Papa Francesco prega per coloro che si prendono cura dei pazienti disabili durante il Coronavirus

Papa Francesco ha pregato per coloro che si prendono cura delle persone con disabilità durante la crisi del coronavirus durante la sua messa mattutina sabato.

Parlando dalla cappella della sua residenza vaticana, Casa Santa Marta, il 18 aprile, ha affermato di aver ricevuto una lettera da una sorella religiosa che lavorava come interprete della lingua dei segni per i non udenti. Gli ha parlato delle difficoltà che devono affrontare gli operatori sanitari, gli infermieri e i medici che si occupano di pazienti disabili affetti da COVID-19.

“Quindi preghiamo per coloro che sono sempre al servizio di queste persone con varie disabilità”, ha detto.

Il papa ha formulato i commenti all’inizio della messa, che è stata trasmessa in streaming dal vivo a causa della pandemia.

Nell’omelia, ha riflettuto sulla prima lettura del giorno (Atti 4: 13-21), in cui le autorità religiose ordinarono a Pietro e Giovanni di non insegnare nel nome di Gesù.

Gli apostoli si sono rifiutati di obbedire, ha detto il papa, rispondendo con “coraggio e franchezza” che per loro era impossibile rimanere in silenzio su ciò che avevano visto e sentito.

Da allora, ha spiegato, il coraggio e la franchezza sono stati i tratti distintivi della predicazione cristiana.

Il papa ha ricordato un passaggio nella Lettera agli Ebrei (10: 32-35), in cui i cristiani tiepidi sono invitati a ricordare le loro prime lotte e a riacquistare fiducia e candore.

“Non puoi essere cristiano senza questa franchezza: se non viene, non sei un buon cristiano”, ha detto. “Se non hai il coraggio, se per spiegare la tua posizione scivoli in ideologie o spiegazioni casuistiche, ti manca quella franchezza, ti manca quello stile cristiano, la libertà di parlare, di dire tutto”.

La franchezza di Peter e John ha confuso i leader, gli anziani e gli scribi, ha detto.

“Davvero, sono stati messi all’angolo dalla franchezza: non sapevano come uscirne”, ha osservato. “Ma a loro non è venuto in mente di dire:” Potrebbe essere vero? ” Il cuore era già chiuso, era duro; il cuore era corrotto. “

Il papa notò che Pietro non era nato coraggioso, ma aveva ricevuto il dono della parresia – una parola greca talvolta tradotta come “audacia” – dallo Spirito Santo.

“Era un codardo, ha negato Gesù”, ha detto. “Ma cosa è successo ora? Loro [Pietro e Giovanni] hanno risposto: ‘Se è giusto agli occhi di Dio per noi obbedire a te piuttosto che a Dio, tu sei i giudici. Per noi è impossibile non parlare di ciò che abbiamo visto e sentito. “

“Ma da dove viene questo coraggio, questo codardo che ha negato il Signore? Che cosa è successo nel cuore di quest’uomo? Il dono dello Spirito Santo: franchezza, coraggio, parresia è un dono, una grazia che lo Spirito Santo dà nel giorno di Pentecoste ”.

“Subito dopo aver ricevuto lo Spirito Santo sono andati a predicare: un po ‘coraggiosi, qualcosa di nuovo per loro. Questa è coerenza, il segno del cristiano, del vero cristiano: è coraggioso, dice tutta la verità perché è coerente. “

Passando alla lettura evangelica del giorno (Marco 16: 9-15), in cui Cristo risorto rimprovera ai discepoli per non aver creduto ai resoconti della sua risurrezione, il papa ha osservato che Gesù dà loro il dono dello Spirito Santo che consente loro di compiere la loro missione di “Andare in tutto il mondo e proclamare il Vangelo a ogni creatura”.

“La missione viene proprio da qui, da questo dono che ci rende coraggiosi, schietti nel proclamare la parola”, ha detto.

Dopo la messa, il papa ha presieduto l’adorazione e la benedizione del Santissimo Sacramento, prima di guidare coloro che guardano online in una preghiera di comunione spirituale.

Il Papa ha ricordato che domani avrebbe offerto la messa a Santo Spirito in Sassia, una chiesa vicino alla Basilica di San Pietro, alle 11 ora locale.

Infine, i presenti hanno cantato l’antifona mariana pasquale “Regina caeli”.

Nella sua omelia, il papa ha chiarito che i cristiani dovrebbero essere sia coraggiosi che prudenti.

“Il Signore ci aiuti sempre ad essere così: coraggiosi. Questo non significa imprudente: no, no. Coraggioso. Il coraggio cristiano è sempre prudente, ma è coraggio ”, ha detto.

Credere significa affidarsi a Dio.

Credere significa affidarsi a Dio.

Regole di Dio per vivere meglio.

Regole di Dio per vivere meglio.

Angelo custode: perché ci viene donato ?

Angelo custode: perché ci viene donato ?

I Santi in cielo non sanno degli affari sulla terra? scoprilo!

I Santi in cielo non sanno degli affari sulla terra? scoprilo!

L'aborto e la pedofilia due grandi ferite per la Chiesa cattolica

L'aborto e la pedofilia due grandi ferite per la Chiesa cattolica

Religione: le donne non sono considerate seriamente dalla società

Religione: le donne non sono considerate seriamente dalla società

La polizia britannica interrompe il battesimo nella chiesa di Londra per le restrizioni sul coronavirus

La polizia britannica interrompe il battesimo nella chiesa di Londra per le restrizioni sul coronavirus