Papa Francesco: ‘Il consumismo ha rubato il Natale’

Papa Francesco ha consigliato ai cattolici domenica di non perdere tempo a lamentarsi delle restrizioni del coronavirus, ma di concentrarsi invece sull’aiutare i bisognosi.

Parlando da una finestra che si affaccia su Piazza San Pietro il 20 dicembre, il papa ha incoraggiato le persone a imitare il “sì” della Vergine Maria a Dio nell’Annunciazione.

“Qual è, allora, il ‘sì’ che possiamo dire?” chiese. “Invece di lamentarci in questi tempi difficili di ciò che la pandemia ci impedisce di fare, facciamo qualcosa per qualcuno che ha di meno: non l’ennesimo regalo per noi stessi e per i nostri amici, ma per una persona bisognosa a cui nessuno pensa!”

Ha detto di voler offrire un altro consiglio: che affinché Gesù nasca in noi, dobbiamo dedicare tempo alla preghiera.

“Non lasciamoci travolgere dal consumismo. “Ah, devo comprare dei regali, devo fare questo e quello.” Quella frenesia di fare le cose, sempre di più. È Gesù che è importante “, ha sottolineato.

“Il consumismo, fratelli e sorelle, ha rubato il Natale. Il consumismo non si trova nella mangiatoia di Betlemme: c’è la realtà, la povertà, l’amore. Prepariamo i nostri cuori ad essere come quelli di Maria: liberi dal male, accoglienti, pronti a ricevere Dio “.

Nel suo discorso dell’Angelus , il papa ha meditato sulla lettura del Vangelo per la IV domenica di Avvento, l’ultima domenica prima di Natale, che descrive l’incontro di Maria con l’angelo Gabriele (Lc 1, 26-38).

Notò che l’angelo disse a Maria di rallegrarsi perché avrebbe concepito un figlio e lo avrebbe chiamato Gesù.

Ha detto: “Sembra essere un annuncio di pura gioia, destinato a rendere felice la Vergine. Tra le donne di quel tempo, quale donna non sognava di diventare la madre del Messia? ”

“Ma insieme alla gioia, quelle parole preannunciano una grande prova per Maria. Perché? Perché in quel momento era “promessa sposa” di Joseph. In una tale situazione, la Legge di Mosè stabiliva che non ci dovrebbero essere relazioni o convivenza. Pertanto, avendo un figlio, Maria avrebbe trasgredito la Legge, e la punizione per le donne era terribile: era prevista la lapidazione “.

Dire “sì” a Dio è stata quindi una decisione di vita o di morte per Maria, ha detto il papa.

“Certamente il messaggio divino avrebbe riempito il cuore di Maria di luce e forza; tuttavia, si è trovata di fronte a una decisione cruciale: dire “sì” a Dio, rischiando tutto, anche la sua vita, oppure declinare l’invito e continuare la sua vita ordinaria “.

Il papa ha ricordato che Maria ha risposto dicendo: “Sia fatto di me secondo la tua parola” (Lc 1,38).

“Ma nella lingua in cui è scritto il Vangelo, non è semplicemente ‘lascia che sia’. L’espressione indica un forte desiderio, indica la volontà che qualcosa accada ”, ha detto.

In altre parole, Mary non dice: ‘Se deve accadere, lascia che accada … se non può essere altrimenti …’ Non è rassegnazione. No, non esprime un’accettazione debole e sottomessa, ma piuttosto esprime un forte desiderio, un desiderio vivace “.

“Non è passiva, ma attiva. Non si sottomette a Dio, si lega a Dio. È una donna innamorata preparata a servire il suo Signore completamente e immediatamente “.

“Avrebbe potuto chiedere un po ‘di tempo per pensarci, o anche per ulteriori spiegazioni su cosa sarebbe successo; forse avrebbe potuto porre delle condizioni … Invece non si prende tempo, non fa aspettare Dio, non tarda. “

Ha messo a confronto la disponibilità di Maria ad accettare la volontà di Dio con le nostre esitazioni.

Ha detto: “Quante volte – pensiamo a noi stessi adesso – quante volte la nostra vita è fatta di rinvii, anche la vita spirituale! Ad esempio, so che è bene per me pregare, ma oggi non ho tempo … “

Ha proseguito: “So che è importante aiutare qualcuno, sì, devo farlo: lo farò domani. Oggi, alle soglie del Natale, Maria ci invita a non rimandare, ma a dire ‘sì’ ”.

Sebbene ogni “sì” sia costoso, ha detto il papa, non costerà mai quanto il “sì” di Maria, che ci ha portato la salvezza.

Ha osservato che “sia fatto di me secondo la tua parola” è l’ultima frase che sentiamo da Maria nell’ultima domenica di Avvento. Le sue parole, ha detto, sono state un invito per noi ad abbracciare il vero significato del Natale.

“Perché se la nascita di Gesù non tocca le nostre vite – la mia, la tua, la tua, la nostra, quella di tutti – se non tocca le nostre vite, ci sfugge invano. Nell’Angelus ora, anche noi diremo ‘Sia fatto di me secondo la tua parola’: La Madonna ci aiuti a dirlo con la nostra vita, con il nostro avvicinamento a questi ultimi giorni in cui prepararci bene per il Natale ”, Egli ha detto.

Dopo aver recitato l’Angelus, il Santo Padre ha evidenziato la difficile situazione dei marittimi alla vigilia di Natale.

“Molti di loro – circa 400.000 in tutto il mondo – sono bloccati sulle navi, oltre i termini dei loro contratti, e non sono in grado di tornare a casa”, ha detto.

“Chiedo alla Vergine Maria, Stella Maris [Stella del mare], di confortare queste persone e tutti coloro che si trovano in situazioni difficili, e invito i governi a fare tutto il possibile per consentire loro di tornare dai loro cari”.

Il papa ha quindi invitato i pellegrini, che si trovavano in piedi nella piazza sottostante con i copricapi, a visitare la mostra “I 100 presepi in Vaticano” . L’appuntamento annuale si tiene all’aperto, per prevenire la diffusione del coronavirus, sotto i colonnati che circondano piazza San Pietro.

Ha detto che i presepi, che provengono da tutto il mondo, hanno aiutato le persone a comprendere il significato dell’Incarnazione di Cristo.

“Vi invito a visitare i presepi sotto il colonnato, per capire come le persone cercano di mostrare come Gesù è nato attraverso l’arte”, ha detto. “I presepi sotto il colonnato sono una grande catechesi della nostra fede”.

Salutando gli abitanti di Roma e i pellegrini provenienti dall’estero, il Papa ha detto: “Possa il Natale, ormai vicino, essere per ciascuno di noi occasione di rinnovamento interiore, di preghiera, di conversione, di passi avanti nella fede e di fraternità tra noi. ”

“Guardiamoci intorno, guardiamo soprattutto a chi ha bisogno: il fratello che soffre, dovunque sia, è uno di noi. È Gesù nella mangiatoia: quello che soffre è Gesù. Pensiamo un po ‘a questo. “

Ha continuato: “Che il Natale sia vicinanza a Gesù, in questo fratello e sorella. Là, nel fratello bisognoso, c’è il presepe a cui dobbiamo andare solidali. Questo è il presepe vivente: il presepe dove incontriamo veramente il Redentore nelle persone bisognose. Camminiamo dunque verso la notte santa e attendiamo il compimento del mistero della salvezza “.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo