Qual è il significato dell’apocalisse nella Bibbia?

Il concetto di apocalisse ha una lunga e ricca tradizione letteraria e religiosa il cui significato va oltre ciò che vediamo nei manifesti di film drammatici.

La parola apocalisse deriva dalla parola greca apokálypsis , che si traduce più letteralmente in “una scoperta”. Nel contesto di testi religiosi come la Bibbia, la parola viene spesso usata in relazione a una sacra divulgazione di informazioni o conoscenze, di solito attraverso una sorta di sogno profetico o visione. La conoscenza di queste visioni è in genere correlata ai tempi finali o alle intuizioni sulla verità del divino.

Numerosi elementi sono spesso associati all’apocalisse biblica, tra cui, a titolo esemplificativo , simbolismo basato su immagini , numeri e periodi di tempo specifici o significativi. Nella Bibbia cristiana , ci sono due grandi libri apocalittici; nella Bibbia ebraica, ce n’è solo uno.

Parole chiave
Rivelazione: scoprire una verità.
Rapimento: l’idea che tutti i veri credenti vivi alla fine dei tempi saranno portati in paradiso per stare con Dio. Il termine viene spesso utilizzato in modo improprio come sinonimo di apocalisse. La sua esistenza è oggetto di molti dibattiti tra le confessioni cristiane.
Figlio dell’uomo: un termine che appare negli scritti apocalittici ma non ha una definizione di consenso. Alcuni studiosi ritengono che affermi il lato umano della duplice natura di Cristo; altri credono che sia un modo idiomatico di riferirsi al sé.
Il libro di Daniele e le quattro visioni
Daniel è l’apocalisse che condividono le tradizioni ebraiche e cristiane. Si trova nell’Antico Testamento della Bibbia cristiana tra i principali profeti (Daniele, Geremia, Ezechiele e Isaia) e nel Kevitum nella Bibbia ebraica. La sezione relativa all’apocalisse è la seconda metà dei testi, che consiste in quattro visioni.

Il primo sogno è di quattro bestie, una delle quali distrugge il mondo intero prima di essere distrutta da un giudice divino, che poi regala l’eterna regalità a un “figlio dell’uomo” (stesso una frase particolare che compare frequentemente negli scritti apocalittici giudeo-cristiani ). A Daniele viene quindi detto che le bestie rappresentano le “nazioni” della terra, che un giorno faranno guerra contro i santi ma riceveranno un giudizio divino. Questa visione include diversi segni distintivi dell’apocalisse biblica, tra cui il simbolismo numerico (quattro bestie rappresentano quattro regni), previsioni di tempi di fine e periodi rituali non definiti da standard normali (viene specificato che il re finale farà la guerra per “due volte e metà”).

La seconda visione di Daniel è di un montone a due corna che corre dilagante fino a quando non viene distrutto da una capra. La capra quindi cresce un piccolo corno che diventa sempre più grande fino a che non profanasse il sacro tempio. Ancora una volta, vediamo gli animali usati per rappresentare le nazioni umane: si dice che le corna degli arieti rappresentino i persiani e i medi, e mentre si dice che la capra sia la Grecia, il suo corno distruttivo è esso stesso rappresentante di un re malvagio a venire. Le profezie numeriche sono presenti anche attraverso la specifica del numero di giorni in cui il tempio è impuro.

L’angelo Gabriele, che spiegò la seconda visione, ritorna per le domande di Daniele sulla promessa del profeta Geremia che Gerusalemme e il suo tempio sarebbero stati distrutti per 70 anni. L’angelo dice a Daniele che la profezia si riferisce in realtà a un numero di anni equivalente al numero di giorni in una settimana moltiplicato per 70 (per un totale di 490 anni), e che il Tempio sarebbe stato restaurato ma poi distrutto di nuovo da un sovrano malvagio . Il numero sette gioca un ruolo importante in questa terza visione apocalittica, sia come numero di giorni in una settimana sia nei cruciali “settanta”, che è abbastanza comune: sette (o variazioni come “settanta volte sette”) è un numero simbolico che spesso rappresenta il concetto di numeri molto più grandi o il passaggio rituale del tempo.

La quarta e ultima visione di Daniel è probabilmente il più vicino al concetto rivelatore di fine dell’apocalisse trovato nell’immaginazione popolare. In esso, un angelo o un altro essere divino mostra a Daniel un tempo futuro in cui le nazioni dell’uomo sono in guerra, espandendosi sulla terza visione in cui un sovrano malvagio attraversa e distrugge il Tempio.

Apocalisse nel libro dell’Apocalisse
La rivelazione , che appare come l’ ultimo libro della Bibbia cristiana, è uno dei pezzi più famosi della scrittura apocalittica. Incorniciato come visioni dell’apostolo Giovanni, è pieno di simbolismo in immagini e numeri per creare una profezia della fine dei giorni.

La rivelazione è la fonte della nostra definizione popolare di “apocalisse”. Nelle visioni, a Giovanni vengono mostrate intense battaglie spirituali incentrate sul conflitto tra influenze terrene e divine e l’eventuale giudizio finale dell’uomo da parte di Dio. Le immagini e i tempi vividi, a volte confusi, descritti nel libro sono carichi di simbolismo che spesso si lega agli scritti profetici dell’Antico Testamento.

Questa apocalisse descrive, in termini quasi ritualistici, la visione di Giovanni di come Cristo tornerà quando è tempo che Dio giudichi tutti gli esseri terreni e ricompensi i fedeli con la vita eterna e gioiosa . È questo elemento – la fine della vita terrena e l’inizio di un’esistenza inconoscibile vicino al divino – che dà alla cultura popolare l’associazione di “apocalisse” con “fine del mondo”.

Articoli correlati