Papa Francesco: ‘Portatori di gratitudine’ rendono il mondo un posto migliore

I cattolici possono cambiare il mondo essendo “portatori di gratitudine”, ha detto Papa Francesco all’udienza generale mercoledì.

Nel suo discorso del 30 dicembre, il papa ha affermato che il ringraziamento è un segno distintivo di un’autentica vita cristiana.

Ha detto: “Non dimentichiamo soprattutto di ringraziare: se siamo portatori di gratitudine, il mondo stesso migliorerà, anche se solo un po ‘, ma questo basta per trasmettere un po’ di speranza”.

“Il mondo ha bisogno di speranza. E con gratitudine, con questa abitudine di dire grazie, trasmettiamo un po ‘di speranza. Tutto è unito e tutto è connesso e ognuno deve fare la sua parte ovunque ci troviamo. “

Il papa ha pronunciato il suo discorso di udienza generale finale del 2020 nella biblioteca del palazzo apostolico, dove da ottobre si tiene l’evento settimanale a causa dell’aumento dei casi di coronavirus in Italia.

Papa Francesco ha continuato il suo ciclo di catechesi sulla preghiera, iniziato a maggio e ripreso in ottobre dopo nove discorsi sulla guarigione del mondo in mezzo alla pandemia.

Ha dedicato l’udienza di mercoledì alla preghiera di ringraziamento, che il Catechismo della Chiesa Cattolica riconosce come una delle principali forme di preghiera, accanto alla benedizione e adorazione, petizione, intercessione e lode.

Il papa ha riflettuto sulla guarigione di 10 lebbrosi da parte di Gesù, come descritto nel Vangelo di San Luca (17: 11-19).

Disse: “Da lontano, Gesù li invitò a presentarsi ai sacerdoti, che erano designati per legge per certificare le guarigioni avvenute. Gesù non ha detto altro. Ha ascoltato la loro preghiera, il loro grido di misericordia e li ha inviati immediatamente ai sacerdoti “.

“Quei 10 lebbrosi si sono fidati, non sono rimasti lì finché non sono stati guariti, no: si sono fidati e sono andati subito, e mentre erano in viaggio sono stati guariti, tutti e 10 sono stati guariti. I sacerdoti avrebbero quindi potuto verificare la loro guarigione e riammetterli alla vita normale. “

Il papa ha osservato che solo uno dei lebbrosi – “un samaritano, una sorta di ‘eretico’ per gli ebrei di quel tempo” – è tornato a ringraziare Gesù per averlo guarito.

“Questa narrazione, per così dire, divide il mondo in due: quelli che non ringraziano e quelli che lo fanno; quelli che prendono tutto come se fosse loro dovuto e quelli che accolgono tutto come un dono, come una grazia ”, ha commentato.

“Il Catechismo dice: ‘Ogni avvenimento e necessità può diventare un’offerta di ringraziamento’. La preghiera di ringraziamento inizia sempre qui: riconoscere che la grazia ci precede. Siamo stati pensati prima di imparare a pensare; siamo stati amati prima di imparare ad amare; eravamo desiderati prima che i nostri cuori concepissero un desiderio “.

“Se vediamo la vita in questo modo, il ‘grazie’ diventa la forza trainante della nostra giornata.”

Il papa ha osservato che la parola “eucaristia” deriva dal greco “ringraziamento”.

“I cristiani, come tutti i credenti, benedicono Dio per il dono della vita. Vivere è soprattutto aver ricevuto. Tutti noi siamo nati perché qualcuno voleva che avessimo la vita. E questo è solo il primo di una lunga serie di debiti che sosteniamo vivendo. Debiti di gratitudine “, ha detto.

“Nella nostra vita, più di una persona ci ha guardato con occhi puri, gratuitamente. Spesso queste persone sono educatrici, catechiste, persone che hanno svolto il loro ruolo al di là di quanto richiesto. E ci hanno provocato a essere grati. Anche l’amicizia è un dono di cui dovremmo sempre essere grati “.

Il papa ha detto che la gratitudine cristiana nasce dall’incontro con Gesù. Ha osservato che nei Vangeli coloro che hanno incontrato Cristo spesso hanno risposto con gioia e lode.

“I racconti del Vangelo sono pieni di persone devote che sono molto toccate dalla venuta del Salvatore. E anche noi siamo chiamati a partecipare a questo immenso giubilo ”, ha detto.

“Lo suggerisce anche l’episodio dei 10 lebbrosi guariti. Naturalmente, tutti loro erano felici di aver recuperato la salute, permettendo loro di porre fine a quella quarantena forzata senza fine che li escludeva dalla comunità “.

“Ma tra loro, c’era uno che ha provato una gioia in più: oltre ad essere guarito, si rallegra dell’incontro con Gesù. Non solo è liberato dal male, ma ora possiede la certezza di essere amato. Questo è il nodo: quando ringrazi qualcuno, ringrazi, esprimi la certezza di essere amato. E questo è un passo enorme: avere la certezza di essere amato. È la scoperta dell’amore come forza che governa il mondo “.

Il Papa ha proseguito: “Perciò, fratelli e sorelle, cerchiamo di rimanere sempre nella gioia dell’incontro con Gesù. Coltiviamo la gioia. Il diavolo, invece, dopo averci illuso – con qualunque tentazione – ci lascia sempre tristi e soli. Se siamo in Cristo, non c’è peccato e nessuna minaccia che potrà mai impedirci di continuare con gioia il nostro cammino, insieme a tanti altri compagni di strada “

Il papa ha esortato i cattolici a seguire la “via della felicità” che san Paolo ha delineato alla fine della sua prima lettera ai Tessalonicesi, dicendo: “Pregate costantemente, rendete grazie in ogni circostanza; poiché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù per voi. Non spegnere lo Spirito ”(1 Tess 5: 17-19).

Nel suo saluto ai cattolici di lingua polacca, il papa ha sottolineato l’ Anno di San Giuseppe , iniziato l’8 dicembre.

Ha detto: “Cari fratelli e sorelle, mentre ci avviciniamo alla fine di quest’anno, non lo valutiamo solo attraverso le sofferenze, le difficoltà e le limitazioni causate dalla pandemia. Intravediamo il bene ricevuto ogni giorno, così come la vicinanza e la benevolenza delle persone, l’amore dei nostri cari e la bontà di tutti coloro che ci circondano “.

“Ringraziamo il Signore per ogni grazia ricevuta e guardiamo con fiducia e speranza al futuro, affidandoci all’intercessione di San Giuseppe, patrono del nuovo anno. Sia per ciascuno di voi e per le vostre famiglie un anno felice e pieno di grazie divine “.

Al termine dell’udienza, Papa Francesco ha pregato per le vittime del terremoto di magnitudo 6.4 che ha colpito la Croazia il 29 dicembre.

Ha detto: “Ieri un terremoto ha causato vittime e ingenti danni in Croazia. Esprimo la mia vicinanza ai feriti e alle persone colpite dal terremoto, e prego in particolare per coloro che hanno perso la vita e per le loro famiglie “.

“Spero che le autorità del Paese, con l’aiuto della comunità internazionale, possano presto alleviare le sofferenze del caro popolo croato”.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID