Perché la Chiesa cattolica ha così tante regole create dall’uomo?

“Dove nella Bibbia si dice che [ il sabato dovrebbe essere spostato a domenica | possiamo mangiare carne di maiale | l’ aborto è sbagliato | due uomini non possono sposarsi | devo confessare i miei peccati a un prete | dobbiamo andare a messa ogni domenica | una donna non può essere prete | Non posso mangiare carne il venerdì durante la Quaresima ]. La Chiesa cattolica non ha inventato tutte queste cose? Questo è il problema con la Chiesa cattolica: è troppo preoccupato per regole create dall’uomo, e non con ciò che Cristo ha effettivamente insegnato “.

Se avessi un nichel per ogni volta che qualcuno poneva una domanda del genere, ThoughtCo non avrebbe più dovuto pagarmi, perché sarei stato facoltosamente ricco. Invece, passo ore ogni mese a spiegare qualcosa che, per le generazioni precedenti di cristiani (e non solo per i cattolici), sarebbe stato evidente.

Il padre lo sa meglio
Per molti di noi che sono genitori, la risposta è ancora evidente. Quando eravamo adolescenti, a meno che non fossimo già sulla buona strada per la santità, a volte ci arrabbiavamo quando i nostri genitori ci dicevano di fare qualcosa che pensavamo che non avremmo dovuto fare o che semplicemente non volevamo fare. Ha solo peggiorato la nostra frustrazione quando abbiamo chiesto “Perché?” e la risposta è tornata: “Perché l’ho detto”. Potremmo anche aver giurato ai nostri genitori che, quando avessimo figli, non avremmo mai usato quella risposta. Eppure, se ho preso un sondaggio tra i lettori di questo sito che sono genitori, ho la sensazione che la stragrande maggioranza ammetterebbe che si sono trovati ad usare quella linea con i loro figli almeno una volta.

Perché? Perché sappiamo cosa è meglio per i nostri figli. Forse non vorremmo metterlo così senza mezzi termini per tutto il tempo, o anche per un po ‘di tempo, ma questo è davvero ciò che sta al cuore di essere un genitore. E sì, quando i nostri genitori dissero: “Perché l’ho detto”, quasi sempre sapevano anche ciò che era meglio, e guardando indietro oggi – se siamo cresciuti sufficientemente – possiamo ammetterlo.

I vecchi in Vaticano
Ma cosa c’entra tutto ciò con “un gruppo di vecchi celibi che indossano abiti in Vaticano”? Non sono genitori; non siamo bambini. Che diritto hanno di dirci cosa fare?

Tali domande partono dal presupposto che tutte queste “regole create dall’uomo” sono chiaramente arbitrarie e quindi vanno alla ricerca di un motivo, che l’interrogante trova di solito in un gruppo di vecchi senza gioia che vogliono rendere la vita miserabile per il resto di noi . Ma fino a poche generazioni fa un simile approccio avrebbe avuto poco senso per la maggior parte dei cristiani e non solo per i cattolici.

La Chiesa: nostra madre e insegnante
Molto tempo dopo che la Riforma protestante fece a pezzi la Chiesa in modi che nemmeno il Grande scisma tra cattolici ortodossi orientali e cattolici romani non aveva fatto, i cristiani hanno capito che la Chiesa (in senso lato) è sia madre che insegnante. È più della somma del papa, dei vescovi, dei sacerdoti e dei diaconi, e in effetti più della somma di tutti noi che la compongono. È guidata, come Cristo ha detto che sarebbe, dallo Spirito Santo, non semplicemente per il suo bene, ma per il nostro.

E così, come ogni madre, ci dice cosa fare. E come i bambini, spesso ci chiediamo perché. E troppo spesso, coloro che dovrebbero sapere – cioè i sacerdoti delle nostre parrocchie – rispondono con qualcosa del tipo “Perché la Chiesa lo dice”. E noi, che potremmo non essere più adolescenti fisicamente, ma le cui anime potrebbero rimanere indietro di alcuni anni (o addirittura decenni) dietro i nostri corpi, siamo frustrati e decidiamo di conoscerlo meglio.

E così potremmo ritrovarci a dire: se altri vogliono seguire queste regole create dall’uomo, va bene; possono farlo. Per quanto riguarda me e la mia casa, serviremo le nostre stesse volontà.

Ascolta tua madre
Quello che ci manca, ovviamente, è quello che ci siamo persi quando eravamo adolescenti: Nostra Madre la Chiesa ha ragioni per ciò che fa, anche se coloro che dovrebbero essere in grado di spiegarci quei motivi non lo fanno o addirittura non possono farlo. Prendiamo, ad esempio, i Precetti della Chiesa , che coprono una serie di cose che molte persone considerano regole create dall’uomo: il dovere della domenica ; Confessione annuale ; il dovere pasquale ; digiuno e astinenza ; e sostenere materialmente la Chiesa (attraverso doni di denaro e / o tempo). Tutti i precetti della Chiesa sono vincolanti sotto il dolore del peccato mortale, ma dal momento che sembrano regole così ovviamente create dall’uomo, come può essere vero?

La risposta sta nello scopo di queste “regole create dall’uomo”. L’uomo fu fatto per adorare Dio; è nella nostra stessa natura farlo. I cristiani, sin dall’inizio, hanno messo da parte la domenica, il giorno della risurrezione di Cristo e la discesa dello Spirito Santo sugli Apostoli , per quell’adorazione. Quando sostituiamo la nostra volontà a questo aspetto fondamentale della nostra umanità, non falliamo semplicemente nel fare ciò che dovremmo; facciamo un passo indietro e oscuriamo l’immagine di Dio nelle nostre anime.

Lo stesso vale per la Confessione e l’obbligo di ricevere l’ Eucaristia almeno una volta all’anno, durante il periodo pasquale , quando la Chiesa celebra la risurrezione di Cristo. La grazia sacramentale non è qualcosa di statico; non possiamo dire: “Ne ho abbastanza adesso, grazie; non ne ho più bisogno”. Se non stiamo crescendo in grazia, stiamo scivolando. Stiamo mettendo a rischio le nostre anime.

Il nocciolo della questione
In altre parole, tutte queste “regole create dall’uomo che non hanno nulla a che fare con ciò che Cristo ha insegnato” fluiscono effettivamente dal cuore dell’insegnamento di Cristo. Cristo ci ha dato la Chiesa per insegnare e guidarci; lo fa, in parte, dicendoci cosa dobbiamo fare per continuare a crescere spiritualmente. E man mano che cresciamo spiritualmente, quelle “regole create dall’uomo” iniziano ad avere molto più senso e vogliamo seguirle anche senza che ci venga detto di farlo.

Quando eravamo giovani, i nostri genitori ci hanno ricordato costantemente di dire “per favore” e “grazie”, “sì, signore” e “no, signora”; aprire le porte agli altri; per permettere a qualcun altro di prendere l’ultimo pezzo di torta. Nel corso del tempo, tali “regole create dall’uomo” sono diventate una seconda natura, e ora ci riterremmo maleducati di non agire come ci hanno insegnato i nostri genitori. I Precetti della Chiesa e le altre “regole create dall’uomo” del Cattolicesimo agiscono allo stesso modo: ci aiutano a crescere nel tipo di uomini e donne che Cristo vuole che siamo.

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri