì in un apparente tentativo di rapimento.

Elogio di papa Francesco

In un telegramma del 23 febbraio indirizzato al presidente Sergio Mattarella. Papa Francesco ha detto che è stato “Con dolore ho appreso del tragico attacco avvenuto nella Repubblica Democratica del Congo”. Durante il quale l’ambasciatore italiano in Congo. Luca Sono stati uccisi il poliziotto militare Vittorio Iacovacci e il loro autista congolese Mustapha Milambo. “Esprimo il mio più sentito dolore alle loro famiglie, al corpo diplomatico e alle forze di polizia. Per la partenza di questi servitori della pace e del diritto”. Chiamando Attanasio, 43 anni, “una persona di notevoli qualità umane e cristiane. Da sempre un prodigio nello stabilire rapporti fraterni e cordiali, per il ripristino di rapporti sereni e concordi all’interno di quel Paese africano ”.

Francesco ha anche ricordato Iacovacci, 31 anni, che avrebbe dovuto sposarsi a giugno. Come “esperto e generoso nel suo servizio e vicino a iniziare una nuova famiglia”. “Mentre innalzo preghiere di suffragio per l’eterno riposo di questi nobili figli della Nazione italiana. Esorto la fiducia nella provvidenza di Dio, nelle cui mani nulla è perduto del bene fatto, tanto più quando è confermato con la sofferenza. “Ha detto, offrendo la sua benedizione” alle famiglie e ai colleghi delle vittime ea tutti coloro che piangono per loro “.

La devozione a Maria che non deve mai mancare

Attanasio, Iacovacci e Milambo sono stati uccisi lunedì durante uno scontro a fuoco. Il tutto nei pressi della città di Goma, capitale della provincia del Nord Kivu della Repubblica Democratica del Congo, devastata da anni dal conflitto.

Gli italiani morti nel Congo

Il gruppo, che viaggiava su due veicoli separati, era composto da cinque dipendenti del WFP che accompagnavano Attanasio e la sua scorta di sicurezza. Dopo circa un’ora sulla strada, i veicoli sono stati fermati da quello che Dujarric ha descritto come “un gruppo armato”. Tutti i passeggeri sono stati invitati a scendere dalle auto, dopodiché Milambo è stato ucciso. I restanti sei passeggeri, tra cui Attanasio, sono stati poi costretti sotto la minaccia di una pistola a sterzare lungo il ciglio della strada. Ne seguì uno scontro a fuoco, durante il quale furono uccisi sia Attanasio che Iacovacci.

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo: indicando che il motivo dell’incidente era un tentato rapimento. Dujarric ha detto che gli altri quattro passeggeri hanno eluso i loro “rapitori” e sono tutti “al sicuro e giustificati”. Attanasio lascia i suoi genitori, sua moglie e le loro tre figlie. Nei commenti all’agenzia di stampa italiana ANSA , il padre di Attanasio, Salvatore, ha detto che suo figlio era contento del suo incarico nella RDC. “Ci ha detto quali erano gli obiettivi (della missione)”, ha detto Salvatore, ricordando come suo figlio “fosse sempre una persona che si concentrava sugli altri. Ha sempre fatto del bene. Era guidato da alti ideali ed era in grado di coinvolgere chiunque nei suoi progetti “.

Ritrovare la serenità dopo una lite: piccoli passi per camminare mano nella mano

Il papa e gli italiani morti nel Congo

Salvatore ha descritto suo figlio come un uomo onesto e giusto, che non ha mai litigato con nessuno. Quando ha saputo della morte di suo figlio, Salvatore ha detto che era come se “i ricordi di una vita siano passati in 30 secondi. Il mondo è crollato su di noi. ” “Cose come questa sono ingiuste. Non dovrebbero accadere “, ha detto, aggiungendo che” la vita è finita per noi ora. Bisogna pensare ai nipoti… questi tre ragazzi avevano davanti a sé pascoli verdi con un padre così. Ora non sanno cosa sia successo. “

Secondo i dati delle Nazioni Unite, nel 2020 quasi 850 civili sono stati uccisi da militanti. Appartenenti alle forze democratiche alleate nelle province di Ituri e Nord Kivu. Solo tra l’11 dicembre 2020 e il 10 gennaio 2021 almeno 150 sono stati uccisi nel Congo orientale e altri 100 sono stati rapiti. La violenza ha anche causato una massiccia crisi umanitaria in cui circa 5 milioni di persone. Nell’est sono state sfollate e 900.000 sono fuggite nei paesi vicini.

Malika Chalhy cacciata di casa dai genitori

Malika Chalhy cacciata di casa dai genitori

Don Riccardo Ceccobelli il prete innamorato

Don Riccardo Ceccobelli il prete innamorato

Nelle Filippine sono vietati i rosari e immagini sacre in auto

Nelle Filippine sono vietati i rosari e immagini sacre in auto

Rosalia Lombardo rinvenuto il corpo in perfette condizione

Rosalia Lombardo rinvenuto il corpo in perfette condizione

Uccide figlio di 3 anni e fa a pezzi la madre, Giulia Stanganini deve rispondere di due omicidi

Uccide figlio di 3 anni e fa a pezzi la madre, Giulia Stanganini deve rispondere di due omicidi

Testimonianza "ho parlato con satana più volte"

Testimonianza "ho parlato con satana più volte"

Anniversario del pontificato di Papa Francesco

Anniversario del pontificato di Papa Francesco