Perché voglio essere una suora di clausura

Sono un debuttante al contrario: questo mese sto entrando in un monastero trappista. Non è qualcosa di cui i cattolici sentono parlare troppo spesso, anche se le vocazioni alle comunità monastiche non sono diminuite in modo così drastico come le comunità attive. Suppongo di scrivere ora, prima di arrivare al chiostro, perché una volta che un candidato arriva al punto di chiedere il permesso di entrare, spera di non uscire mai. E quindi vorrei salutare il mondo.

Non fraintendetemi. Non sto fuggendo dal mondo perché odio il mondo e tutto ciò che contiene. Al contrario, il mondo è stato molto buono con me. Sono cresciuto bene, ho avuto un’infanzia felice e spensierata, e in un’altra epoca avrei potuto essere un vero debuttante.

Durante il liceo ho fatto domanda per l’ammissione ad Harvard, Yale, Princeton e altre quattro migliori università del paese e mi aspettavo di entrare in tutte. L’ho fatto. Sono andato a Yale. Sono stato annoverato tra i migliori e i più brillanti. Mancava ancora qualcosa.

Quel qualcosa era fede. Ero diventato cristiano l’estate prima del mio ultimo anno di liceo, ma non è stato fino al mio ultimo anno di college che finalmente sono tornato a casa, alla Chiesa cattolica. Sono stato confermato cattolico romano per il mio 21 ° compleanno, che è caduto la quarta domenica di Pasqua, 1978.

Vedo il mio desiderio di essere un contemplativo, che si è costantemente approfondito negli ultimi due anni, come una continuazione di una stessa chiamata: essere un seguace di Gesù, essere solo Dio. Per permettergli di fare con me come vuole. È lo stesso Signore che chiama.

Ora, perché l’ho appena fatto: ho stabilito le mie credenziali per il successo nel mondo che sto lasciando? Suppongo per lo stesso motivo per cui San Paolo si vanta nella sua lettera ai Filippesi:

Quelle cose che consideravo guadagno non le ho rivalutate come perdita alla luce di Cristo. Sono arrivato a considerare tutto come una perdita alla luce della conoscenza superiore del mio Signore Gesù Cristo. Per il suo bene ho perso tutto; Ho tenuto conto di tutta la spazzatura in modo che Cristo possa essere la mia ricchezza e io possa essere in lui ”. (3: 7–9)

Coloro che pensano che chiunque abbia una ragionevole quantità di intelligenza non potrebbe voler entrare in un monastero dovrebbe ripensarci. Non è che voglio correre dal mondo tanto quanto è che voglio correre verso qualcos’altro. Sono arrivato a credere, con Paolo, che solo Gesù Cristo è importante. Non importa nient’altro.

E così, ancora una volta, ho fatto domanda di ammissione a un diverso tipo di istituzione. L’ho fatto con la convinzione di non poter fare nient’altro. Vedo la realtà in termini di morte e risurrezione, peccato e perdono – e per me la vita monastica vive meglio quel vangelo.

Esisto per conoscere, amare e servire Dio. Povertà, castità e obbedienza sono scelte positive, non semplici voti che derivano dall’essere una suora. È bello vivere semplicemente, allinearsi con i poveri come fece Gesù. È bello amare Dio così tanto che anche la sua assenza è preferibile alla presenza di qualcun altro. È bene imparare a rinunciare anche alla propria volontà, forse a ciò a cui si aggrappano più strettamente, proprio come fece Gesù nel giardino.

Tutto ciò fa sembrare la vita monastica molto pia e romantica. Non c’è niente di romantico nel alzarsi alle 3:15 del mattino per le veglie. L’ho fatto per una settimana in ritiro e mi chiedevo come avrei potuto farlo per i prossimi 50 anni.

Non c’è niente di romantico nel rinunciare alla carne: adoro la pizza ai peperoni e la pancetta. Non c’è niente di romantico nel non poter scrivere i miei amici e sapere che la mia famiglia è autorizzata, ma cinque giorni all’anno con me.

Ma fa tutto parte di una vita di solitudine e silenzio, preghiera e penitenza, e lo voglio. E quello stile di vita è davvero così diverso da quello che incontrano le persone nel “mondo reale”?

I genitori si svegliano alle 3:15 del mattino per riscaldare una bottiglia o prendersi cura dei bambini malati. Quelli senza la sicurezza di un lavoro non possono permettersi la carne. Coloro le cui circostanze (non deve essere la morte) le tengono lontane dalla famiglia e dagli amici sanno che la separazione è difficile. Tutto senza il vantaggio di sembrare pio e religioso.

Forse Dio avvolge semplicemente le vocazioni dell’essere umano in pacchetti diversi.

E questo è il mio punto. Questo non vuole essere semplicemente un’apologia della mia vocazione (apparentemente monastica). A differenza di Thomas Merton o St. Paul o di tanti altri famosi convertiti, non ho avuto traumi importanti, nessuna esperienza di conversione accecante, nessun cambiamento radicale nello stile di vita o nella moralità.

Il giorno in cui ho riconosciuto Gesù come Signore ero seduto su una roccia che domina un laghetto. Come indicazione che Dio aveva ascoltato la mia professione di credenza in suo Figlio, mi aspettavo per metà tuoni e lampi sull’acqua. Non ce n’era. Ci sono stati pochissimi tuoni e lampi nella mia vita.

Ero già un bravo bambino. Dovrebbe essere così sorprendente che cerco il massimo bene, Dio stesso? I cristiani ascoltano così spesso solo delle conversioni straordinarie, radicali, degli estremi dei santi. Ciò tende a togliere dall’ordinario l’affare di essere buoni, di seguire Gesù.

Ma Dio lavora precisamente attraverso l’ordinario. Il Vangelo chiama i credenti a una vita di continua conversione (come dicono i trappisti, conversazione morale ). Conversione dell’ordinario. Conversione nell’ordinario. Conversione nonostante e per via dell’ordinario. La vita di fede deve essere vissuta in un cuore umano, ovunque si trovi quella persona.

Ogni giorno è un’occasione per vedere di nuovo Dio, per vedere Dio negli altri e nelle situazioni molto umane (e talvolta irreligiose) in cui le persone si trovano.

Essere cristiani significa prima essere umani. Come diceva Sant’Ireneo, “Gloria Dei vivens homo”, la gloria di Dio è un essere umano pienamente vivo. I cristiani non dovrebbero passare molto tempo a cercare di capire se “hanno una vocazione”, come se fosse un gene recessivo o qualcosa di nascosto dietro l’orecchio sinistro. Tutti i cristiani hanno una vocazione: essere pienamente umani, essere pienamente vivi.

Goditi la vita, sii umano, abbi fede e questo rivelerà Dio e la gloria di Dio, cosa che tutti i monaci o le monache cercano di fare.

La mia data di entrata è il 31 maggio, festa della Visitazione, la festa di portare Gesù agli altri. C’è un paradosso in questo, che in una festa di uscire per gli altri dovrei entrare, apparentemente lontano dagli altri. Ma il paradosso è che entrando in un chiostro sono in realtà più vicino agli altri per il mistero del potere della preghiera. In qualche modo la mia preghiera e la preghiera delle mie sorelle trappiste porteranno Gesù agli altri.

Il contemplativo, dopo tutto, lascia il mondo solo per pregare per meglio. Chiedo le tue preghiere e ti prometto le mie.

Articoli correlati