Papa Francesco proclama l’anno di San Giuseppe

Il decreto rilasciato martedì ha anche detto che Papa Francesco aveva concesso indulgenze speciali per celebrare l’anno.

Papa Francesco ha annunciato martedì un anno di San Giuseppe in onore del 150 ° anniversario della proclamazione del santo patrono della Chiesa universale .

L’anno inizia l’8 dicembre 2020 e si conclude l’8 dicembre 2021, secondo un decreto autorizzato dal papa.

Il decreto diceva che Papa Francesco aveva stabilito un Anno di San Giuseppe in modo che “ogni fedele, seguendo il suo esempio, possa rafforzare la propria vita di fede quotidiana nel completo compimento della volontà di Dio”.

Ha aggiunto che il papa aveva concesso delle indulgenze speciali per celebrare l’anno.

Il decreto dell’8 dicembre è stato emanato dalla Penitenzieria Apostolica, dicastero della Curia Romana che sovrintende alle indulgenze, e firmato dalla Penitenzieria Maggiore, Cardinale Mauro Piacenza, e dal Reggente, Mons. Krzysztof Nykiel.

Oltre al decreto, Francesco ha pubblicato martedì una lettera apostolica dedicata al padre adottivo di Gesù.

Il papa ha spiegato nella lettera, intitolata Patris corde (“Con il cuore di un padre”) e datata 8 dicembre, di voler condividere alcune “riflessioni personali” sulla sposa della Beata Vergine Maria.

“Il mio desiderio di farlo è aumentato durante questi mesi di pandemia”, ha detto, sottolineando che molte persone durante la crisi avevano fatto sacrifici nascosti per proteggere gli altri.

“Ognuno di noi può scoprire in Giuseppe – l’uomo che passa inosservato, una presenza quotidiana, discreta e nascosta – un intercessore, un sostegno e una guida nei momenti di difficoltà”, ha scritto.

“St. Giuseppe ci ricorda che coloro che appaiono nascosti o nell’ombra possono svolgere un ruolo incomparabile nella storia della salvezza “.

Papa Pio IX proclamò San Giuseppe patrono della Chiesa universale l’8 dicembre 1870 con il decreto Quemadmodum Deus .

Nel suo decreto di martedì, la Penitenzieria Apostolica ha affermato che, “per riaffermare l’universalità del patronato di San Giuseppe nella Chiesa”, avrebbe concesso un’indulgenza plenaria ai cattolici che recitano qualsiasi preghiera approvata o atto di pietà in onore di San Giuseppe, soprattutto il 19 marzo, solennità del santo, e il 1 maggio, festa di San Giuseppe Lavoratore.

Altri giorni importanti per l’indulgenza plenaria sono la Festa della Sacra Famiglia il 29 dicembre e la domenica di San Giuseppe nella tradizione bizantina, nonché il 19 di ogni mese e ogni mercoledì, giornata dedicata al santo nella tradizione latina .

Il decreto afferma: “Nell’attuale contesto di emergenza sanitaria, il dono dell’indulgenza plenaria è particolarmente esteso agli anziani, ai malati, ai moribondi ea tutti coloro che per motivi legittimi non possono uscire di casa, che distaccati da ogni peccato e con l’intenzione di adempiere, al più presto, le tre condizioni usuali, nella propria casa o dove li trattiene l’impedimento, recitare un atto di pietà in onore di San Giuseppe, conforto degli ammalati e patrono di una morte felice, offrendo con fiducia in Dio i dolori e i disagi della loro vita “.

Le tre condizioni per ricevere un’indulgenza plenaria sono la confessione sacramentale, il ricevimento della santa Comunione e la preghiera per le intenzioni del papa.

Nella sua lettera apostolica, Papa Francesco ha riflettuto sulle qualità paterne di San Giuseppe, descrivendolo come amato, tenero e amorevole, obbediente, accettante e “creativamente coraggioso”. Ha anche sottolineato di essere un padre che lavora.

Il papa ha definito il santo “un padre nell’ombra”, citando il romanzo “L’ombra del padre”, pubblicato dall’autore polacco Jan Dobraczyński nel 1977.

Ha detto che Dobraczyński, che è stato dichiarato Giusto tra le nazioni da Yad Vashem nel 1993 per aver protetto i bambini ebrei a Varsavia nella seconda guerra mondiale, “usa l’immagine evocativa di un’ombra per definire Giuseppe”.

“Nella sua relazione con Gesù, Giuseppe era l’ombra terrena del Padre celeste: vegliava su di lui e lo proteggeva, non lasciandolo mai andare per la sua strada”, ha scritto il papa.

Papa Francesco ha detto che il mondo contemporaneo richiede esempi di vera paternità.

“Il nostro mondo oggi ha bisogno di padri. Non serve a niente per i tiranni che vorrebbero dominare gli altri come mezzo per compensare i propri bisogni “, ha scritto.

“Respinge coloro che confondono l’autorità con l’autoritarismo, il servizio con il servilismo, la discussione con l’oppressione, la carità con una mentalità assistenziale, il potere con la distruzione”.

“Ogni vera vocazione nasce dal dono di sé, che è frutto di maturo sacrificio. Anche il sacerdozio e la vita consacrata richiedono questo tipo di maturità. Qualunque sia la nostra vocazione, al matrimonio, al celibato o alla verginità, il nostro dono di sé non si realizzerà se si ferma al sacrificio; se così fosse, invece di diventare un segno della bellezza e della gioia dell’amore, il dono di sé rischierebbe di essere un’espressione di infelicità, tristezza e frustrazione “.

Ha continuato: “Quando i padri rifiutano di vivere la vita dei loro figli per loro, si aprono nuovi e inaspettati panorami. Ogni bambino è portatore di un mistero unico che può essere portato alla luce solo con l’aiuto di un padre che rispetta la libertà di quel bambino. Un padre che si rende conto di essere soprattutto un padre ed un educatore nel punto in cui diventa “inutile”, quando vede che suo figlio è diventato indipendente e può percorrere le strade della vita senza essere accompagnato. Quando diventa come Giuseppe, che ha sempre saputo che suo figlio non era suo ma era stato semplicemente affidato alle sue cure “.

Il papa ha aggiunto: “In ogni esercizio della nostra paternità, dobbiamo sempre tenere presente che non ha nulla a che fare con il possesso, ma è piuttosto un ‘segno’ che indica una maggiore paternità. In un certo senso, siamo tutti come Giuseppe: un’ombra del Padre celeste, che “fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti” (Matteo 5:45). E un’ombra che segue suo Figlio “.

Papa Francesco ha promosso la devozione a San Giuseppe durante tutto il suo pontificato.

Ha iniziato il suo ministero petrino il 19 marzo 2013, solennità di San Giuseppe, e ha dedicato al santo l’ omelia della sua messa di inaugurazione.

“Nei Vangeli San Giuseppe appare come un uomo forte e coraggioso, un lavoratore, eppure nel suo cuore vediamo una grande tenerezza, che non è la virtù dei deboli ma piuttosto un segno di forza di spirito e capacità di preoccupazione , per compassione, per genuina apertura agli altri, per amore “, ha detto.

Il suo stemma presenta un nardo, che è associato a San Giuseppe nella tradizione iconografica ispanica.

Il 1 maggio 2013, il papa ha autorizzato un decreto che ordinava che il nome di San Giuseppe fosse inserito nelle preghiere eucaristiche II, III e IV.

Durante una visita apostolica nelle Filippine nel 2015, il papa ha spiegato perché ha tenuto un’immagine del santo sulla sua scrivania.

“Vorrei anche dirti qualcosa di molto personale”, ha detto . “Ho un grande amore per San Giuseppe, perché è un uomo di silenzio e di forza.”

“Sulla mia tavola ho un’immagine di San Giuseppe che dorme. Anche quando dorme, si prende cura della Chiesa! Sì! Sappiamo che può farlo. Quindi quando ho un problema, una difficoltà, scrivo un piccolo biglietto e lo metto sotto San Giuseppe, così che possa sognarlo! In altre parole gli dico: prega per questo problema! “

Nella sua udienza generale del 18 marzo di quest’anno, ha esortato i cattolici a rivolgersi a San Giuseppe nei momenti di avversità.

“Nella vita, al lavoro e in famiglia, attraverso gioie e dolori, ha sempre cercato e amato il Signore, meritando l’elogio delle Scritture che lo descriveva come un uomo giusto e saggio”, ha detto .

“Invocalo sempre, soprattutto nei momenti difficili e affida la tua vita a questo grande santo”.

Il papa ha concluso la sua nuova lettera apostolica esortando i cattolici a pregare san Giuseppe per “la grazia delle grazie: la nostra conversione”.

Ha concluso il testo con una preghiera: “Ti saluto, Guardiano del Redentore, Sposa della Beata Vergine Maria. A te Dio ha affidato il suo Figlio unigenito; in te Maria ha posto la sua fiducia; con te Cristo si è fatto uomo. Beato Giuseppe, anche a noi mostrati padre e guidaci nel cammino della vita. Ottienici grazia, misericordia e coraggio e difendici da ogni male. Amen.”

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera