Papa Francesco prega per le vittime dell’attacco islamista in Nigeria che ha lasciato 30 decapitati

Papa Francesco ha detto mercoledì che stava pregando per la Nigeria a seguito di un massacro di almeno 110 contadini in cui militanti islamici hanno decapitato circa 30 persone.

“Voglio assicurare le mie preghiere per la Nigeria, dove purtroppo il sangue è stato nuovamente versato in un massacro terroristico”, ha detto il Papa al termine dell’udienza generale il 2 dicembre.

“Sabato scorso, nel nord-est del Paese, più di 100 agricoltori sono stati brutalmente uccisi. Possa Dio accoglierli nella sua pace e confortare le loro famiglie e convertire i cuori di coloro che commettono atrocità simili che offendono gravemente il suo nome “.

L’attacco del 28 novembre nello Stato di Borno è l’attacco diretto più violento contro i civili in Nigeria quest’anno, secondo Edward Kallon, coordinatore umanitario e residente delle Nazioni Unite in Nigeria.

Tra le 110 persone uccise, circa 30 persone sono state decapitate dai militanti, secondo Reuters. Amnesty International ha anche riferito che 10 donne sono scomparse dopo l’attacco.

Nessun gruppo ha rivendicato l’attacco, ma la milizia anti-jihadista locale ha detto all’AFP che i Boko Haram operano nella zona e attaccano spesso gli agricoltori. Anche la Provincia dello Stato Islamico dell’Africa Occidentale (ISWAP) è stata nominata come un possibile autore del massacro.

Più di 12.000 cristiani in Nigeria sono stati uccisi in attacchi islamisti dal giugno 2015, secondo un rapporto del 2020 dell’organizzazione nigeriana per i diritti umani, della Società internazionale per le libertà civili e lo Stato di diritto (Intersociety).

Lo stesso rapporto ha rilevato che 600 cristiani sono stati uccisi in Nigeria nei primi cinque mesi del 2020.

I cristiani in Nigeria sono stati decapitati e incendiati, le fattorie sono state incendiate e sacerdoti e seminaristi sono stati presi di mira per rapimenti e riscatti.

P. Matthew Dajo, sacerdote dell’arcidiocesi di Abuja, è stato rapito il 22 novembre. Non è stato rilasciato, secondo il portavoce dell’arcidiocesi.

Dajo è stato rapito da uomini armati durante un attacco alla città di Yangoji, dove si trova la sua parrocchia, la chiesa cattolica di Sant’Antonio. L’arcivescovo Ignatius Kaigama di Abuja ha lanciato un appello alla preghiera per il suo rilascio sicuro.

I rapimenti di cattolici in Nigeria sono un problema continuo che non riguarda solo sacerdoti e seminaristi, ma anche fedeli laici, ha detto Kaigama.

Dal 2011, il gruppo islamista Boko Haram è dietro a molti rapimenti, compreso quello di 110 studenti rapiti dal loro collegio nel febbraio 2018. Di quelle rapite, una ragazza cristiana, Leah Sharibu, è ancora detenuta.

Anche il gruppo locale affiliato allo Stato islamico ha compiuto attacchi in Nigeria. Il gruppo è stato formato dopo che il leader di Boko Haram, Abubakar Shekau, ha promesso fedeltà allo Stato islamico di Iraq e Siria (ISIS) nel 2015. Il gruppo è stato poi ribattezzato Provincia dello Stato islamico dell’Africa occidentale (ISWAP).

A febbraio, l’ambasciatore americano per la libertà religiosa Sam Brownback ha detto alla CNA che la situazione in Nigeria si stava deteriorando.

“Ci sono molte persone che vengono uccise in Nigeria e temiamo che si diffonderà molto in quella regione”, ha detto a CNA. “È davvero apparso sui miei schermi radar – negli ultimi due anni, ma in particolare nell’ultimo anno.”

“Penso che dobbiamo stimolare di più il governo [del presidente nigeriano Muhammadu] Buhari. Possono fare di più “, ha detto. “Non stanno assicurando alla giustizia queste persone che stanno uccidendo aderenti religiosi. Non sembrano avere il senso dell’urgenza di agire. “

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo