Pillole di Fede 6 Febbraio “Non è costui il carpentiere?”

Giuseppe amò Gesù come un padre ama suo figlio e gli si dedicò dandogli il meglio che poteva.Giuseppe, prendendo cura di quel Bambino che gli era stato affidato, fece di Gesù un artigiano: gli trasmise il suo mestiere. Gli abitanti di Nazaret parleranno pertanto di Gesù chiamandolo a volte “carpentiere” o “il figlio del carpentiere” (Mt 13,55)….

Gesù dovette rassomigliare a Giuseppe in molti aspetti: nel modo di lavorare, nei lineamenti del suo carattere, nell’accento. Il realismo di Gesù, il suo spirito di osservazione, il modo di sedere a mensa e spezzare il pane, il gusto per il discorso concreto, prendendo spunto dalle cose della vita ordinaria: tutto ciò è il riflesso dell’infanzia e della giovinezza di Gesù, e quindi pure il riflesso della dimestichezza con Giuseppe. Non è possibile negare la grandezza del mistero: questo Gesù, che è uomo, che parla con l’inflessione di una determinata regione di Israele, che assomiglia a un artigiano di nome Giuseppe, costui è il Figlio di Dio. E chi può insegnare qualcosa a chi è Dio? Ma Gesù è realmente uomo e vive normalmente: prima come bambino, poi come ragazzo che comincia a dare una mano nella bottega di Giuseppe, finalmente come uomo maturo, nella pienezza dell’età: “E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini” (Lc 2,52).

Giuseppe è stato, nell’ordine naturale, maestro di Gesù: ha avuto con Lui rapporti quotidiani delicati e affettuosi, e se n’è preso cura con lieta abnegazione. Tutto ciò non è forse un buon motivo per considerare questo uomo giusto (Mt 1,19), questo santo Patriarca, in cui culmina la fede dell’Antica Alleanza, come Maestro di vita interiore?

Articoli correlati