Papa Francesco: Prendersi cura dei rifugiati in fuga ‘virus di ingiustizia, violenza e guerra’

Papa Francesco ha esortato i cattolici a prendersi cura delle persone che fuggono “dai virus dell’ingiustizia, della violenza e della guerra”, in un messaggio in occasione del 40 ° anniversario del Gesuita Rifugiato Servizio.

In una lettera pubblicata sul sito web del JRS il 12 novembre, il papa ha scritto che la pandemia di coronavirus aveva dimostrato che tutti gli esseri umani erano “sulla stessa barca”.

“In effetti, troppe persone nel mondo di oggi sono letteralmente costrette ad aggrapparsi a zattere e gommoni nel tentativo di cercare rifugio dai virus dell’ingiustizia, della violenza e della guerra”, ha detto il papa in un messaggio al direttore internazionale del JRS p. Thomas H. Smolich, SJ

Papa Francesco ha ricordato che il JRS è stato fondato nel novembre 1980 da p. Pedro Arrupe, Superiore Generale dei Gesuiti dal 1965 al 1983. Arrupe è stato spinto ad agire dopo aver assistito alla difficile situazione di centinaia di migliaia di profughi sud vietnamiti in fuga in barca dopo la guerra del Vietnam.

Arrupe ha scritto a più di 50 province gesuite chiedendo loro di aiutare a supervisionare una risposta umanitaria globale alla crisi. Il JRS è stato fondato e ha iniziato a lavorare tra i boat people vietnamiti nei campi nel sud-est asiatico.

“P. Arrupe ha tradotto il suo shock per le sofferenze di coloro che fuggono dalla loro patria in cerca di sicurezza a seguito della guerra in Vietnam in una preoccupazione profondamente pratica per il loro benessere fisico, psicologico e spirituale ”, ha scritto il papa nella lettera del 4 ottobre.

Il papa ha affermato che il “desiderio profondamente cristiano e ignaziano di Arrupe di prendersi cura del benessere di tutti coloro che si trovano nella disperazione più assoluta” ha continuato a guidare il lavoro dell’organizzazione oggi in 56 paesi .

Ha continuato: “Di fronte a tali gravi disuguaglianze, il JRS ha un ruolo chiave da svolgere nella sensibilizzazione sulla situazione dei rifugiati e di altri sfollati con la forza”.

“Tuo è il compito vitale di tendere la mano dell’amicizia a coloro che sono soli, separati dalle loro famiglie o addirittura abbandonati, accompagnandoli e dando loro voce, soprattutto fornendo loro opportunità di crescita attraverso programmi educativi e di sviluppo”.

“La vostra testimonianza dell’amore di Dio nel servire rifugiati e migranti, inoltre, è essenziale per costruire quella ‘cultura dell’incontro’ che sola può fornire la base per una solidarietà autentica e duratura per il bene della nostra famiglia umana”.

Il JRS si è espanso oltre il sud-est asiatico negli anni ’80, estendendosi ai rifugiati e agli sfollati interni in America centrale e latina, nell’Europa sud-orientale e in Africa. Oggi, l’organizzazione supporta quasi 680.000 persone in tutto il mondo attraverso 10 uffici regionali e il suo ufficio internazionale a Roma.

Il Papa ha concluso: “Guardando al futuro, sono fiducioso che nessuna battuta d’arresto o sfida, sia personale che istituzionale, potrà distrarvi o scoraggiarvi dal rispondere con generosità a questa chiamata urgente di promuovere la cultura della vicinanza e dell’incontro attraverso la vostra risoluta difesa. di coloro che accompagni ogni giorno “

Credere significa affidarsi a Dio.

Credere significa affidarsi a Dio.

Regole di Dio per vivere meglio.

Regole di Dio per vivere meglio.

Angelo custode: perché ci viene donato ?

Angelo custode: perché ci viene donato ?

I Santi in cielo non sanno degli affari sulla terra? scoprilo!

I Santi in cielo non sanno degli affari sulla terra? scoprilo!

L'aborto e la pedofilia due grandi ferite per la Chiesa cattolica

L'aborto e la pedofilia due grandi ferite per la Chiesa cattolica

Religione: le donne non sono considerate seriamente dalla società

Religione: le donne non sono considerate seriamente dalla società

La polizia britannica interrompe il battesimo nella chiesa di Londra per le restrizioni sul coronavirus

La polizia britannica interrompe il battesimo nella chiesa di Londra per le restrizioni sul coronavirus