Papa Francesco: Sii testimone di Cristo nella tua vita ordinaria

Sii testimone di Gesù Cristo nel modo in cui conduci la tua vita ordinaria e quotidiana, e diventerà un capolavoro per Dio, ha incoraggiato Papa Francesco sabato.

Parlando nella festa di Santo Stefano Martire il 26 dicembre, ha detto: “Il Signore vuole che rendiamo la nostra vita dei capolavori attraverso le cose ordinarie, le cose quotidiane che facciamo”.

“Siamo chiamati a testimoniare Gesù proprio dove viviamo, nelle nostre famiglie, al lavoro, ovunque, anche solo dando la luce di un sorriso, una luce che non è la nostra – viene da Gesù”, ha detto il papa nel suo messaggio prima della preghiera dell’Angelus, trasmesso in diretta dalla biblioteca del palazzo apostolico.

Ha incoraggiato tutti a evitare pettegolezzi e chiacchiere e “quando vediamo qualcosa che non va, invece di criticare, mormorare e lamentarci, preghiamo per chi ha commesso un errore e per la situazione difficile”, ha consigliato.

“E quando una discussione inizia in casa, invece di cercare di vincerla, cerchiamo di diffonderla; e ricominciare ogni volta, perdonando chi ha offeso “, ha proseguito Francesco, aggiungendo che queste sono” piccole cose, ma cambiano la storia, perché aprono la porta, aprono la finestra alla luce di Gesù “.

Nel suo messaggio, Papa Francesco ha riflettuto sulla testimonianza di Santo Stefano, che, sebbene “ricevesse le pietre dell’odio, ha ricambiato con parole di perdono”.

Con le sue azioni, l’amore e il perdono, il martire “ha cambiato la storia”, ha detto il papa, ricordando che alla lapidazione di Santo Stefano era presente “un giovane di nome Saulo”, che “stava acconsentendo alla sua morte”.

Saulo, per grazia di Dio, si convertì in seguito e divenne San Paolo. “Questa è la prova che le azioni d’amore cambiano la storia”, ha detto Francesco, “anche quelle piccole, nascoste, quotidiane. Perché Dio guida la storia attraverso l’umile coraggio di chi prega, ama e perdona “.

Secondo il papa, sono tanti “i santi nascosti, i santi che sono della porta accanto, i testimoni nascosti della vita, che con piccoli gesti d’amore cambiano la storia”.

La chiave di questa testimonianza, ha spiegato, non sta risplendendo della propria luce, ma riflettendo la luce di Gesù.

Francesco ha anche sottolineato che gli antichi padri chiamavano la Chiesa “il mistero della luna” perché riflette anche la luce di Cristo.

Nonostante sia stato accusato ingiustamente e brutalmente lapidato a morte, Santo Stefano “ha permesso che la luce di Gesù risplendesse” pregando e perdonando i suoi assassini, ha affermato il papa.

“È il primo martire, cioè il primo testimone, il primo di una schiera di fratelli e sorelle che, anche fino ad oggi, continuano a portare la luce nelle tenebre – persone che rispondono al male con il bene, che non soccombono alla violenza e alle bugie, ma spezza il ciclo dell’odio con la mitezza e l’amore “, ha detto. “Nelle notti del mondo, questi testimoni portano l’alba di Dio”

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID