Papa Francesco emana una legge per riorganizzare le finanze vaticane

Papa Francesco ha emesso lunedì una nuova legge che riorganizza le finanze vaticane a seguito di una serie di scandali.

In un documento emesso il 28 dicembre, il papa ha formalizzato il trasferimento delle responsabilità finanziarie dalla Segreteria di Stato vaticana all’Amministrazione del patrimonio della Sede apostolica (APSA), che funge da tesoreria della Santa Sede e gestore del patrimonio sovrano.

Ha annunciato per la prima volta la scossa in una lettera del 25 agosto al segretario di Stato vaticano cardinale Pietro Parolin che è stata resa pubblica il 5 novembre dopo che la Segreteria di Stato è stata inghiottita dalle accuse di cattiva gestione finanziaria.

Il papa ha promulgato la nuova legge in una lettera apostolica motu proprio (“di suo impulso”).

Il testo , intitolato “Un’organizzazione migliore”, stabilisce anche nuove regole per la supervisione del Pence di Pietro, una raccolta mondiale annuale a sostegno della missione del papa.

I funzionari vaticani sono stati costretti a negare che i soldi raccolti per il Peter’s Pence siano stati usati per coprire le perdite su un controverso accordo immobiliare a Londra supervisionato dalla Segreteria di Stato.

Il documento, firmato il 26 dicembre ed entrato in vigore prima dell’inizio del nuovo anno fiscale vaticano, contiene quattro articoli. La prima riguarda il trasferimento di investimenti e liquidità dalla Segreteria di Stato all’APSA. Il secondo regola la gestione dei fondi papali. La terza prevede “disposizioni in materia di monitoraggio e supervisione economica e finanziaria” e la quarta riguarda il funzionamento dell’ufficio amministrativo della Segreteria di Stato.

Secondo la nuova legge, APSA acquisirà la proprietà di fondi, conti bancari e investimenti, compresi gli immobili, precedentemente amministrati dalla Segreteria di Stato dal 1 gennaio 2021.

La gestione delle nuove responsabilità dell’APSA sarà soggetta al “controllo ad hoc” della Segreteria per l’Economia del Vaticano, istituita nel 2014 per sovrintendere alle attività finanziarie della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano. La Segreteria per l’Economia fungerà in futuro anche da Segreteria Pontificia per le questioni economiche e finanziarie.

La legge impone alla Segreteria di Stato di “trasferire il più presto possibile, e non oltre il 4 febbraio 2021”, tutta la sua liquidità detenuta in conti correnti presso l’Istituto per le Opere di Religione, comunemente noto come “Vaticano banca “e banche estere.

La legge chiede all’APSA di creare una disposizione di bilancio denominata “Fondi papali” che sarà inclusa nel bilancio consolidato della Santa Sede. Conterrà un sottoconto chiamato “Peter’s Pence”. Un altro sottoconto, chiamato “Fondo discrezionale del Santo Padre”, sarà gestito esclusivamente sotto la direzione del papa. Un terzo sottoconto, noto come “Fondi autorizzati”, verrà creato per i fondi che “hanno una particolare restrizione di destinazione per volontà dei donatori o per disposizione normativa”.

Il motu proprio dà il Segretariato per l’Economia, guidato prima dal cardinale George Pell e ora da p. Juan Antonio Guerrero Alves, SJ, poteri di supervisione su entità precedentemente supervisionate dalla Segreteria di Stato. Diverse entità vaticane trasmetteranno il proprio bilancio preventivo e consuntivo alla Segreteria per l’Economia, che li passerà poi per l’approvazione al Consiglio per l’Economia, fondato nel 2014.

Il testo afferma inoltre che l’ufficio amministrativo della Segreteria di Stato dovrebbe mantenere “esclusivamente le risorse umane necessarie per svolgere le attività relative alla sua amministrazione interna, alla preparazione del bilancio e al bilancio e altre funzioni non amministrative finora svolte”, e il trasferimento materiale d’archivio pertinente all’APSA.

La sala stampa della Santa Sede ha dichiarato il 28 dicembre che il motu proprio converte in legge le decisioni contenute nella lettera di agosto del papa a Parolin, che ha portato alla creazione di una commissione che sovrintende al trasferimento delle responsabilità dalla Segreteria di Stato all’APSA. L’ufficio stampa ha spiegato che la commissione “continuerà a chiarire alcuni dettagli tecnici fino al 4 febbraio, come previsto”.

“Questa nuova legge riduce il numero dei dirigenti economici della Santa Sede e concentra nei dicasteri le decisioni amministrative, gestionali, economiche e finanziarie che corrispondono allo scopo”, ha detto l’ufficio stampa.

“Con essa il Santo Padre desidera procedere ad una migliore organizzazione della Curia Romana e ad un funzionamento ancora più specializzato della Segreteria di Stato, che potrà con maggiore libertà aiutare lui ed i suoi successori nelle questioni di maggiore importanza per il bene della Chiesa “.

Ha aggiunto che il motu proprio “stabilisce anche un maggiore controllo e una migliore visibilità del Peter’s Pence e dei fondi che provengono dalle donazioni dei fedeli”.

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Amazon cancella il libro evangelico

Amazon cancella il libro evangelico