Papa Francesco prenderà parte alla serie Netflix sulle prospettive degli anziani

Un libro di Papa Francesco sulle prospettive degli anziani è la base per una prossima serie di Netflix e il papa è pronto a partecipare.

“Sharing the Wisdom of Time” è stato pubblicato in inglese e italiano nel 2018. Il libro consiste in interviste con persone anziane di tutto il mondo e include le risposte di Papa Francesco a 31 delle testimonianze, come trasmesse nelle conversazioni con p. Antonio Spadaro, gesuita e direttore de “La Civilta Cattolica”.

La serie di quattro episodi non è ancora stata nominata. Comprenderà un’intervista esclusiva con Papa Francesco. Continuerà la sua chiamata a riconoscere gli anziani come fonti di saggezza e memoria. Gli anziani intervistati nel libro provengono da una varietà di paesi, religioni, etnie e contesti socioeconomici. Saranno intervistati da giovani registi che vivono nei loro paesi e il papa commenterà, secondo Loyola Press, un apostolato della provincia gesuita del Midwest.

L’associazione anti-povertà Unbound, che ha collaborato con Loyola Press al libro, aiuterà con il progetto del documentario. La società italiana Stand By Me Productions è la produttrice della serie di documentari, prevista per il rilascio globale su Netflix nel 2021.

Alla presentazione del libro “Sharing the Wisdom of Time”, il 23 ottobre 2018, Papa Francesco ha parlato della saggezza e della conoscenza della fede che gli anziani possono condividere con i giovani.

“Una delle virtù dei nonni è che hanno visto molte cose nella loro vita”, ha detto il papa. Ha consigliato ai nonni di avere “tanto amore, molta tenerezza… e preghiere” per i giovani nelle loro vite che hanno abbandonato la fede.

“La fede si trasmette sempre in dialetto. Il dialetto della casa, il dialetto dell’amicizia ”, ha detto.

I fillmmakers per il progetto lavoreranno sotto Fernando Meirelles, il regista brasiliano della produzione Netflix del 2019 The Two Popes. Quel film era incentrato su diversi incontri immaginari tra Benedetto XVI e il cardinale Jorge Bergoglio nel periodo tra il conclave del 2005 che ha eletto Benedetto e il conclave del 2013 che ha eletto Papa Francesco. I critici hanno detto che il film non rappresentava accuratamente Papa Benedetto e Papa Francesco, e invece riflette un approccio ideologico ai due uomini.

Meirelles è meglio conosciuto per aver co-diretto “City of God”, il film del 2002 ambientato in una favela di Rio de Janeiro. Ha detto di essere cattolico ma ha smesso di partecipare alla messa da bambino.

Netflix è stato recentemente criticato per Cuties, un film prodotto in Francia su una compagnia di danza che ha attirato critiche sostenute per la sua rappresentazione sessualizzata di minori quando il film è stato lanciato sul servizio di streaming nel settembre 2020. Il film contrasta la cultura conservatrice degli immigrati musulmani in cui il il personaggio principale è elevato alla cultura libertina della Francia laica.

La serie Netflix 13 Reasons Why ha anche attirato critiche da parte dei professionisti della salute mentale per la sua presentazione del suicidio degli adolescenti come un atto di vendetta e un gioco di potere. Alcuni hanno espresso preoccupazioni che il suo debutto all’inizio del 2017 possa aver contribuito a un picco misurabile nel suicidio di adolescenti maschi

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID