Promesse, benedizioni e indulgenze del Santo Rosario, la preghiera di questo mese

1. A tutti coloro che reciteranno il mio Rosario prometto la mia specialissima protezione.

2. Chi persevererà nella recita del mio Rosario, riceverà grazie potentissime.

3. Il Rosario sarà un’arma potentissima contro l’inferno, distruggerà i vizi, dissiperà il peccato e abbatterà le eresie.

4. Il Rosario farà rifiorire le virtù, le buone opere e otterrà alle anime le più abbondanti misericordie di Dio.

5. Chi confiderà in me, col Rosario, non sarà oppresso dalle avversità.

6. Chiunque reciterà devotamente il S. Rosario, con la meditazione dei Misteri, si convertirà se peccatore, crescerà in grazia se giusto e sarà fatto degno della vita eterna.

7. I devoti del mio Rosario nell’ora della morte, non moriranno senza Sacramenti.

8. Coloro che recitano il mio Rosario troveranno, durante la loro vita e nell’ora della morte, la luce di Dio e la pienezza delle sue grazie e parteciperanno ai meriti dei beati in Paradiso.

9. Io libero ogni giorno dal Purgatorio le anime devote del mio Rosario.

10. I veri figli del mio Rosario godranno di una grande gioia in cielo.

11. Ciò che chiederai col Rosario, l’otterrai.

12. Coloro che propagano il mio Rosario saranno da me soccorsi in ogni loro necessità

13. Io ho ottenuto da mio Figlio che tutti i devoti del Rosario abbiano per fratelli nella vita e nell’ora della morte i Santi del Cielo.

14. Coloro che reciteranno il mio Rosario fedelmente sono tutti figli miei amatissimi, fratelli e sorelle di Gesù.

15. La devozione del Santo Rosario è un grande segno di predestinazione.

Benedizioni del Rosario :

1. I peccatori saranno perdonati.

2. Le anime assetate saranno ristorate.

3. Coloro che sono incatenati avranno le loro catene spezzate.

4. Coloro che piangono troveranno felicità.

5. Coloro che sono tentati troveranno pace.

6. Il povero troverà aiuto.

7. I Religiosi saranno corretti.

8. Coloro che sono ignoranti saranno istruiti.

9. L’ardente imparerà a superare l’orgoglio.

10. I defunti (le anime sante del purgatorio) avranno sollievo alle loro pene dai suffragi.

Indulgenze per la recita del Rosario

Si concede l’indulgenza plenaria al fedele che: recita devotamente il Rosario mariano in chiesa od oratorio, oppure in famiglia, in una comunità religiosa, in una associazione di fedeli e in modo generale quando più fedeli si riuniscono per un fine onesto; si unisce devotamente alla recita di questa preghiera mentre viene fatta dal Sommo Pontefice, e trasmessa per mezzo della televisione o della radio. Nelle altre circostanze invece l’indulgenza è parziale.

Per l’indulgenza plenaria annessa alla recita del Rosario mariano si stabiliscono queste norme: è sufficiente la recita della sola terza parte; ma le cinque decadi devono recitarsi senza interruzione; alla preghiera vocale si deve aggiungere la pia meditazione dei misteri; nella recita pubblica i misteri devono essere enunziati secondo l’approvata consuetudine vigente nel luogo; invece in quella privata è sufficiente che il fedele aggiunga alla preghiera vocale la meditazione dei misteri.

Dal Manuale delle Indulgenze n° 17 pagg. 67-68

Articoli correlati