Papa Francesco ha trascorso tutto il 2020 a ripulire le finanze del Vaticano

Conosciuto come un papa giramondo che conduce la maggior parte della sua diplomazia attraverso parole e gesti durante i viaggi, Papa Francesco si è trovato con più tempo a disposizione lo scorso anno con i viaggi internazionali fermati dalla pandemia di coronavirus.

Il pontefice avrebbe dovuto visitare Malta, Timor Est, Indonesia e Papua Nuova Guinea, e probabilmente sarebbe andato anche in altri luoghi nel corso dell’anno. Invece, si è trovato costretto a rimanere a Roma – e quella prolungata immobilità gli ha fornito il tempo di cui aveva tanto bisogno per concentrarsi sulla pulizia del proprio cortile, forse in particolare quando si tratta di soldi.

Attualmente il Vaticano si sta destreggiando con diverse difficoltà significative sul fronte finanziario. Non solo la Santa Sede sta guardando al barile di un deficit di $ 60 milioni per il 2020, ma deve anche affrontare un’incombente crisi delle pensioni causata in parte dal fatto che il Vaticano è troppo organico rispetto alle sue risorse e lotta per soddisfare il libro paga, lascia da solo accantonando una riserva per quando questi dipendenti vanno in pensione.

Inoltre, il Vaticano dipende anche dai contributi delle diocesi e di altre organizzazioni cattoliche in tutto il mondo, il che è stato ridotto poiché le diocesi stesse affrontano carenze legate al COVID poiché le raccolte della Messa domenicale si sono notevolmente prosciugate in luoghi in cui le liturgie pubbliche sono state sospese. o ha avuto una partecipazione limitata a causa della pandemia.

Il Vaticano sta anche subendo un’enorme pressione economica in anni di scandalo finanziario, il cui esempio più recente è un affare di terra da 225 milioni di dollari a Londra in cui un ex magazzino di Harrod’s originariamente previsto per la conversione in appartamenti di lusso è stato acquistato dalla Segreteria di Stato del Vaticano. sui fondi di “Peter’s Pence”, una raccolta annuale destinata a sostenere le opere del papa.

Francis ha compiuto diversi passi per pulire la casa dall’inizio della chiusura primaverile dell’Italia:

A marzo, il Vaticano ha annunciato la creazione di una nuova sezione Risorse umane denominata “Direzione generale del personale” all’interno della sezione affari generali della Segreteria di Stato, responsabile del governo ecclesiastico interno, descrivendo il nuovo ufficio come “un passo di grande importanza nel percorso di riforma avviato da Papa Francesco “. Solo un giorno dopo il Vaticano ha restituito quell’annuncio, dicendo che la nuova sezione era semplicemente una “proposta” da funzionari all’interno del Consiglio per l’Economia e dai membri del Consiglio dei cardinali del papa, indicando che mentre è stata identificata una vera necessità, interna le lotte potrebbero ancora impedire il progresso.
Ad aprile, Papa Francesco ha nominato il banchiere ed economista italiano Giuseppe Schlitzer nuovo direttore dell’Autorità di informazione finanziaria del Vaticano, la sua unità di vigilanza finanziaria, dopo la brusca partenza lo scorso novembre dell’esperto svizzero di antiriciclaggio René Brülhart.
Il 1 ° maggio, che segna la celebrazione italiana del Labor Day, il papa ha licenziato cinque dipendenti vaticani ritenuti coinvolti nel controverso acquisto della proprietà londinese da parte della Segreteria di Stato, che si è svolto in due fasi tra il 2013 e il 2018.
Sempre all’inizio di maggio, il papa ha convocato una riunione di tutti i capi dipartimento per discutere la situazione finanziaria del Vaticano e le possibili riforme, con un rapporto dettagliato del padre gesuita Juan Antonio Guerrero Alves, nominato da Francesco lo scorso novembre prefetto della Segreteria per l’Economia.
A metà maggio, Papa Francesco ha chiuso nove holding con sede nelle città svizzere di Losanna, Ginevra e Friburgo, tutte create per gestire porzioni del portafoglio di investimenti del Vaticano e le sue proprietà fondiarie e immobiliari.
Più o meno nello stesso periodo, il Papa ha trasferito il “Centro per l’elaborazione dei dati” del Vaticano, che è essenzialmente il suo servizio di monitoraggio finanziario, dall’Amministrazione del patrimonio della Sede apostolica (APSA) alla Segreteria per l’Economia, al fine di creare una distinzione più forte tra amministrazione e controllo.
Il 1 giugno, Papa Francesco ha emesso una nuova legge sugli appalti che si applica sia alla Curia romana, che significa la burocrazia di governo del Vaticano, sia allo Stato della Città del Vaticano. Tra le altre cose, la legge impedisce i conflitti di interesse, impone procedure di offerta competitiva, richiede la prova che le spese contrattuali sono finanziariamente sostenibili e centralizza il controllo sugli appalti.
Poco dopo l’emissione della nuova legge, il papa ha nominato il laico italiano Fabio Gasperini, ex esperto di servizi bancari per Ernst and Young, come nuovo funzionario numero due dell’APSA, effettivamente la banca centrale del Vaticano.
Il 18 agosto, il Vaticano ha emesso un’ordinanza del Presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, Cardinale Giuseppe Bertello, che richiede alle organizzazioni di volontariato e alle persone giuridiche dello Stato della Città del Vaticano di segnalare attività sospette all’ente di controllo finanziario del Vaticano, l’Informativa finanziaria Autorità (AIF). Successivamente, all’inizio di dicembre, Francesco ha emanato nuovi statuti che trasformano l’AIF in Autorità di vigilanza e informazione finanziaria (ASIF), confermando il suo ruolo di supervisione per la cosiddetta banca vaticana e ampliando le sue responsabilità.
Il 24 settembre, papa Francesco ha estromesso il suo ex capo di gabinetto, il cardinale italiano Angelo Becciu, che si è dimesso non solo da capo dell’ufficio del Vaticano per i santi, ma anche dai “diritti connessi all’essere cardinale” su richiesta del papa sulle accuse. di appropriazione indebita. Becciu aveva precedentemente servito come sostituto , o “sostituto”, presso la Segreteria di Stato dal 2011 al 2018, una posizione tradizionalmente paragonata al capo di stato maggiore di un presidente degli Stati Uniti. Oltre alle accuse di appropriazione indebita, Becciu era stato anche collegato all’accordo immobiliare londinese, mediato nel 2014 durante il suo periodo di sostituto, portando molti a pensare che fosse il responsabile finale. La rimozione di Becciu è stata interpretata da molti come una punizione per illeciti finanziari e un segno che tali manovre non saranno tollerate.
Il 4 ottobre, festa di San Francesco d’Assisi, Papa Francesco ha pubblicato la sua enciclica Fratelli Tutti , dedicata al tema della fraternità umana e in cui sostiene una completa ristrutturazione della politica e del discorso civile al fine di creare sistemi prioritari la comunità e i poveri, piuttosto che interessi individuali o di mercato.
Il 5 ottobre, pochi giorni dopo le dimissioni di Becciu, il Vaticano ha annunciato la creazione di una nuova “Commissione per le questioni riservate” che determina quali attività economiche rimangono riservate, nominando alleati come il cardinale Kevin J. Farrell, prefetto del Dicastero per i laici, il Famiglia e vita, come presidente, e l’arcivescovo Filippo Iannone, presidente del Pontificio Consiglio per i testi legislativi, come segretario. La stessa commissione, che copre i contratti per l’acquisto di beni, proprietà e servizi sia per la Curia romana che per gli uffici dello Stato della Città del Vaticano, faceva parte delle nuove leggi sulla trasparenza emanate dal papa a giugno.
L’8 ottobre, tre giorni dopo la creazione della commissione, Papa Francesco ha incontrato in Vaticano i rappresentanti di Moneyval, l’organismo di vigilanza antiriciclaggio del Consiglio d’Europa, che all’epoca stava conducendo la sua revisione annuale del Vaticano dopo un anno di Scandali legati al denaro, inclusa la cacciata di Brülhart nel novembre 2019. Nel suo discorso, il papa ha condannato un’economia neoliberale e l’idolatria del denaro e ha delineato i passi che il Vaticano ha intrapreso per ripulire le proprie finanze. I risultati del rapporto Moneyval di quest’anno dovrebbero essere pubblicati all’inizio di aprile, quando si terrà a Bruxelles l’assemblea plenaria di Moneyval.
L’8 dicembre il Vaticano ha annunciato la creazione del “Consiglio per il capitalismo inclusivo con il Vaticano”, una partnership tra la Santa Sede e alcuni dei maggiori leader mondiali in materia di investimenti e imprese, inclusi i CEO di Bank of America, British Petroleum, Estée Lauder , Mastercard e Visa, Johnson and Johnson, Allianz, Dupont, TIAA, Merck and Co., Ernst and Young e Saudi Aramco. L’obiettivo è sfruttare le risorse del settore privato per sostenere obiettivi come porre fine alla povertà, proteggere l’ambiente e promuovere le pari opportunità. Il gruppo si è posto sotto la guida morale di Papa Francesco e del Cardinale Peter Turkson del Ghana, capo del Dicastero vaticano per il Promuovere lo Sviluppo Umano Integrale. Papa Francesco ha incontrato il gruppo durante un’udienza in Vaticano nel novembre 2019.
Il 15 dicembre, il Consiglio per l’Economia del Papa ha convocato un incontro online per discutere non solo del deficit del 2020, che dovrebbe superare i 60 milioni di dollari a causa sia delle carenze legate al coronavirus che della crisi incombente degli obblighi pensionistici non finanziati.
Nel suo discorso annuale alla Curia il 21 dicembre, Papa Francesco, senza entrare nello specifico, ha detto che i momenti di scandalo e di crisi nella Chiesa dovrebbero essere un’opportunità di rinnovamento e conversione, piuttosto che gettare la Chiesa in un ulteriore conflitto.

Questo processo di rinnovamento e conversione non significa cercare di vestire una vecchia istituzione con abiti nuovi, ha sostenuto, dicendo: “Dobbiamo smetterla di vedere la riforma della Chiesa come mettere una toppa su un vecchio indumento, o semplicemente redigere un nuova Costituzione Apostolica “.

La vera riforma, quindi, consiste nel preservare le tradizioni che la Chiesa già possiede, mentre è anche aperta a nuovi aspetti della verità che deve ancora comprendere, ha detto.

Cercare di ispirare una nuova mentalità, una nuova mentalità, in un’antica istituzione è stato sin dall’inizio al centro degli sforzi di riforma di Francesco. Questo sforzo può essere visto anche nei passi che ha intrapreso quest’anno per portare il Vaticano al passo con i moderni standard internazionali per un sistema finanziario pulito e trasparente

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo