Papa Francesco: ‘l’Avvento è il tempo per ricordare la vicinanza di Dio’

La prima domenica di Avvento, Papa Francesco ha raccomandato una tradizionale preghiera dell’Avvento per invitare Dio ad avvicinarsi durante questo nuovo anno liturgico.

“L’Avvento è il tempo per ricordare la vicinanza di Dio che è disceso per abitare in mezzo a noi”, ha detto Papa Francesco nella Basilica di San Pietro il 29 novembre.

“Facciamo nostra la tradizionale preghiera dell’Avvento: ‘Vieni, Signore Gesù’. … Possiamo dirlo all’inizio di ogni giornata e ripeterlo spesso, prima dei nostri incontri, dei nostri studi e del nostro lavoro, prima di prendere decisioni, in ogni momento importante o difficile della nostra vita: ‘Vieni, Signore Gesù’ ”, il papa ha detto nella sua omelia.

Papa Francesco ha sottolineato che l’Avvento è sia un momento di “vicinanza di Dio che di nostra vigilanza”.

“È importante rimanere vigili, perché un grande errore nella vita è lasciarsi assorbire da mille cose e non notare Dio. Sant’Agostino diceva: “Timeo Iesum transeuntem” (temo che Gesù mi passi inosservato). Attirati dai nostri stessi interessi … e distratti da tante cose vane, rischiamo di perdere di vista l’essenziale. Ecco perché oggi il Signore ripete: ‘A tutti dico: state attenti’ ”, ha detto.

“Dover stare attenti, tuttavia, significa che adesso è notte. Sì, non stiamo vivendo in pieno giorno, ma aspettando l’alba, tra l’oscurità e la stanchezza. Verrà la luce del giorno quando saremo con il Signore. Non perdiamoci d’animo: verrà la luce del giorno, le ombre della notte saranno dissipate e il Signore, che è morto per noi sulla croce, sorgerà per essere nostro giudice. Essere vigili nell’attesa della sua venuta significa non lasciarsi vincere dallo scoraggiamento. È vivere nella speranza. “

Domenica mattina il papa ha celebrato la messa con 11 dei nuovi cardinali creati nel concistoro ordinario pubblico questo fine settimana .

Nella sua omelia, ha messo in guardia sui pericoli della mediocrità, della tiepidezza e dell’indifferenza nella vita cristiana.

“Senza sforzarci di amare Dio ogni giorno e aspettando la novità che porta costantemente, diventiamo mediocri, tiepidi, mondani. E questo lentamente divora la nostra fede, perché la fede è l’esatto opposto della mediocrità: è un ardente desiderio di Dio, un audace sforzo di cambiamento, il coraggio di amare, un progresso costante ”, ha detto.

“La fede non è l’acqua che spegne le fiamme, è il fuoco che brucia; non è un tranquillante per le persone sotto stress, è una storia d’amore per gli innamorati. Ecco perché Gesù soprattutto detesta la tiepidezza “.

Papa Francesco ha detto che la preghiera e la carità sono antidoti alla mediocrità e all’indifferenza.

“La preghiera ci risveglia dalla tiepidezza di un’esistenza puramente orizzontale e ci fa alzare lo sguardo verso le cose più alte; ci rende in sintonia con il Signore. La preghiera permette a Dio di essere vicino a noi; ci libera dalla nostra solitudine e ci dà speranza “, ha detto.

“La preghiera è vitale per la vita: così come non possiamo vivere senza respirare, così non possiamo essere cristiani senza pregare”.

Il papa ha citato la preghiera di apertura per la prima domenica di Avvento: “Concedi [a noi] … la decisione di correre incontro a Cristo con le azioni giuste alla sua venuta”.

Annuncio pubblicitario
“Gesù sta arrivando, e la strada per incontrarlo è chiaramente tracciata: passa attraverso le opere di carità”, ha detto.

“La carità è il cuore pulsante del cristiano: come non si può vivere senza un battito cardiaco, così non si può essere cristiani senza la carità”.

Dopo la Messa, Papa Francesco ha recitato l’Angelus dalla finestra del Palazzo Apostolico Vaticano con i pellegrini riuniti in Piazza San Pietro.

“Oggi, prima domenica di Avvento, inizia un nuovo anno liturgico. In esso, la Chiesa segna lo scorrere del tempo con la celebrazione dei principali eventi della vita di Gesù e la storia della salvezza. Così facendo, come Madre, illumina il cammino della nostra esistenza, ci sostiene nelle nostre occupazioni quotidiane e ci guida verso l’incontro finale con Cristo ‘, ha detto.

Il Papa ha invitato tutti a vivere questo tempo di speranza e di preparazione con “grande sobrietà” e semplici momenti di preghiera familiare.

“La situazione che stiamo vivendo, segnata dalla pandemia, genera in molti preoccupazione, paura e disperazione; c’è il rischio di cadere nel pessimismo … Come reagire a tutto questo? Il Salmo di oggi ci raccomanda: ‘La nostra anima attende il Signore: Egli è il nostro aiuto e il nostro scudo. È in Lui che i nostri cuori si rallegrano ‘”, ha detto.

“L’Avvento è un richiamo incessante alla speranza: ci ricorda che Dio è presente nella storia per condurla al suo fine ultimo, per condurla alla sua pienezza, che è il Signore, il Signore Gesù Cristo”, ha detto Papa Francesco.

“Maria Santissima, la donna dell’attesa, accompagni i nostri passi all’inizio di questo nuovo anno liturgico e ci aiuti a compiere il compito dei discepoli di Gesù, indicato dall’apostolo Pietro. E qual è questo compito? Per rendere conto della speranza che è in noi “

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID