Papa Francesco: la gioia cristiana non è facile, ma con Gesù è possibile

Arrivare alla gioia cristiana non è un gioco da ragazzi, ma se mettiamo Gesù al centro della nostra vita, è possibile avere una fede gioiosa, ha detto Papa Francesco di domenica.

“L’invito alla gioia è caratteristico del tempo di Avvento”, ha detto il Papa nel suo discorso all’Angelus il 13 dicembre. “Questa è gioia: indicare Gesù”.

Ha riflettuto sulla lettura del Vangelo del giorno da San Giovanni e ha incoraggiato le persone a seguire l’esempio di San Giovanni Battista – nella sua gioia e nella sua testimonianza della venuta di Gesù Cristo.

San Giovanni Battista “ha intrapreso un lungo viaggio per venire a rendere testimonianza a Gesù”, ha sottolineato. “Il viaggio della gioia non è una passeggiata nel parco. Ci vuole lavoro per essere sempre felici “.

“Giovanni ha lasciato tutto, fin dalla giovane età, per mettere Dio al primo posto, per ascoltare la sua Parola con tutto il suo cuore e con tutta la sua forza”, ha continuato. “Si ritirò nel deserto spogliandosi di tutto il superfluo, per essere più libero di seguire il vento dello Spirito Santo”.

Parlando da una finestra che si affaccia su Piazza San Pietro, Papa Francesco ha incoraggiato i cattolici a cogliere l’occasione della terza domenica di Avvento, chiamata anche domenica Gaudete (Rallegrati), per riflettere se vivono la loro fede con gioia e se trasmettono la gioia di essere un cristiano per gli altri.

Si è lamentato del fatto che troppi cristiani sembrano assistere a un funerale. Ma abbiamo tanti motivi per rallegrarci, ha detto: “Cristo è risorto! Cristo ti ama! “

Secondo Francesco, la prima condizione necessaria per la gioia cristiana è concentrarsi meno su se stessi e mettere Gesù al centro di tutto.

Non si tratta di “alienazione” dalla vita, ha detto, perché Gesù “è la luce che dà pieno significato alla vita di ogni uomo e donna che viene in questo mondo”.

“È lo stesso dinamismo dell’amore, che mi porta a uscire da me stesso per non perdermi, ma per ritrovarmi mentre mi dono, mentre cerco il bene dell’altro”, ha spiegato.

San Giovanni Battista è un buon esempio di questo, ha detto il papa. Come primo testimone di Gesù, ha raggiunto la sua missione non attirando l’attenzione su di sé, ma indicando sempre “Colui che doveva venire”.

“Indicava sempre il Signore”, ha sottolineato Francis. “Come la Madonna: indicando sempre il Signore: ‘Fai quello che ti dice’. Sempre il Signore al centro. I santi intorno, indicando il Signore “. Ha aggiunto: “E chi non fa notare il Signore non è santo!”

“In particolare, [Giovanni] il Battista è un modello per quanti nella Chiesa sono chiamati ad annunciare Cristo agli altri: possono farlo solo nel distacco da se stessi e dalla mondanità, non attirando a sé le persone ma indirizzandole a Gesù ”, ha affermato Papa Francesco.

La Vergine Maria è un esempio di fede gioiosa, ha concluso. “Questo è il motivo per cui la Chiesa chiama Maria ‘Causa della nostra gioia’”.

Dopo aver recitato l’Angelus, Papa Francesco ha salutato le famiglie ei bambini di Roma riuniti in Piazza San Pietro e ha benedetto le statuine del Bambino Gesù che loro e altri hanno portato dai loro presepi a casa.

In italiano, le statue di Gesù bambino si chiamano “Bambinelli”.

“Saluto ciascuno di voi e benedico le statuine di Gesù, che saranno collocate nella scena della mangiatoia, un segno di speranza e di gioia”, ha detto.

“In silenzio, benediciamo i Bambinelli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”, ha detto il Papa, facendosi il segno della croce sulla piazza. “Quando preghi a casa, davanti al presepe con la tua famiglia, lasciati attirare dalla tenerezza di Gesù Bambino, nato povero e fragile tra noi, per donarci il suo amore”.

“Non dimenticare la gioia!” Francis ha ricordato. “Il cristiano è gioioso di cuore, anche nelle prove; è gioioso perché è vicino a Gesù: è Lui che ci dà la gioia “.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID