Perché è così importante ricordare la Pasqua a Natale

Quasi tutti amano il periodo natalizio. Le luci sono festive. Le tradizioni di vacanza che molte famiglie hanno sono durature e divertenti. Usciamo e troviamo l’albero di Natale giusto da portare a casa e decorare mentre la musica di Natale suona alla radio. Mia moglie e i miei figli adorano il periodo natalizio, e dopo tutto Andy Williams ci ricorda ogni periodo natalizio che è il periodo più bello dell’anno.

Quello che trovo affascinante del periodo natalizio è che questo è l’unico periodo dell’anno in cui va bene cantare di Gesù bambino. Pensa a tutti i canti natalizi che senti suonare alla radio e quanti di loro cantano di questo salvatore o re nato in questo giorno.

Ora, per quelli di voi che possono essere più eruditi, non è molto probabile che Gesù sia nato il 25 dicembre; quello è solo il giorno che scegliamo di celebrare la sua nascita. A proposito, se vuoi avere quella discussione, possiamo, ma non è questo il punto di questo articolo.

Ecco quello a cui voglio che tu pensi oggi: non è sorprendente quanto le persone si sentano a proprio agio cantando del bambino Gesù? Ci prendiamo del tempo per festeggiare la sua nascita, proprio come le persone festeggiano quando nascono altri bambini. Tuttavia, sappiamo che Gesù è venuto a morire per i nostri peccati e per essere il salvatore del mondo. Non era solo un uomo, ma era Emmanuele che è Dio con noi.

Quando inizi ad allontanarti dalla storia di Natale e inizi a muoverti verso la storia di Pasqua, allora succede qualcosa. Gli applausi e le celebrazioni sembrano scemare. Non esiste un mese di riproduzione di canzoni che celebrano la morte e la risurrezione di Gesù. L’atmosfera è completamente diversa. Perché succede questo? Questo è il fulcro della mia scrittura oggi, aiutandovi a riconciliare il Cristo a Natale con il Cristo a Pasqua.

Perché il mondo ama il Gesù del Natale?
Quando le persone pensano ai bambini a cosa pensano di solito? Fagottini di gioia carini, coccolosi e innocenti. Molte persone adorano tenere in braccio i bambini, prenderli in braccio, strizzarli sulle guance. Ad essere onesti, non mi piacevano molto i bambini. Non mi sentivo a mio agio a tenerli e mi rifuggivo da loro. Il momento decisivo per me è avvenuto quando ho avuto mio figlio. I miei sentimenti per i bambini e per tenerli in braccio sono cambiati tutti da allora; ora li amo. Tuttavia, ho detto a mia moglie che la nostra faretra è piena – non abbiamo bisogno di aggiungere altro alla nostra faretra.

La verità è che le persone amano i bambini a causa della loro innocenza e perché non sono minacciosi. Nessuno è davvero minacciato da un bambino. Tuttavia, c’erano molti nella storia del Natale che lo erano. Ecco come Matthew lo registra:

“Dopo che Gesù nacque a Betlemme in Giudea, al tempo del re Erode, i Magi dall’est andarono a Gerusalemme e chiesero: ‘Dov’è colui che è nato re dei Giudei? Abbiamo visto la sua stella quando è sorta e siamo venuti per adorarlo. All’udire questo, il re Erode rimase turbato e con lui tutta Gerusalemme ”( Matteo 2: 1-3 ).

Credo che questo disturbo fosse dovuto al fatto che Erode si sentiva minacciato. Il suo potere e il suo regno erano in gioco. Dopo tutto, i re siedono sui troni e questo re sarebbe venuto dopo il suo trono? Mentre c’erano molti a Gerusalemme che celebravano la nascita di Gesù , tutti non erano in quell’atmosfera festosa. Questo perché non hanno visto il bambino Gesù, hanno visto il re Gesù.

Vedi, molti nel nostro mondo non vogliono considerare Gesù oltre la mangiatoia. Finché possono tenerlo nella mangiatoia, rimane un bambino innocente e non minaccioso. Tuttavia, questo che giaceva in una mangiatoia sarebbe stato quello che sarebbe morto sulla croce. Questa realtà è solitamente quella che le persone non considerano nel periodo natalizio perché le sfida e le fa rispondere a domande che molti vogliono evitare.

Perché le persone litigano con il Gesù della Pasqua?
Il Gesù della Pasqua non è celebrato tanto dal mondo perché ci costringe a rispondere a domande difficili su chi è e chi siamo. Il Gesù della Pasqua ci costringe a considerare ciò che ha detto di se stesso e decidere se le sue affermazioni sono vere o meno. Una cosa è quando gli altri ti proclamano salvatore, quello è il Gesù del Natale. È un’altra cosa quando fai queste affermazioni da solo. Questo è il Gesù della Pasqua.

Il Gesù di Pasqua ti fa affrontare la tua condizione peccaminosa, per rispondere alla domanda: è questo Gesù l’uno o dovremmo cercarne un altro? È davvero il re dei re e il signore dei signori? Era davvero Dio in carne o solo un uomo che affermava di essere? Questo Gesù di Pasqua ti fa rispondere a quella che credo sia la domanda più importante nella vita che Gesù fece ai suoi discepoli.

“’Ma tu?’ chiese. ‘Chi dite che io sia?’ ”( Matteo 16:15 ).

Il Gesù del Natale non richiede che tu risponda a questa domanda. Ma il Gesù di Pasqua sì. La tua risposta a questa domanda determina tutto su come vivrai questa vita e, cosa più importante, su come trascorrerai l’eternità. Questa realtà costringe molti a non cantare così forte del Gesù della Pasqua perché devi venire a patti con chi è.

Il Gesù del Natale era carino e tenero. Il Gesù della Pasqua era ferito e spezzato.

Il Gesù del Natale era piccolo e innocente. Il Gesù della Pasqua era più grande della vita, sfidando ciò in cui credi.

Il Gesù del Natale è stato celebrato da molti, odiato da pochi. Il Gesù della Pasqua era odiato da molti e celebrato da pochi.

Il Gesù del Natale è nato per morire. Il Gesù di Pasqua è morto per vivere e dare la vita.

Il Gesù del Natale era il Re dei Re e il Signore dei Signori. Il Gesù della Pasqua è il Re dei Re e il Signore dei Signori.

In altre parole, la verità del Natale è resa cristallina dalla realtà della Pasqua.

Colmiamo il divario
Gesù è nato per essere il nostro salvatore, ma la strada per diventare salvatore sarebbe stata lastricata di chiodi e una croce. La cosa bella di questo è che Gesù ha scelto di percorrere questa strada. Ha scelto di diventare questo agnello di Dio e di venire a sacrificare la sua vita per il nostro peccato.

Apocalisse 13: 8 si riferisce a questo Gesù come l’agnello che fu immolato prima della fondazione del mondo. Nell’eternità passata, prima che una stella fosse mai stata creata, Gesù sapeva che questo momento sarebbe arrivato. Avrebbe assunto carne (Natale) che sarebbe stata maltrattata e rotta (Pasqua). Sarebbe stato celebrato e adorato (Natale). Sarebbe stato deriso, frustato e crocifisso (Pasqua). Sarebbe nato da una vergine, il primo e l’unico a farlo (Natale). Sarebbe risorto dai morti come un salvatore risorto, il primo e l’unico a farlo (Pasqua). È così che colmi il divario tra Natale e Pasqua.

Durante il periodo natalizio, non limitarti a celebrare le tradizioni: meravigliose ed eccitanti come sono. Non limitarti a cucinare il cibo e scambiare i regali e divertirti. Divertiti e goditi le festività natalizie, ma non dimentichiamo il vero motivo per cui festeggiamo. Possiamo festeggiare il Natale solo a causa della Pasqua. Se Gesù non è un salvatore risorto, la sua nascita non è molto più importante della tua o della mia. Tuttavia, è perché non solo è morto ma è risorto che è la nostra speranza di salvezza. Questo Natale, ricorda il Salvatore risorto perché in tutta onestà Gesù risorto è il vero motivo della stagione.

Cosa significa "Bibbia" e come ha preso quel nome?

Cosa significa "Bibbia" e come ha preso quel nome?

20 potenti versetti della Bibbia per aiutarti a essere paziente

20 potenti versetti della Bibbia per aiutarti a essere paziente

Bibbia: qual è il rapporto tra il Padre e il Figlio?

Bibbia: qual è il rapporto tra il Padre e il Figlio?

Perché è così importante ricordare la Pasqua a Natale

Perché è così importante ricordare la Pasqua a Natale

Come chiedere perdono a Dio

Come chiedere perdono a Dio

5 cose che impariamo dalla fede di Giuseppe a Natale

5 cose che impariamo dalla fede di Giuseppe a Natale

Ogni momento della nostra vita condiviso con Dio attraverso la Bibbia

Ogni momento della nostra vita condiviso con Dio attraverso la Bibbia