Papa Francesco nella festa della presentazione: impara dalla pazienza di Simeone e Anna

Nella festa della Presentazione del Signore, Papa Francesco ha indicato in Simeone e Anna come modelli di una “pazienza di cuore” che possa mantenere viva la speranza nei momenti difficili.

“Simeone e Anna hanno accarezzato la speranza proclamata dai profeti, anche se è lenta a realizzarsi e cresce silenziosamente tra le infedeltà e le rovine del nostro mondo. Non si sono lamentati di quanto siano sbagliate le cose, ma hanno pazientemente cercato la luce che risplende nell’oscurità della storia ”, ha detto Papa Francesco nella sua omelia del 2 febbraio.

“Fratelli e sorelle, contempliamo la pazienza di Dio e imploriamo la fiduciosa pazienza di Simeone e anche di Anna. In questo modo anche i nostri occhi possano vedere la luce della salvezza e portarla al mondo intero ”, ha detto il Papa nella Basilica di San Pietro.

Papa Francesco ha offerto la Messa il 2 febbraio in occasione della Giornata mondiale della vita consacrata, che da 25 anni si celebra ogni anno nella festa della Presentazione del Signore.

La Messa per la festa della Presentazione del Signore, chiamata anche Candelora, è iniziata con la benedizione dei ceri e una processione in una Basilica di San Pietro al buio.

L’altare della cattedra è stato illuminato con dozzine di candele accese, e anche i consacrati e le consacrate presenti nella congregazione tenevano piccoli ceri.

Per la festa della Candelora, i cattolici spesso portano le candele in chiesa per essere benedetti. Possono quindi accendere queste candele a casa durante la preghiera o nei momenti difficili come simbolo di Gesù Cristo, la luce del mondo.

Nella sua omelia, Papa Francesco ha detto che la pazienza non è “un segno di debolezza, ma la forza dello spirito che ci permette di ‘portare il peso’ … dei problemi personali e comunitari, di accettare gli altri come diversi da noi stessi, di perseverare nella bontà quando tutto sembra perduto, e continuare ad avanzare anche se sopraffatto dalla noia e dall’indolenza “.

“Diamo uno sguardo più da vicino alla pazienza di Simeone. Per tutta la sua vita ha aspettato, esercitando la pazienza del cuore “, ha detto.

“Nella sua preghiera, Simeone aveva imparato che Dio non viene negli eventi straordinari, ma opera in mezzo all’apparente monotonia della nostra vita quotidiana, nel ritmo spesso monotono delle nostre attività, nelle piccole cose che, lavorando con tenacia e umiltà, noi realizzare nei nostri sforzi per fare la sua volontà. Perseverando pazientemente, Simeone non si stancò con il passare del tempo. Ora era un uomo anziano, eppure la fiamma bruciava ancora intensamente nel suo cuore “.

Il papa ha detto che ci sono “vere sfide” nella vita consacrata che richiedono “pazienza e coraggio per continuare ad avanzare … e rispondere ai suggerimenti dello Spirito Santo”.

“C’è stato un tempo in cui abbiamo risposto alla chiamata del Signore e con entusiasmo e generosità gli abbiamo offerto la nostra vita. Lungo la strada, insieme alle consolazioni, abbiamo avuto la nostra parte di delusioni e frustrazioni “, ha detto.

“Nella nostra vita di uomini e donne consacrati, può accadere che la speranza svanisca lentamente a causa di aspettative non soddisfatte. Dobbiamo essere pazienti con noi stessi e attendere con speranza i tempi e i luoghi di Dio, perché rimane sempre fedele alle sue promesse “.

Il papa ha sottolineato che la vita comunitaria richiede anche “pazienza reciproca” di fronte alla debolezza e alle mancanze dei propri fratelli e sorelle.

Ha detto: “Teniamo presente che il Signore non ci chiama a essere solisti … ma a far parte di un coro che a volte può perdere una nota o due, ma deve sempre cercare di cantare all’unisono”.

Papa Francesco ha detto che la pazienza di Simeone nasce dalla preghiera e dalla storia del popolo ebraico, che aveva sempre visto il Signore come “un Dio misericordioso e gentile, lento all’ira e ricco di amore e fedeltà incrollabili”.

Ha aggiunto che la pazienza di Simeone rispecchiava la stessa pazienza di Dio.

“Più di chiunque altro, il Messia, Gesù, che Simeone teneva tra le braccia, ci mostra la pazienza di Dio, il Padre misericordioso che continua a chiamarci, fino alla nostra ora finale”, ha detto.

“Dio, che non esige la perfezione ma un sincero entusiasmo, che apre nuove possibilità quando tutto sembra perduto, che vuole aprire una breccia nei nostri cuori induriti, che lascia crescere il buon seme senza sradicare le erbacce.”

“Questo è il motivo della nostra speranza: che Dio non si stancherà mai di aspettarci … Quando ci voltiamo, viene a cercarci; quando cadiamo, ci solleva in piedi; quando torniamo da lui dopo aver smarrito la strada, ci aspetta a braccia aperte. Il suo amore non è pesato sulla bilancia dei nostri calcoli umani, ma ci dà senza riserve il coraggio di ricominciare da capo “, ha detto Papa Francesco.

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Amazon cancella il libro evangelico

Amazon cancella il libro evangelico