Papa Francesco prega per Maradona, lo ricorda ‘con affetto’

Probabilmente uno dei più grandi calciatori della storia, Diego Armando Maradona è morto giovedì, all’età di 60 anni.

La leggenda argentina era a casa, in convalescenza da un intervento chirurgico al cervello e in riabilitazione per il suo alcolismo quando ha subito un infarto.

Giovedì sera il Vaticano ha diffuso un comunicato sulla reazione di Papa Francesco alla morte del suo connazionale.

“Papa Francesco è stato informato della morte di Diego Maradona, ripensa con affetto alle occasioni di incontro [avute] in questi anni e lo ricorda nella preghiera, come ha fatto in questi giorni da quando ha saputo delle sue condizioni di salute”. ha detto ai giornalisti un portavoce del Vaticano giovedì.

Nel 2016, Maradona si è descritto come un uomo che era tornato alla sua fede cattolica ispirato da Papa Francesco, e il pontefice lo ha ricevuto in Vaticano più volte come parte di un gruppo più ampio di giocatori che si sono svolti nella “Partita per la pace”, un iniziativa per promuovere il dialogo interreligioso e la carità papale.

Per molti dei fan che piangevano la sua scomparsa, sia in Argentina che nella città italiana di Napoli, dove divenne una leggenda durante il culmine della sua carriera, Maradona occupava una nicchia speciale, che lo chiamava un dio. Non un profeta o la reincarnazione di qualche antica divinità del calcio, ma D10S (un gioco sulla parola spagnola dios per “Dio” che incorpora la maglia numero 10 di Maradona).

Era riluttante ad accettare questo confronto, come mostrato in un documentario della HBO del 2019, quando respinge un presentatore televisivo italiano che ha detto: “I napoletani hanno Maradona dentro di loro più di quanto non facciano Dio”.

La devozione che molti in Argentina avevano per Maradona – il governo ha dichiarato giovedì tre giorni di lutto – forse ha rivali solo a Napoli, una delle città più povere d’Italia: i biglietti di preghiera con l’eroe locale possono essere trovati probabilmente in ogni taxi e autobus urbano, murales mostrando il suo volto sono su edifici in tutta la città, e c’è anche un Santuario dei Capelli Miracolosi di Diego Maradona, completo di una piccola statua di Papa Francesco e biglietti di preghiera di diversi santi locali.

Maradona, sostenitore di lunga data di Hugo Chavez, Fidel Castro e Nicolas Maduro, ha parlato per la prima volta di Francesco dopo la sua elezione nel 2013, dicendo che voleva che il capo della Chiesa cattolica andasse avanti con le riforme e trasformasse il Vaticano da “una bugia ”In un’istituzione che dà di più alle persone.

“Deve cambiare uno Stato come il Vaticano perché si avvicini alla gente”, ha detto Maradona alla televisione napoletana Piuenne. “Il Vaticano, per me, è una bugia perché invece di dare alla gente toglie. Tutti i papi l’hanno fatto e io non voglio che lo faccia “.

Nel 2014 Maradona ha giocato alla prima partita di calcio di beneficenza organizzata dal Vaticano. Durante una conferenza stampa, ha detto: “Tutti in Argentina possono ricordare” la mano di Dio “nella partita dell’Inghilterra ai Mondiali del 1986. Ora, nel mio paese, la “mano di Dio” ci ha portato un Papa argentino “.

(La “Mano di Dio” fa riferimento al fatto che la mano di Maradona ha toccato la palla quando ha segnato contro l’Inghilterra, ma l’arbitro non ha dichiarato il goal nullo, facendo arrabbiare i tifosi inglesi.)

“Papa Francesco è ancora più grande di Maradona”, ha detto Maradona. “Dovremmo tutti imitare papa Francesco. Se ognuno di noi desse qualcosa a qualcun altro, nessuno al mondo morirebbe di fame “.

Due anni dopo, Maradona ha accreditato a Francesco il risveglio della sua fede e il suo ritorno alla Chiesa cattolica dopo averlo incontrato in un’udienza privata in Vaticano.

“Quando mi ha abbracciato, ho pensato a mia madre e dentro di me ho pregato. Sono contento di essere tornato in Chiesa ”, disse Maradona all’epoca.

Quello stesso anno, durante una conferenza stampa in vista dell’edizione 2016 della partita di calcio del Vaticano Uniti per la Pace, la stella del calcio disse di Francesco: “Sta facendo un ottimo lavoro anche in Vaticano, cosa che fa piacere a tutti i cattolici. Mi ero allontanato dalla chiesa per molte ragioni. Papa Francesco mi ha fatto tornare “.

Molti importanti cattolici sono andati su Twitter per esprimere i loro sentimenti dopo la morte di Maradona, tra cui l’americano Greg Burke, l’ex portavoce papale, che ha condiviso un video dello storico gol del giocatore contro l’Inghilterra nelle semifinali dei Mondiali del 1986:

Il vescovo Sergio Buenanueva è stato tra i primi nella gerarchia argentina a esprimere le sue condoglianze su Twitter, scrivendo semplicemente “riposa in pace”, accompagnato dall’hashtag #DiegoMaradona e dalla foto del giocatore che solleva i Mondiali nel 1986, l’ultima volta che l’Argentina vinse il torneo.

Altri, come il gesuita padre Alvaro Zapata, spagnolo, hanno scritto riflessioni più lunghe sulla vita e la perdita di Maradona: “C’è stato un tempo in cui Maradona era un eroe. La sua caduta nell’abisso delle dipendenze e la sua incapacità di uscirne ci raccontano i rischi di una vita da sogno “, ha scritto nel blog” Pastoral SJ “.

“Tanto errore dovrebbe mitizzarlo come persona esemplare, quanto eliminare la sua memoria per le sue cadute. Oggi dobbiamo ringraziare il tanto bene ricevuto per il suo talento, imparare dai suoi errori e anche rispettare la sua memoria senza fare benzina per l’idolo caduto “.

Anche Vatican News , il sito ufficiale di notizie della Santa Sede, giovedì ha pubblicato un articolo, definendo Maradona un “poeta del calcio”, e condividendo frammenti di un’intervista del 2014 che ha rilasciato a Radio Vaticana, in cui ha descritto un pallone da calcio come più potente. di 100 armi: “Lo sport è ciò che ti fa pensare che non farai del male agli altri”.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID