Papa Francesco: Le persone disabili devono avere accesso ai sacramenti, alla vita della parrocchia cattolica

Le persone con disabilità devono avere accesso ai sacramenti e, come discepoli missionari, la capacità di essere partecipanti pieni e attivi nella vita della loro parrocchia cattolica, il Papa Francesco ha detto giovedì.

“Prima di tutto, riaffermo con forza il diritto delle persone con disabilità a ricevere i sacramenti, come tutti gli altri membri della Chiesa”, ha detto in un messaggio per la Giornata internazionale delle persone con disabilità il 3 dicembre.

“Tutte le celebrazioni liturgiche in parrocchia dovrebbero essere accessibili” ai disabili, ha proseguito, “in modo che, insieme ai loro fratelli e sorelle, ciascuno di loro possa approfondire, celebrare e vivere la propria fede”.

“Ribadisco la necessità di mettere a disposizione mezzi adeguati e accessibili per trasmettere la fede”, ha detto. “Nessuno dovrebbe essere escluso dalla grazia di questi sacramenti”.

Francesco ha sottolineato che, in virtù del loro battesimo, le persone disabili sono chiamate al discepolato missionario tanto quanto ogni altra persona battezzata. Ha incoraggiato le parrocchie a includerle non solo come “destinatari” del ministero pastorale, ma anche come “soggetti attivi”.

“Tutti i battezzati, qualunque sia la loro posizione nella Chiesa o il loro livello di istruzione nella fede, sono agenti di evangelizzazione”, ha detto, citando la sua esortazione apostolica del 2013 ” Evangelii gaudium “.

Ha anche esortato a prestare particolare attenzione a coloro che non hanno ancora ricevuto i sacramenti dell’iniziazione cristiana, dicendo che “dovrebbero essere accolti e inclusi nei programmi di catechesi in preparazione a questi sacramenti”.

Sebbene ci voglia uno sforzo per includere pienamente tutti, secondo i propri doni e talenti, ha affermato che “la partecipazione attiva delle persone con disabilità al lavoro di catechesi può arricchire notevolmente la vita dell’intera parrocchia”.

“Proprio perché si sono innestati su Cristo nel battesimo”, ha scritto Francesco, “condividono con lui, a modo loro, la missione sacerdotale, profetica e regale di evangelizzare attraverso, con e nella Chiesa”.

Ha aggiunto di sperare che le risorse per la catechesi vengano rese disponibili gratuitamente a chi ne ha bisogno, anche utilizzando la tecnologia, diventata ancora più importante durante la pandemia.

Papa Francesco ha affermato di volere che anche sacerdoti, seminaristi, religiosi, catechisti e operatori pastorali ricevano una formazione regolare sulla disabilità e l’inclusione.

“Ho fiducia che, nelle comunità parrocchiali, sempre più persone con disabilità possano diventare catechiste, per trasmettere efficacemente la fede, anche attraverso la loro stessa testimonianza, ha detto.

“Le comunità parrocchiali dovrebbero preoccuparsi di incoraggiare tra i fedeli un atteggiamento accogliente nei confronti delle persone con disabilità”, ha spiegato.

“La creazione di una parrocchia completamente accessibile richiede non solo la rimozione delle barriere architettoniche, ma soprattutto, aiutare i parrocchiani a sviluppare atteggiamenti e atti di solidarietà e servizio verso le persone con disabilità e le loro famiglie. Il nostro scopo dovrebbe essere quello di non parlare più di “loro”, ma piuttosto di “noi”. “

Il tema della Giornata internazionale delle persone con disabilità di quest’anno è “Ricostruire meglio: verso un mondo post-COVID-19 inclusivo, accessibile e sostenibile”.

Papa Francesco ha affermato che “è importante, in questa Giornata, promuovere una cultura della vita che affermi costantemente la dignità di ogni persona e lavori soprattutto per difendere uomini e donne con disabilità, di tutte le età e condizioni sociali”.

Riferendosi alla parabola delle case costruite su roccia e sabbia, ha detto che “l’inclusione dovrebbe essere la prima ‘roccia’ su cui costruire la nostra casa”.

Nella società, “l’inclusione dovrebbe essere la ‘roccia’ su cui costruire programmi e iniziative delle istituzioni civili intese a garantire che nessuno, specialmente quelli in maggiore difficoltà, venga lasciato indietro”, ha detto.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID