Papa Francesco: La Messa inculturata ci mostra i doni dello Spirito Santo

Papa Francesco ha detto martedì che la liturgia inculturata può insegnare ai cattolici ad apprezzare meglio i diversi doni dello Spirito Santo.

In una prefazione a un nuovo libro, Papa Francesco ha affermato che “questo processo di inculturazione liturgica in Congo è un invito a valorizzare i vari doni dello Spirito Santo, che sono un tesoro per l’intera umanità”.

Un anno fa, Papa Francesco ha offerto la Messa nella Basilica di San Pietro per gli immigrati congolesi, in occasione del 25 ° anniversario della fondazione della Cappellania cattolica congolese di Roma.

La Messa inculturata includeva musica tradizionale congolese e l’uso zaire della forma ordinaria del rito romano.

Lo Zaire Use è una messa inculturata formalmente approvata nel 1988 per le diocesi di quella che allora era conosciuta come la Repubblica dello Zaire, ora chiamata Repubblica Democratica del Congo, nell’Africa centrale.

L’unica celebrazione eucaristica inculturata approvata dopo il Concilio Vaticano II, è stata sviluppata a seguito di una richiesta di adattamento della liturgia nella “ Sacrosanctum concilium ”, la Costituzione del Vaticano II sulla Sacra Liturgia.

“Uno dei contributi principali del Concilio Vaticano II è stato proprio quello di proporre norme per l’adattamento alle disposizioni e alle tradizioni dei vari popoli”, ha detto il papa in un videomessaggio pubblicato il 1 dicembre.

“L’esperienza del rito congolese della celebrazione della messa può servire da esempio e modello per altre culture”, ha detto il papa.

Ha esortato i vescovi del Congo, come ha fatto san Papa Giovanni Paolo II durante la visita dei vescovi a Roma nel 1988, a completare il rito adattando anche gli altri sacramenti e sacramentali.

Il papa ha inviato il videomessaggio prima della pubblicazione da parte del Vaticano del libro in lingua italiana “Papa Francesco e il ‘Messale Romano per le diocesi dello Zaire’”.

Francesco ha detto che il sottotitolo, “Un rito promettente per altre culture”, “indica il motivo fondamentale di questa pubblicazione: un libro che è la testimonianza di una celebrazione vissuta con fede e gioia”.

Ha ricordato un verso della sua esortazione apostolica post-sinodale “ Querida Amazonia ”, pubblicata a febbraio, in cui diceva che “possiamo cogliere nella liturgia molti elementi propri dell’esperienza dei popoli indigeni nel loro contatto con la natura, e il rispetto forme di espressione native nel canto, nella danza, nei rituali, nei gesti e nei simboli. “

“Il Concilio Vaticano II ha chiesto questo sforzo per inculturare la liturgia tra i popoli indigeni; sono passati più di 50 anni e abbiamo ancora molta strada da fare su questa linea ”, ha continuato, citando l’esortazione.

Il nuovo libro, che include una prefazione di Papa Francesco, ha contributi di professori della Pontificia Università Urbaniana, di un dottorando alla Pontificia Università Gregoriana e di un giornalista del quotidiano vaticano L’Osservatore Romano.

“Il significato spirituale ed ecclesiale e lo scopo pastorale della celebrazione eucaristica in rito congolese sono stati alla base della stesura del volume”, ha spiegato il papa.

“I principi della necessità di studio scientifico, adattamento e partecipazione attiva alla Liturgia, fortemente voluti dal Concilio, hanno guidato gli autori di questo volume”.

“Questa pubblicazione, cari fratelli e sorelle, ci ricorda che il vero protagonista del rito congolese è il popolo di Dio che canta e loda Dio, il Dio di Gesù Cristo che ci ha salvati”, ha concluso.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo