Qual è il più grande miracolo di Gesù?

Gesù, come Dio nella carne , aveva il potere di compiere un miracolo ogni volta che era necessario. Aveva la capacità di trasformare l’acqua nel vino (Giovanni 2: 1 – 11), di far produrre una moneta a un pesce (Matteo 17:24 – 27) e persino di camminare sull’acqua (Giovanni 6:18 – 21). Gesù poteva anche guarire coloro che erano ciechi o sordi (Giovanni 9: 1 – 7, Marco 7:31 – 37), riattaccare un orecchio mozzato (Luca 22:50 – 51) e liberare le persone dai demoni più vili (Matteo 17:14 – 21). Qual è stato, tuttavia, il più grande miracolo che ha compiuto?
Probabilmente, il più grande miracolo testimoniato finora dall’uomo è la completa guarigione e il ripristino della vita fisica a qualcuno che è morto. È un evento così raro che solo dieci sono registrati in tutta la Bibbia. Gesù, in tre diverse occasioni, riportò in vita una persona (Luca 7:11 – 18, Marco 5:35 – 38, Luca 8:49 – 52, Giovanni 11).

Questo articolo elenca i principali motivi per cui la risurrezione di Lazzaro, trovata in Giovanni 11, fu il miracolo più unico e più grande manifestato durante il ministero di Gesù.

Un amico di famiglia
Le prime due risurrezioni che Gesù compì (il figlio di una donna vedova e la figlia di un sovrano della sinagoga) riguardavano persone che non conosceva personalmente. Nel caso di Lazzaro, tuttavia, aveva trascorso del tempo con lui e le sue sorelle in un’occasione registrata (Luca 10:38 – 42) e probabilmente anche altri, data la stretta vicinanza di Betania a Gerusalemme. Cristo ha avuto una relazione stretta e amorevole con Maria, Marta e Lazzaro prima del suo miracolo riportato in Giovanni 11 (vedere Giovanni 11: 3, 5, 36).

Un evento programmato
La risurrezione di Lazzaro a Betania fu un miracolo attentamente programmato per massimizzare la gloria che avrebbe generato per Dio (Giovanni 11: 4). Ha anche consolidato la resistenza a Gesù da parte delle più alte autorità religiose ebraiche e ha iniziato la pianificazione che avrebbe portato al suo arresto e crocifissione (versetto 53).

A Gesù fu personalmente detto che Lazzaro era gravemente malato (Giovanni 11: 6). Avrebbe potuto correre a Betania per guarirlo o, da dove si trovava, semplicemente comandato che il suo amico fosse guarito (vedere Giovanni 4:46 – 53). Sceglie invece di aspettare fino alla morte di Lazzaro prima di recarsi a Betania (versetti 6 – 7, 11 – 14).

Il Signore e i suoi discepoli arrivano a Betania quattro giorni dopo la morte e la sepoltura di Lazzaro (Giovanni 11:17). Quattro giorni furono abbastanza lunghi perché il suo corpo iniziasse a generare un odore pungente a causa della sua carne in decomposizione (versetto 39). Questo ritardo è stato pianificato in modo tale che anche i critici più severi di Gesù non sarebbero in grado di spiegare il miracolo unico e meraviglioso che ha compiuto (vedere i versetti 46 – 48).

Quattro giorni hanno anche permesso alla notizia della morte di Lazzaro di recarsi nella vicina Gerusalemme. Ciò ha permesso ai partecipanti al lutto di recarsi a Betania per consolare la famiglia ed essere inaspettati testimoni della potenza di Dio attraverso suo Figlio (Giovanni 11:31, 33, 36 – 37, 45).

Lacrime rare
La resurrezione di Lazzaro è l’unica volta registrata in cui Gesù viene visto piangere immediatamente prima di compiere un miracolo (Giovanni 11:35). È anche l’unica volta in cui gemette dentro di sé prima di manifestare il potere di Dio (Giovanni 11:33, 38). Vedi il nostro affascinante articolo sul perché il nostro Salvatore gemette e pianse poco prima di quest’ultimo risveglio dei morti!

Un grande testimone
La miracolosa resurrezione a Betania fu un atto innegabile di Dio testimoniato da una grande folla di persone.

La resurrezione di Lazzaro fu vista non solo da tutti i discepoli di Gesù, ma anche da quelli di Betania in lutto per la sua perdita. Il miracolo è stato inoltre visto da parenti, amici e altre parti interessate che hanno viaggiato dalla vicina Gerusalemme (Giovanni 11: 7, 18 – 19, 31). Il fatto che la famiglia di Lazzaro fosse anche finanziariamente prospera (vedere Giovanni 12: 1 – 5, Luca 10:38 – 40) contribuì senza dubbio anche a una folla più ampia del solito.

È interessante notare che molti di coloro che non credevano in Gesù potevano resuscitare i morti o lo avevano apertamente criticato per non essere venuto prima che Lazzaro morisse vedeva il suo grande miracolo (Giovanni 11:21, 32, 37, 39, 41 – 42). In effetti, diverse persone che erano alleate dei farisei , un gruppo religioso che odiava Cristo, riferirono cosa accadde loro (Giovanni 11:46).

Cospirazione e profezia
L’impatto del miracolo di Gesù è sufficiente a giustificare un incontro organizzato in modo affrettato del Sinedrio , la più alta corte religiosa tra gli ebrei che si incontra a Gerusalemme (Giovanni 11:47).

La resurrezione di Lazzaro rafforza la paura e l’odio che la leadership ebraica ha contro Gesù (Giovanni 11:47 – 48). Li motiva anche a cospirare, come gruppo, su come farlo uccidere (versetto 53). Cristo, conoscendo i loro piani, lascia immediatamente Betania per Efraim (versetto 54).

Il sommo sacerdote del tempio , quando informato del miracolo di Cristo (a sua insaputa), offre una profezia secondo cui la vita di Gesù deve essere conclusa in modo che il resto della nazione possa essere salvato (Giovanni 11:49 – 52). Le sue parole sono le uniche che pronuncerebbe a testimonianza della vera natura e scopo del ministero di Gesù.

Gli ebrei, che non sono sicuri che Cristo verrà a Gerusalemme per la Pasqua ebraica, emettono il loro unico editto registrato contro di lui. L’editto ampiamente distribuito afferma che tutti gli ebrei fedeli, se vedono il Signore, devono riportare la sua posizione in modo che possa essere arrestato (Giovanni 11:57).

Gloria a lungo termine
La natura drammatica e pubblica di Lazzaro risuscitato dai morti portò una gloria diffusa, sia immediata che a lungo termine, a Dio e Gesù Cristo. Questo, non a caso, era l’obiettivo principale del Signore (Giovanni 11: 4, 40).

L’esibizione di Gesù della potenza di Dio fu così sorprendente che persino gli ebrei che avevano dubitato di essere il promesso Messia gli credettero (Giovanni 11:45).

La resurrezione di Lazzaro era ancora “il discorso della città” settimane dopo quando Gesù tornò a Betania per visitarlo (Giovanni 12: 1). In effetti, dopo aver scoperto che Cristo era nel villaggio, molti ebrei vennero a vedere non solo lui ma anche Lazzaro (Giovanni 12: 9)!

Il miracolo che Gesù compì fu così grande e degno di nota che il suo impatto continua ancora oggi anche nella cultura popolare. Ha ispirato la creazione di libri, programmi televisivi, film e persino termini legati alla scienza. Gli esempi includono “The Lazarus Effect”, il titolo di un romanzo di fantascienza del 1983, nonché il nome di un film horror del 2015. Diversi romanzi di fiction di Robert Heinlein usano un personaggio principale di nome Lazarus Long che possedeva una durata di vita incredibilmente lunga .

La moderna frase “Sindrome di Lazzaro” si riferisce al fenomeno medico della circolazione che ritorna a una persona dopo che i tentativi di rianimazione sono falliti. Il breve sollevamento e abbassamento di un braccio, in alcuni pazienti che sono morti di cervello, è indicato come un “segno di Lazzaro”.

Conclusione
La risurrezione di Lazzaro è il più grande miracolo compiuto da Gesù ed è facilmente uno degli eventi più importanti nel Nuovo Testamento . Non solo mette in mostra il perfetto potere e l’autorità di Dio su tutti gli umani, ma testimonia, per tutta l’eternità, che Gesù è il Messia promesso.

Articoli correlati