Papa Francesco scrive la lettera di Natale all’amato popolo del Libano

Papa Francesco ha scritto una lettera di Natale al popolo libanese incoraggiandolo a confidare in Dio durante i periodi di crisi.

“Amati figli e figlie del Libano, sono profondamente turbato nel vedere la sofferenza e l’angoscia che hanno minato la resilienza e l’intraprendenza nativa della Terra dei Cedri”, ha scritto Papa Francesco nella lettera pubblicata il 24 dicembre.

“In questo giorno di Natale, tuttavia, ‘le persone che hanno camminato nelle tenebre hanno visto una grande luce’ – la luce che attenua le nostre paure e infonde in ciascuno di noi la sicura speranza che la Provvidenza di Dio non abbandonerà mai il Libano e cambierà questa volta dalla tristezza al bene “, ha scritto.

Il Libano ha dovuto affrontare una crisi economica e politica nel 2020 che è stata aggravata da una devastante esplosione nel porto di Beirut il 4 agosto. L’esplosione ha ucciso quasi 200 persone, ne ha ferite altre 600 e ha causato danni per oltre 4 miliardi di dollari.

Il cardinale Bechara Boutros Rai, leader dei cattolici maroniti libanesi, ha detto il mese scorso che l’instabilità del Paese ha “causato un’aspra crisi economica, che ha aumentato il tasso di povertà e causato l’esodo della popolazione”.

Nella lettera di Papa Francesco inviata al cardinale Rai, il papa ha espresso il suo “affetto per l’amato popolo del Libano”, aggiungendo che spera di visitare il Paese il prima possibile.

Il papa ha lanciato un appello alla comunità internazionale affinché “aiuti il ​​Libano a distinguersi dai conflitti e dalle tensioni regionali”.

Ha detto che è “doloroso” per lui vedere il Libano “privato delle [sue] preziose aspirazioni di vivere in pace e di continuare ad essere, per il nostro tempo e il nostro mondo, un messaggio di libertà e un testimone di armoniosa convivenza”.

“Aiutiamo il Libano a distinguersi dai conflitti e dalle tensioni regionali. Aiutiamo il Libano a superare questa grave crisi e riprendere un’esistenza normale ”, ha scritto Papa Francesco nel suo appello.

Più della metà della popolazione libanese vive in povertà, secondo la Commissione economica e sociale delle Nazioni Unite per l’Asia occidentale, e decine di migliaia di libanesi hanno perso il lavoro a causa dell’esplosione.

Papa Francesco ha invitato i leader politici libanesi a usare la loro responsabilità per cercare il miglior interesse del pubblico piuttosto che il guadagno personale.

Il papa ha anche diffuso uno speciale messaggio natalizio per il Sud Sudan insieme all’arcivescovo di Canterbury Justin Welby e al Rev. Martin Fair, moderatore della Chiesa Presbiteriana Scozzese, come ha fatto l’anno scorso a Natale.

Il messaggio ai leader politici del Sud Sudan ha ribadito un fermo impegno a portare la pace nel Paese e il desiderio dei leader religiosi di visitare insieme il Sud Sudan.

“Preghiamo, questo Natale, affinché possiate conoscere una maggiore fiducia tra di voi e una maggiore generosità di servizio al vostro popolo. Preghiamo che tu conosca la pace che supera la comprensione nei tuoi cuori e nel cuore della tua grande nazione “, afferma il messaggio.

Nella sua lettera al popolo libanese, Papa Francesco ha incoraggiato i cattolici maroniti a ricordare che la nascita di Cristo significa che Dio è con noi e ad “confidare nella sua presenza e nella sua fedeltà”.

“Il Libano è menzionato frequentemente nelle Sacre Scritture, ma sicuramente spicca un’immagine del Salmista: ‘I giusti fioriranno come la palma e cresceranno come un cedro del Libano’”, ha scritto.

“Nella Bibbia il maestoso cedro simboleggia fermezza, stabilità e protezione. Il cedro simboleggia i giusti che sono profondamente radicati nel Signore, un segno di bellezza e prosperità, che stanno in piedi e portano frutti abbondanti anche nella vecchiaia “.

“Come il cedro, attingi profondamente alle radici della tua vita comune, per essere ancora una volta un popolo di fraterna solidarietà. Come il cedro che resiste a ogni tempesta, che tu possa sfruttare al meglio gli eventi presenti per riscoprire la tua identità, che è portare al mondo intero il dolce profumo del rispetto reciproco, della convivenza e del pluralismo ”, ha detto Papa Francesco.

“La tua è l’identità di un popolo che non abbandona le sue case e il suo patrimonio, l’identità di un popolo che rifiuta di rinunciare al sogno di chi ha creduto nel futuro di un Paese bello e prospero”

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Amazon cancella il libro evangelico

Amazon cancella il libro evangelico

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo