Miracoli di Gesù

Perché Gesù compì miracoli? Il vangelo ci risponde:

Perché Gesù compì miracoli? Nel vangelo di Marco la maggior parte dei miracoli di Gesù avvengono in risposta al bisogno umano. Una donna è malata, è guarita (Marco 1: 30-31). Una bambina viene demonizzata, viene liberata (7: 25-29). I discepoli hanno paura di annegare, la tempesta si è placata (4: 35-41). La folla è affamata, le migliaia vengono sfamate (6: 30-44; 8: 1-10). In generale, i miracoli di Gesù servono a ristabilire l’ordinario. [2] Solo la maledizione del fico ha un effetto negativo (11: 12-21) e solo i miracoli del nutrimento generano un’abbondanza su ciò che è necessario (6: 30-44; 8: 1-10).

Perché Gesù compì miracoli? Quali erano?

Perché Gesù compì miracoli? Quali erano? Come sostiene Craig Blomberg, i miracoli di Markan dimostrano anche la natura del regno predicato da Gesù (Marco 1: 14-15). Gli estranei in Israele, come un lebbroso (1: 40-42), una donna in emorragia (5: 25-34) o i gentili (5: 1-20; 7: 24-37), sono inclusi nel la sfera di influenza del nuovo regno. A differenza del regno di Israele, vincolato in modo protettivo dalle norme di purezza del Levitico, Gesù non viene contaminato dall’impurità che tocca. Invece, la sua santità e purezza sono contagiose. I lebbrosi vengono purificati da lui (1: 40-42). Gli spiriti maligni sono sopraffatti da lui (1: 21-27; 3: 11-12). Il regno che Gesù annuncia è un regno inclusivo, che attraversa i confini, ristoratore e vittorioso.

Perché Gesù compì miracoli? Cosa sappiamo?

Perché Gesù compì miracoli? Cosa sappiamo? I miracoli possono anche essere visti come l’adempimento delle Scritture. L’Antico Testamento promette di guarigione e restaurazione per Israele (ad esempio Isa 58: 8; Ger 33: 6), di inclusione per i gentili (ad esempio Isa 52:10; 56: 3) e di vittoria sulle forze spirituali e temporali ostili ( ad esempio Zeph 3:17; Zech 12: 7), si adempiono (almeno in parte) nelle azioni miracolose di Gesù.

C’è anche una relazione complicata tra i miracoli di Gesù e la fede dei beneficiari. Spesso il beneficiario di una guarigione sarà lodato per la sua fede (5:34; 10:52). Tuttavia, dopo aver svegliato Gesù per salvarli dalla tempesta, i discepoli vengono rimproverati per la loro mancanza di fede (4:40). Il padre che ammette di avere dubbi non viene rifiutato (9:24). Sebbene la fede spesso dia inizio ai miracoli, poiché Marco i miracoli non producono la fede, piuttosto, paura e meraviglia sono le risposte standard (2:12; 4:41; 5:17, 20). [4] In particolare, il Vangelo di Giovanni e Luca-Atti hanno una prospettiva molto diversa su questo (ad esempio Luca 5: 1-11; Giovanni 2: 1-11).

I racconti

Si è osservato che i racconti dei miracoli mariani hanno qualche somiglianza con le parabole. Alcuni miracoli imitano parabole, ad esempio la maledizione del fico in Marco (Marco 11: 12-25) e la parabola lucana del fico (Luca 13: 6-9). Inoltre, Gesù usa i miracoli anche per insegnare una lezione oggettiva riguardante il perdono (Marco 2: 1-12) e la legge del sabato (3: 1-6). Come Brian Blount osserva utilmente a questo riguardo, è forse significativo che delle prime quattro volte in cui Gesù è chiamato insegnante ( didaskale ), su un totale di dodici volte nel Vangelo di Marco, è come parte di un racconto miracoloso (4:38 , 5:35; 9:17, 38). [6] L’unica volta chiamato Rabbi ( Rabbouni) è durante la guarigione del cieco Bartimeo (10:51).

Il maestro

Nell’episodio forse miracoloso di disposizione per una stanza per celebrare la Pasqua (14:14), Gesù è anche chiamato “il maestro” ( didaskalos ). Sei dei tredici casi in cui Gesù lo nominano insegnante (incluso 10:51) in Marco non sono associati all’insegnamento in sé ma a dimostrazioni di potere soprannaturale. Non c’è una chiara distinzione tra Gesù l’insegnante e Gesù il taumaturgo, come potremmo aspettarci se insegnamento e miracoli fossero filoni separati della tradizione. O non c’è una rigorosa dicotomia per Marco tra i ministeri dell’insegnamento e dei miracoli di Gesù, o forse c’è una connessione più profonda tra loro?

Se Gesù è “maestro” anche o forse soprattutto quando compie miracoli, cosa significa questo per i discepoli? Forse, come coloro che seguivano il loro maestro, il loro primo ruolo in relazione ai miracoli era quello di testimoni. In tal caso, a cosa stavano assistendo?

Nel Nuovo Testamento Gesù piange 3 volte, ecco quando e il significato

Nel Nuovo Testamento Gesù piange 3 volte, ecco quando e il significato

Perché Gesù compì miracoli? Il vangelo ci risponde:

Perché Gesù compì miracoli? Il vangelo ci risponde:

La parola di Gesù: 23 Marzo 2021 commento inedito (video)

La parola di Gesù: 23 Marzo 2021 commento inedito (video)

Vangelo del giorno 22 Marzo 2021, il commento

Vangelo del giorno 22 Marzo 2021, il commento

Vangelo del giorno 21 Marzo 2021 e il commento del papa

Vangelo del giorno 21 Marzo 2021 e il commento del papa

Vangelo del giorno 20 Marzo 2021

Vangelo del giorno 20 Marzo 2021

Vangelo del giorno 15 Marzo 2021

Vangelo del giorno 15 Marzo 2021