Papa Francesco: la dottrina si rinnova con radici saldamente piantate nel magistero

La dottrina cristiana non è modificata per stare al passo con i tempi che passano né è rigidamente chiusa su se stessa, ha detto Papa Francesco ai membri e ai consiglieri della congregazione dottrinale.

“È una realtà dinamica che, rimanendo fedele alla sua fondazione, si rinnova di generazione in generazione e si riassume in una faccia, un corpo e un nome – Gesù Cristo risorto”, ha detto.

“La dottrina cristiana non è un sistema rigido e chiuso su se stesso, ma non è nemmeno un’ideologia che si trasforma con il cambio delle stagioni”, ha detto il 30 gennaio, durante un’udienza con cardinali, vescovi, sacerdoti e laici che erano prendere parte all’assemblea plenaria della Congregazione per la Dottrina della Fede.

Il papa disse loro che è stato grazie a Cristo risorto che la fede cristiana spalanca le porte a ogni persona e ai suoi bisogni.

Questo è il motivo per cui trasmettere la fede “esige di tenere conto della persona che la riceve” e che questa persona sia conosciuta e amata, ha detto.

In effetti, la congregazione stava usando la sua plenaria per discutere un documento sulla cura delle persone che vivevano le fasi critiche di una malattia terminale.

Lo scopo del documento, ha affermato il cardinale Luis Ladaria, prefetto della congregazione, è quello di ribadire “i fondamenti” dell’insegnamento della chiesa e offrire “linee guida pastorali precise e concrete” riguardanti la cura e l’assistenza di coloro che si trovano in una fase molto “delicata e cruciale” in vita.

Francis ha affermato che le loro riflessioni sono essenziali, in particolare in un momento in cui l’era moderna “sta progressivamente erodendo la comprensione di ciò che rende preziosa la vita umana” giudicando il valore o la dignità della vita in base all’utilità o all’efficienza di quella persona.

La storia del buon samaritano insegna che ciò che è necessario è la conversione alla compassione, ha detto.

“Perché molte volte le persone che guardano non vedono. Perché? Perché mancano di compassione”, ha detto, osservando quanto spesso la Bibbia descrive ripetutamente il cuore di Gesù “essere commosso” con pietà o compassione per coloro che incontra.

“Senza compassione, le persone che vedono non sono coinvolte in ciò che osservano e continuano ad andare avanti. Invece, le persone che hanno un cuore compassionevole sono toccate e coinvolte, si fermano e si prendono cura” dell’altro, ha detto.

Il papa ha elogiato il lavoro svolto dagli ospizi e ha chiesto loro di continuare ad essere luoghi in cui i professionisti praticano una “terapia della dignità” con impegno, amore e rispetto per la vita.

Ha anche sottolineato quanto siano importanti le relazioni e le interazioni umane nel prendersi cura dei malati terminali, e come tale approccio debba operare con il dovere di “non abbandonare mai nessuno di fronte a una malattia incurabile”.

Il papa ha anche ringraziato la congregazione per il suo lavoro di studio sulla revisione delle norme relative alla “delicta graviora”, cioè “crimini più gravi” contro la legge della chiesa, che includono l’abuso di minori.

Il lavoro della congregazione, ha detto, fa parte di uno sforzo “nella giusta direzione” per aggiornare le norme in modo che le procedure possano essere più efficaci nel rispondere a “nuove situazioni e problemi”.

Li ha incoraggiati a continuare “con fermezza” e procedere con “rigore e trasparenza” nella salvaguardia della santità dei sacramenti e di coloro la cui dignità umana è stata violata.

Nelle sue osservazioni iniziali, Ladaria ha detto al papa che la congregazione ha esaminato “un progetto di revisione” del motu proprio di San Giovanni Paolo II, “Sacramentorum sanctitatis tutela”, che ha dato alla congregazione dottrinale la responsabilità di trattare e giudicare le accuse del abuso sessuale di minori da parte del clero e altri gravi crimini nell’ambito della legge canonica.

Il cardinale ha affermato di aver anche discusso durante la plenaria del lavoro svolto dalla sezione disciplinare, che gestisce i casi di abuso e ha visto un notevole aumento di casi nell’ultimo anno.

Mons. John Kennedy, capo della sezione, ha dichiarato all’Associated Press il 20 dicembre che l’ufficio ha registrato un record di 1.000 casi segnalati per il 2019.

L’enorme numero di casi ha “sopraffatto” il personale, ha detto.

Raccontando al papa alcuni dei documenti che la congregazione ha pubblicato negli ultimi due anni, Ladaria ha anche affermato di aver emesso un chiarimento “privato”, cioè inedito, su “alcune questioni canoniche riguardanti la transessualità”.

Articoli correlati