Papa Francesco offrirà la messa di mezzanotte alle 19:30

La messa di mezzanotte di Papa Francesco inizierà quest’anno alle 19:30, poiché il governo italiano estende il coprifuoco nazionale durante il periodo natalizio.

La tradizionale celebrazione del Natale della “Messa durante la notte” da parte del Papa, che si svolge nella Basilica di San Pietro il 24 dicembre, è iniziata negli ultimi anni alle 21:30.

Per il 2020, l’orario di inizio della messa è stato spostato di due ore prima per accogliere una delle misure italiane contro il coronavirus: un coprifuoco che impone alle persone di essere a casa tra le 22:00 e le 5:00, a meno che non vadano o tornino dal lavoro.

Un’altra novità del 2020 è che Papa Francesco impartirà la benedizione del giorno di Natale “Urbi et Orbi” dalla Basilica di San Pietro e non dalla loggia sulla facciata della chiesa, che si affaccia sulla piazza.

La celebrazione dei Primi Vespri da parte del Papa e il canto del Te Deum il 31 dicembre per la vigilia della Solennità di Maria Madre di Dio, si svolgeranno all’ora consueta delle 17:00.

La partecipazione a tutte le liturgie di Papa Francesco durante il periodo natalizio sarà “molto limitata”, ha detto la sala stampa vaticana.

L’ufficio liturgico della diocesi di Roma ha emesso le istruzioni per i pastori il 9 dicembre, affermando che tutte le messe della vigilia di Natale dovrebbero essere in orari che consentano alle persone di tornare a casa entro le 22:00

La diocesi ha affermato che la messa della vigilia per la Natività del Signore può essere celebrata dalle 16:30 in poi alla vigilia di Natale e la messa durante la notte può essere celebrata già dalle 18:00

Da novembre Papa Francesco tiene la sua udienza generale del mercoledì via live streaming e senza presenza pubblica, al fine di evitare raduni di persone. Ma ha continuato a pronunciare il suo discorso dell’Angelus della domenica da una finestra che si affaccia su Piazza San Pietro, dove le persone lo seguono indossando maschere e tenendosi a debita distanza.

La terza domenica di Avvento, chiamata anche domenica di Gaudete, era tradizione a Roma che le persone portassero la statuina di Gesù bambino dal loro set della Natività all’Angelus per essere benedette dal papa.

Per più di 50 anni, è stata anche una tradizione per migliaia di giovani e per i loro animatori e catechisti di un’associazione italiana chiamata COR partecipare all’Angelus domenicale di Gaudete.

Quest’anno un gruppo più piccolo, insieme alle famiglie delle parrocchie romane, sarà presente in piazza il 13 dicembre “a testimonianza del desiderio di mantenere la gioia dell’incontro con Papa Francesco e della sua benedizione sulle statuine durante l’Angelus domenicale invariato “, ha detto COR.

Il presidente del COR David Lo Bascio ha dichiarato a Roma Sette, quotidiano diocesano di Roma, che “la benedizione del Bambino Gesù ha sempre avuto il compito di ricordare ai bambini e ai giovani, alle loro famiglie, e in un certo senso alla città, che la vera gioia viene dal riconoscere che Gesù è nato sempre, di nuovo, nelle nostre vite “.

“Oggi, quando sperimentiamo tutta la fatica, la tristezza e talvolta il dolore che la pandemia ha causato, questa verità appare ancora più chiara e necessaria”, ha detto, “in modo che questo Natale ‘disadorna’ possa permetterci di concentrarci meglio su di lui .

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Amazon cancella il libro evangelico

Amazon cancella il libro evangelico

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"