Papa Francesco si recherà in Iraq nel 2021

Il Vaticano ha annunciato lunedì che Papa Francesco si recherà in Iraq nel marzo 2021. Sarà il primo Papa a visitare il Paese, che si sta ancora riprendendo la devastazione inflitta dallo Stato Islamico.

Il viaggio papale di quattro giorni in Iraq 5-8 marzo includerà tappe a Baghdad, Erbil e Mosul. Sarà il primo viaggio internazionale del papa in oltre un anno a causa della pandemia di coronavirus.

La visita di Papa Francesco in Iraq arriva su richiesta della Repubblica dell’Iraq e della Chiesa cattolica locale, ha detto ai giornalisti il ​​direttore della Sala Stampa della Santa Sede Matteo Bruni il 7 dicembre.

Durante il viaggio, il papa visiterà le comunità cristiane della Piana di Ninive, devastate dallo Stato Islamico dal 2014 al 2016 che hanno causato la fuga dei cristiani dalla regione. Papa Francesco ha più volte espresso la sua vicinanza a queste comunità cristiane perseguitate e il suo desiderio di visitare l’Iraq.

Negli ultimi anni preoccupazioni per la sicurezza hanno impedito al papa di soddisfare il suo desiderio di visitare l’Iraq.

Papa Francesco ha detto nel 2019 che voleva visitare l’Iraq nel 2020, tuttavia il Vaticano ha confermato prima dello scoppio del coronavirus in Italia che quest’anno non si sarebbe verificato nessun viaggio papale in Iraq.

Il segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, ha visitato l’Iraq durante il periodo natalizio nel 2018 e ha concluso che all’epoca il paese era ancora insicuro per una visita papale.

Il programma ufficiale per il primo viaggio apostolico in programma del papa dall’inizio della pandemia sarà pubblicato in una data successiva e “prenderà in considerazione l’evoluzione dell’emergenza sanitaria mondiale”, ha detto Bruni.

Il papa visiterà la pianura di Ur nel sud dell’Iraq, che la Bibbia ricorda come il luogo di nascita di Abramo. Visiterà anche la città di Qaraqosh, nel nord dell’Iraq, dove i cristiani stanno lavorando per ricostruire migliaia di case e quattro chiese danneggiate dallo Stato islamico.

Il presidente dell’Iraq, Barham Salih, ha accolto con favore la notizia della visita papale, scrivendo su Twitter il 7 dicembre: “Il viaggio di Papa Francesco in Mesopotamia – culla della civiltà, città natale di Abramo, padre dei fedeli – sarà un messaggio di pace agli iracheni di tutte le religioni e servono ad affermare i nostri valori comuni di giustizia e dignità “.

Il cristianesimo è presente nella pianura di Ninive in Iraq – tra Mosul e il Kurdistan iracheno – sin dal I secolo.

Mentre molti cristiani fuggiti dall’attacco dello Stato Islamico nel 2014 non sono tornati alle loro case, quelli che sono tornati hanno cercato di affrontare le sfide della ricostruzione con speranza e forza, un sacerdote cattolico caldeo, p. Karam Shamasha, ha detto a CNA a novembre.

Sei anni dopo l’invasione dello Stato Islamico, l’Iraq deve affrontare difficili problemi economici insieme ai danni fisici e psicologici causati dal conflitto, ha spiegato il sacerdote.

“Stiamo cercando di guarire questa ferita creata dall’ISIS. Le nostre famiglie sono forti; hanno difeso la fede. Ma hanno bisogno di qualcuno che dica: “Hai fatto molto bene, ma devi continuare la tua missione” ”, ha detto.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo