“Perché a volte sembra che Dio non ascolti le nostre preghiere?”, la risposta di Papa Francesco

La preghiera non è una bacchetta magica, è un dialogo con il Signore”.

Queste le parole di Papa Francesco nell’udienza generale, proseguendo le catechesi sulla preghiera.

“In effetti – ha proseguito il Pontefice – quando preghiamo possiamo cadere nel rischio di non essere noi a servire Dio, ma di pretendere che sia Lui a servire noi. Ecco allora una preghiera che sempre reclama, che vuole indirizzare gli avvenimenti secondo il nostro disegno, che non ammette altri progetti se non i nostri desideri”.

Il Santo Padre ha osservato: “C’è una contestazione radicale alla preghiera, che deriva da una osservazione che tutti facciamo: noi preghiamo, domandiamo, eppure a volte le nostre preghiere sembrano rimanere inascoltate: ciò che abbiamo chiesto – per noi o per gli altri – non si è realizzato. Se poi il motivo per cui abbiamo pregato era nobile, il non esaudimento ci appare scandaloso”.

Quindi, dopo una preghiera inascoltata, c’è chi smette di pregare: “Il Catechismo ci offre una buona sintesi sulla questione. Ci mette in guardia dal rischio di non vivere un’autentica esperienza di fede, ma di trasformare la relazione con Dio in qualcosa di magico. In effetti quando preghiamo possiamo cadere nel rischio di non essere noi a servire Dio, ma di pretendere che sia lui a servire noi. Ecco allora una preghiera che sempre reclama, che vuole indirizzare gli avvenimenti secondo il nostro disegno, che non ammette altri progetti se non i nostri desideri. Gesù invece ha avuto una grande sapienza mettendoci sulle labbra il ‘Padre nostro’. E’ una preghiera di sole domande, come sappiamo, ma le prime che pronunciamo sono tutte dalla parte di Dio. Chiedono che si realizzi non il nostro progetto, ma la sua volontà nei confronti del mondo”.

Bergoglio ha proseguito: “Tuttavia, rimane lo scandalo: quando gli uomini pregano con cuore sincero, quando domandano beni che corrispondono al Regno di Dio, quando una mamma prega per il figlio malato, perché a volte sembra che Dio non ascolti? Per rispondere a questa domanda, bisogna meditare con calma i Vangeli. I racconti della vita di Gesù sono pieni di preghiere: tante persone ferite nel corpo e nello spirito gli chiedono di essere guarite”.

Papa Francesco ha spiegato che la nostra supplica non rimane inascoltata, ma l’accoglimento della preghiera, a volte, è differita nel tempo: “Vediamo che a volte la risposta di Gesù è immediata, invece in qualche altro caso essa è differita nel tempo. Dunque, in qualche occasione la soluzione del dramma non è immediata”.

Papa Bergoglio ha chiesto, quindi, di non perdere la fede anche quando le preghiere appaiono cadute nel vuoto.

LEGGI ANCHE: 9 consigli di Papa Francesco alle coppie che si stanno per sposare.

"Perché a volte sembra che Dio non ascolti le nostre preghiere?", la risposta di Papa Francesco

"Perché a volte sembra che Dio non ascolti le nostre preghiere?", la risposta di Papa Francesco

9 consigli di Papa Francesco alle coppie che si stanno per sposare

9 consigli di Papa Francesco alle coppie che si stanno per sposare

"Arrabbiarsi con Dio può fare bene", le parole di Papa Francesco

"Arrabbiarsi con Dio può fare bene", le parole di Papa Francesco

Papa Francesco: "Ho assistito a un miracolo, ve lo racconto"

Papa Francesco: "Ho assistito a un miracolo, ve lo racconto"

Il Papa ai giovani: Karol ci dice che le prove si superano "entrando in Cristo"

Il Papa ai giovani: Karol ci dice che le prove si superano "entrando in Cristo"

Papa Francesco: lo Spirito Santo illumina e sorregge i nostri passi

Papa Francesco: lo Spirito Santo illumina e sorregge i nostri passi

Papa Francesco e l'importanza della preghiera, perché l'uomo è un "mendicante di Dio"

Papa Francesco e l'importanza della preghiera, perché l'uomo è un "mendicante di Dio"