Papa Francesco saluta i medici e gli infermieri argentini come “eroi non celebrati” della pandemia

Papa Francesco ha salutato gli operatori sanitari argentini come gli “eroi non celebrati” della pandemia di coronavirus in un videomessaggio pubblicato venerdì.

Nel video , pubblicato sull’account YouTube della conferenza episcopale argentina il 20 novembre, il papa ha espresso il suo apprezzamento per medici e infermieri della sua terra.

Ha detto: “Siete gli eroi non celebrati di questa pandemia. Quanti di voi hanno dato la vita per essere vicini ai malati! Grazie per la vicinanza, grazie per la tenerezza, grazie per la professionalità con cui ti prendi cura dei malati. “

Il papa ha registrato il messaggio in vista della Giornata infermieristica argentina del 21 novembre e della Giornata dei medici del 3 dicembre. Le sue parole sono state introdotte dal vescovo Alberto Bochatey, vescovo ausiliare di La Plata e presidente della commissione sanitaria dei vescovi argentini, che le ha descritte come “una sorpresa”.

L’Argentina, che ha una popolazione di 44 milioni di abitanti, ha registrato più di 1.374.000 casi di COVID-19 e oltre 37.000 morti al 24 novembre, secondo il Johns Hopkins Coronavirus Resource Center, nonostante sia stata sottoposta al blocco più lungo del mondo.

Il papa ha pregato spesso per gli operatori sanitari quando ha celebrato messe quotidiane trasmesse in live streaming durante la chiusura di quest’anno in Italia.

A maggio, ha affermato che la crisi del coronavirus aveva dimostrato che i governi dovevano investire di più nella sanità e assumere più infermieri.

In un messaggio in occasione della Giornata internazionale degli infermieri il 12 maggio, ha affermato che la pandemia aveva messo in luce le debolezze dei sistemi sanitari mondiali.

“Per questo, chiederei ai leader delle Nazioni di tutto il mondo di investire nella sanità come bene comune primario, rafforzandone i sistemi e impiegando un maggior numero di infermieri, in modo da garantire a tutti un’adeguata assistenza, nel rispetto della dignità di ogni persona “, ha scritto.

Nel suo messaggio agli operatori sanitari argentini, il papa ha detto: “Voglio essere vicino a tutti i medici e gli infermieri, soprattutto in questo momento in cui la pandemia ci chiama ad essere vicini agli uomini e alle donne che soffrono”.

“Prego per voi, chiedo al Signore di benedire ciascuno di voi, le vostre famiglie, con tutto il cuore, e di accompagnarvi nel vostro lavoro e nei problemi che potreste incontrare. Il Signore ti sia vicino come tu sei vicino agli ammalati. E non dimenticare di pregare per me “

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo