Papa Francesco: Lodate Dio soprattutto nei momenti difficili

Papa Francesco ha esortato i cattolici mercoledì a lodare Dio non solo nei momenti felici, “ma soprattutto nei momenti difficili”.

Nel discorso in udienza generale del 13 gennaio, il Papa ha paragonato coloro che lodano Dio agli alpinisti che respirano ossigeno che consente loro di raggiungere la vetta di una montagna.

Ha detto che la lode “va praticata non solo quando la vita ci riempie di felicità, ma soprattutto nei momenti difficili, nei momenti di oscurità quando il sentiero diventa una salita in salita”.

Dopo aver subito questi “passaggi impegnativi”, ha detto, possiamo vedere “un nuovo panorama, un orizzonte più ampio”.

“Lodare è come respirare ossigeno puro: purifica l’anima, fa guardare lontano per non rimanere imprigionati nel momento difficile, nell’oscurità della difficoltà”, ha spiegato.

Nel discorso di mercoledì, Papa Francesco ha continuato il suo ciclo di catechesi sulla preghiera, iniziato a maggio e ripreso in ottobre dopo nove discorsi sulla guarigione del mondo dopo la pandemia.

Ha dedicato l’udienza alla preghiera di lode, che il Catechismo della Chiesa Cattolica riconosce come una delle principali forme di preghiera, accanto alla benedizione e adorazione, petizione, intercessione e ringraziamento.

Il papa ha meditato su un brano del vangelo di san Matteo (11: 1-25), in cui Gesù risponde alle avversità lodando Dio.

“Dopo i primi miracoli e il coinvolgimento dei discepoli nella proclamazione del Regno di Dio, la missione del Messia attraversa una crisi”, ha detto.

“Giovanni Battista dubita e gli fa ricevere questo messaggio – Giovanni è in prigione: ‘Sei tu colui che deve venire, o cercheremo un altro?’ (Matteo 11: 3) perché sente questa angoscia di non sapere se si sbaglia nella sua proclamazione “.

Ha proseguito: “Ora, proprio in questo momento deludente, Matteo riferisce un fatto davvero sorprendente: Gesù non innalza un lamento al Padre, ma piuttosto innalza un inno di giubilo: ‘Ti ringrazio, Padre, Signore del cielo e terra “, dice Gesù,” che hai nascosto queste cose ai saggi e agli intellettuali e le hai rivelate ai bambini “(Matteo 11:25)”.

“Così, nel mezzo di una crisi, in mezzo alle tenebre dell’anima di tante persone, come Giovanni Battista, Gesù benedice il Padre, Gesù loda il Padre”.

Il papa ha spiegato che Gesù ha lodato Dio soprattutto per chi è Dio: il suo amorevole Padre. Gesù lo lodò anche per essersi rivelato ai “piccoli”.

“Anche noi dobbiamo rallegrarci e lodare Dio perché le persone umili e semplici accolgono il Vangelo”, ha detto. “Quando vedo queste persone semplici, queste persone umili che vanno in pellegrinaggio, che vanno a pregare, che cantano, che lodano, persone a cui forse mancano molte cose ma la cui umiltà le porta a lodare Dio …”

“Nel futuro del mondo e nelle speranze della Chiesa ci sono i ‘piccoli’: quelli che non si considerano migliori degli altri, che sono consapevoli dei propri limiti e dei propri peccati, che non vogliono signoreggiarli sugli altri, che, in Dio Padre, riconoscono che siamo tutti fratelli e sorelle “.

Il papa ha incoraggiato i cristiani a rispondere alle proprie “sconfitte personali” allo stesso modo di Gesù.

“In quei momenti, Gesù, che raccomandava vivamente la preghiera di porre domande, proprio nel momento in cui avrebbe avuto motivo di chiedere spiegazioni al Padre, comincia invece a lodarlo. Sembra essere una contraddizione, ma è lì, è la verità “, ha detto.

“A chi è utile la lode?” chiese. “A noi oa Dio? Un testo della liturgia eucaristica ci invita a pregare Dio in questo modo, dice questo: “ Anche se non hai bisogno della nostra lode, tuttavia il nostro ringraziamento è esso stesso il tuo dono, poiché le nostre lodi non aggiungono nulla alla tua grandezza, ma ci giovano per la salvezza. Rendendo lode, siamo salvati “.

“La preghiera di lode ci serve. Il Catechismo lo definisce in questo modo: la preghiera di lode ‘condivide la beata felicità dei puri di cuore che amano Dio nella fede prima di vederlo nella gloria’ “.

Il papa ha poi riflettuto su una preghiera di San Francesco d’Assisi, nota come il “Cantico di frate sole”.

“Il Poverello non l’ha composto in un momento di gioia, in un momento di benessere, ma al contrario, in mezzo al disagio”, ha spiegato.

“Francesco era ormai quasi cieco, e sentì nell’anima il peso di una solitudine che non aveva mai vissuto: il mondo non era cambiato dall’inizio della sua predicazione, c’era ancora chi si lasciava lacerare dalle liti, e inoltre, era consapevole che la morte si stava avvicinando sempre di più. “

“Potrebbe essere stato il momento della disillusione, di quell’estrema disillusione e della percezione del proprio fallimento. Ma Francesco pregò in quell’istante di tristezza, in quell’istante buio: ‘ Laudato si’, mi Signore … ‘(‘ Ogni lode è tua, mio ​​Signore … ‘) ”

“Prega lodando. Francesco loda Dio per tutto, per tutti i doni della creazione, e anche per la morte, che coraggiosamente chiama ‘sorella’ ”.

Il papa ha commentato: “Questi esempi di santi, di cristiani, e anche di Gesù, di lodare Dio nei momenti difficili, ci aprono le porte di una grande strada verso il Signore, e ci purificano sempre. La lode purifica sempre. “

In conclusione, Papa Francesco ha detto: “I santi ci mostrano che possiamo sempre dare lode, nel bene e nel male, perché Dio è l’Amico fedele”.

“Questo è il fondamento della lode: Dio è l’amico fedele e il suo amore non viene mai meno. Lui è sempre accanto a noi, ci aspetta sempre. È stato detto: “È la sentinella che ti è vicina e ti fa andare avanti con sicurezza” “.

“Nei momenti difficili e bui, abbiamo il coraggio di dire:” Benedetto sei tu, o Signore “. Lodando il Signore. Questo ci farà molto bene “.

Papa Francesco predica la tolleranza in visita a Ur in Iraq

Papa Francesco predica la tolleranza in visita a Ur in Iraq

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio