Papa Francesco: ricevi la comunione ogni volta come se fosse la prima volta

Ogni volta che un cattolico riceve la Comunione, dovrebbe essere come la sua prima Comunione, ha detto Papa Francesco.

In occasione della festa del Corpo e del Sangue di Cristo, il 23 giugno, il papa ha parlato del dono dell’Eucaristia durante il suo discorso di mezzogiorno di Angelus in Vaticano e nella parrocchia di Roma di Santa Maria Consolatrice, dove ha celebrato una messa serale e guidato la benedizione eucaristica dopo una processione del Corpus Domini.

La festa, ha detto ai visitatori in Piazza San Pietro, è un’occasione annuale per i cattolici “per rinnovare il nostro timore reverenziale e la nostra gioia per lo stupendo dono del Signore, che è l’Eucaristia”.

I cattolici dovrebbero concentrarsi sulla ricezione della Comunione con gratitudine ogni volta che la ricevono, ha detto, piuttosto che avvicinarsi all’altare “in modo passivo e meccanico”.

“Dobbiamo abituarci a ricevere l’Eucaristia e non andare in comunione per abitudine”, ha detto il papa. “Quando il sacerdote ci dice:” Il corpo di Cristo “, noi diciamo” Amen “. Ma lascia che sia un ‘Amen’ che viene dal cuore, con convinzione “.

“È Gesù, è Gesù che mi ha salvato; è Gesù che viene per darmi la forza di vivere”, ha detto Papa Francesco. “Non ci dobbiamo abituare. Ogni volta deve essere come se fosse la nostra prima comunione.”

Più tardi, celebrando una messa serale sui gradini della parrocchia romana di Santa Maria Consolatrice, a circa sei miglia a est del Vaticano, l’omelia di papa Francesco si è concentrata sulla storia evangelica della moltiplicazione dei pani e del legame tra Eucaristia e benedizioni.

“Quando uno benedice, non fa qualcosa per se stesso, ma per gli altri”, come fece Gesù quando benedisse i cinque pani e i due pesci prima che fossero miracolosamente moltiplicati per nutrire la folla, ha detto il papa. “La benedizione non si tratta di dire belle parole o frasi banali; si tratta di dire bontà, parlare con amore.”

Articoli correlati