Papa Francesco incoraggia le donne argentine a opporsi all’aborto legale

Papa Francesco ha scritto una nota alle donne della sua patria che gli chiedevano di contribuire a far conoscere la loro opposizione a un disegno di legge per legalizzare l’aborto presentato al legislatore dall’Argentina presidente la scorsa settimana.

Otto donne hanno firmato una lettera del 18 novembre a Papa Francesco esprimendo il timore che la legge sull’aborto si rivolga alle donne povere e chiedendogli “di aiutarci facendo sentire la nostra voce”.

Il quotidiano argentino La Nacion ha pubblicato il 24 novembre la lettera integrale delle donne, insieme alla risposta del papa il 22 novembre, pervenuta tramite la deputata nazionale della città di Buenos Aires, Victoria Morales Gorleri.

Nella nota manoscritta, Papa Francesco ha affermato che l’aborto “non è una questione principalmente religiosa ma una questione di etica umana, prima di qualsiasi confessione religiosa”.

“È giusto eliminare una vita umana per risolvere un problema? È giusto assumere un sicario per risolvere un problema? ” Egli ha detto.

Ha espresso la sua gratitudine per la loro lettera e ha detto che erano donne “che sanno cos’è la vita”.

“Il paese è orgoglioso di avere queste donne”, ha aggiunto. “Per favore, dì loro da parte mia che ammiro il loro lavoro e la loro testimonianza; che li ringrazio dal profondo del cuore per quello che fanno e che continuano ad andare avanti “, ha detto.

Adempiendo alla promessa della campagna presidenziale, il presidente argentino Alberto Fernández ha introdotto un disegno di legge per legalizzare l’aborto nella legislatura del paese il 17 novembre. Il disegno di legge dovrebbe essere discusso a dicembre.

Nella loro lettera a papa Francesco, le donne argentine, che provengono da tre baraccopoli di Buenos Aires, hanno affermato che l’introduzione del disegno di legge “ci mette ancora una volta in allarme per il futuro delle nostre famiglie”.

Hanno notato che hanno iniziato a incontrarsi nel 2018 nel corso di un dibattito nazionale per legalizzare l’aborto. Le donne hanno organizzato manifestazioni, rilasciato dichiarazioni al congresso e condotto sondaggi tra i vicini con risultati di “oltre l’80%” contrari all’aborto.

“Oggi siamo donne che lavorano fianco a fianco per prendersi cura della vita di tante vicine: la bimba che è in gestazione e sua madre, così come quella che è nata è tra noi e ha bisogno di aiuto”, hanno detto.

Le donne hanno detto a Papa Francesco di essere state piene di “freddo terrore” dopo che la legge sull’aborto è stata presentata al legislatore la scorsa settimana, “solo pensando che questo progetto è rivolto agli adolescenti dei nostri quartieri”.

“Non tanto perché nella villa [baraccopoli] la cultura dell’aborto è pensata come una soluzione a una gravidanza inaspettata (Sua Santità conosce bene il nostro modo di assumere la maternità tra zie, nonne e vicini)”, hanno scritto le donne, “ma perché [la legge] è orientata a coltivare l’idea che l’aborto sia una possibilità in più all’interno della gamma dei metodi contraccettivi e che anche le principali utilizzatrici debbano essere donne povere “.

“Per questo ci rivolgiamo a Vostra Santità”, hanno detto, “con il desiderio di chiederle di aiutarci a esprimere all’opinione pubblica che ci sentiamo imprigionati in una situazione in cui la nostra stessa famiglia, le nostre figlie adolescenti e le generazioni future sono compromesse con il l’idea che la nostra vita sia quella indesiderata e che non abbiamo il diritto di avere figli perché siamo poveri “.

Fernández ha detto il 22 novembre che sperava che Papa Francesco non si sarebbe arrabbiato per la sua introduzione del disegno di legge per legalizzare l’aborto.

Parlando al programma televisivo argentino Corea del Centro, Fernández, un cattolico, ha sostenuto che doveva presentare il disegno di legge per risolvere “un problema di salute pubblica in Argentina”.

Il riferimento del presidente a una crisi di salute pubblica sembrava riferirsi a affermazioni infondate di sostenitori dell’aborto nel paese, che affermano che le donne in Argentina muoiono frequentemente a causa dei cosiddetti aborti illegali “clandestini” o non sicuri nel paese. In un’intervista del 12 novembre, il vescovo Alberto Bochatey, a capo del ministero della sanità della conferenza episcopale argentina, ha contestato queste affermazioni.

Alla domanda se il papa si sarebbe arrabbiato per l’iniziativa, Fernández ha risposto: “Spero di no, perché sa quanto lo ammiro, quanto lo valuto e spero capisca che devo risolvere un problema di salute pubblica in Argentina . “

Papa Francesco predica la tolleranza in visita a Ur in Iraq

Papa Francesco predica la tolleranza in visita a Ur in Iraq

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio